Inglese: present continuous and present simple

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Al giorno d'oggi, la conoscenza della lingua inglese è fondamentale e costituisce un requisito indispensabile per presentarsi al mondo del lavoro e non solo. Per essere in grado di affrontare dei dialoghi in inglese è importante disporre di una solida conoscenza delle regole grammaticali e dell'uso dei tempi verbali corretti. Un aspetto importante che riguarda i tempi verbali è la distinzione tra due tipi di tempi presente: present continuous and present simple. Si tratta di due forme basilari della grammatica inglese, che vanno utilizzate in modo opportuno e non a caso. Nei prossimi passi vedremo come formare questi due tempi verbali, in quale contesto utilizzarli e come evitare errori comuni.

25

Informazioni sul present simple

Il present simple, in un certo senso, corrisponde al nostro presente indicativo, ma viene utilizzato in modo diverso. Il present simple viene utilizzato per indicare un'azione che viene svolta in modo abituale, mentre il present continuous è utile quando facciamo riferimento ad un'azione che sta avvenendo in questo momento. Se escludiamo il verbo essere (to be), caratterizzato da una coniugazione particolare, il present simple si forma utilizzando l'infinito senza il "to" per tutte le persone, eccetto la terza singolare, a cui si aggiunge la s finale.
Un'altra eccezione è costituita dal verbo avere (to have), per il quale la terza persona singolare, diventa has. I verbi, il cui infinito termina in -y preceduto da consonante la terza persona singolare singolare si forma sostituendo la -y con -i e poi -es. Ad esempio: to study = he studies.

35

Informazioni sul present continuous

Il present continuous non ha un tempo verbale italiano al quale può essere associato. A livello logico, si può affermare che equivale alla forma costituita dal verbo "stare" seguito dal gerundio di un altro verbo (es: sto leggendo). Il present continuous si forma coniugando il presente di to be seguito dal participio presente (forma in -ing) del verbo principale.
Esempio: I am working (sto lavorando). La forma negativa si costruisce inserendo il not tra l'ausiliare e il verbo principale, mentre la forma interrogativa vuole il soggetto tra l'ausiliare e il verbo principale. Esempi: I am not working. Is he working?

Continua la lettura
45

Esempi

Il present continuous viene utilizzato per descrivere una azione che sta avvenendo nel momento in cui la persona sta parlando. Esempio: I'm going home. A differenza della lingua italiana, viene utilizzato anche per verbi intransitivi. Esempio: I'm sitting (Sono seduto). Un altro utilizzo tipico del present continuous riguarda un'azione che avverrà nel futuro, ma è già pianificata ed espressa da un avverbio o complemento di tempo. Esempio: Jane is leaving tonight (Jane partirà stanotte). Il present continuous non si usa, di norma, con to be, con i verbi di percezione (to see, to hear, etc.), con quelli che indicano un'emozione (to love, to hate, etc.) o un'attività mentale (to think, to know, etc.) e, infine, con quelli che indicano possesso (to have, to own, etc.).

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come usare il Present Continuous

Nella lingua inglese per esprimere il presente possono essere utilizzati sia il Simple Present che il Present Continuous (chiamato anche Present Progressive). In questa breve guida vi illustrerò la differenza tra i due tempi verbali e, soprattutto, come...
Lingue

Come utilizzare il past simple o il present perfect in inglese

Per poter viaggiare in tutto il mondo e conoscere nuove culture è bene prima imparare a parlare in inglese, ormai diventata la lingua più famosa e diffusa al mondo, partendo comunque dalle basi, necessarie per poter apprendere via via argomenti sempre...
Lingue

Come formare e usare il Present Perfect Continuous

Nella grammatica inglese il passato prossimo di un verbo spesso viene sostituito da una forma verbale particolare: il Present Perfect Continuous, solitamente tradotto con l'espressione passato prossimo progressivo. Tuttavia, i due tempi verbali si adoperano...
Lingue

Come usare il present perfect continuous

Il present perfect continuous è una delle regole grammaticali inglesi più ostiche in quanto può essere utilizzato per indicare diversi tipi di azioni ovvero un'azione iniziata nel passato recente e di una determinata durata, per sottolineare il prolungarsi...
Lingue

Inglese: past simple o past continuous

La lingua inglese richiede una conoscenza approfondita, in quanto rappresenta la lingua più parlata nel mondo. Per poter interagire facilmente durante i viaggi e ampliare la propria cultura personale è utile imparare bene le regole grammaticali. In...
Lingue

Come formare il Present Perfect in inglese

In inglese, così come nelle altre lingue, si nota la presenza di numerose regole grammaticali. Esse riguardano la coniugazione dei verbi, la concordanza degli aggettivi e tutto ciò che ci consente di acquisire una certa padronanza in termini di lingua...
Lingue

Inglese: come usare il present perfect

Il present perfect è un tempo verbale inglese che viene utilizzato per parlare di un'azione che, pur essendosi svolta nel passato, ha ancora qualche tipo di rapporto con il presente. Tale rapporto con il presente può avere a che fare o con il tempo...
Lingue

Inglese: il simple past

Nella lingua inglese il simple past o passato semplice è una forma verbale molto frequente. Appartiene alla categoria dei tempi semplici, cioè privi di ausiliari. Si adopera per descrivere azioni accadute e definitivamente concluse. Si utilizza anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.