Inglese: il periodo ipotetico

Tramite: O2O 20/04/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il periodo ipotetico rappresenta quella struttura sintattica che indica, appunto, un'ipotesi oppure una congettura, nonché la conseguenza che essa comporta. In buona sostanza esso è formato da una proposizione principale, detta anche reggente, e da una subordinata condizionale, che esprime la condizione che si deve verificare affinché avvenga quanto viene predicato nella reggente. In lingua inglese sono presenti quattro tipi di periodo ipotetico, che andremo immediatamente a citare. In primo luogo esiste quello di tipo zero (detto anche "zero conditional"), il quale indica una condizione che sicuramente si avvererà con il trascorrere del tempo. Poi è presente il primo tipo (detto anche "first conditional"), che indica una condizione che molto probabilmente si avvererà nel futuro. Quindi annoveriamo il secondo tipo (anche detto "second conditional"), il quale si riferisce ad una condizione che improbabilmente si potrebbe verificare. Per concludere, è presente il terzo tipo (ossia il "third conditional"), che invece rappresenta una condizione passata, di cui sappiamo che non si è verificata. A questo punto possiamo esaminare nel dettaglio, leggendo questa guida, come tradurre il periodo ipotetico in inglese. Ricordiamo che in inglese non esiste il modo congiuntivo, e che nella proposizione subordinata troviamo sempre l'indicativo.

26

Il periodo ipotetico di tipo zero

Il periodo ipotetico di tipo zero è anche definito "della realtà", dal momento che esprime un evento generale oppure abituale, che sicuramente accadrà nel tempo. Per meglio chiarire il concetto, si intende l'unione di una proposizione principale, definita "main clause", e di una dipendente, introdotta da se, ovvero da "if clause". Sono inseparabili, dal momento che avviene quanto indicato nella principale. In entrambe le proposizioni viene utilizzato il tempo presente, sia nella principale che nella dipendente. Quindi, avremo una frase del genere: "if + present simple, present simple". Per meglio comprendere i concetti espressi fino a questo momento, è buona regola effettuare qualche esempio. Una frase può essere la seguente: "If I don't eat enough in morning, I stay hungry for the whole day". Si tratta di frase affermativa. Invece "the sugar doesn't come out, if you don't press the botton" è una tipica frase negativa. Poi abbiamo "does the sugar come out, if I press the white botton?", che ovviamente è una frase interrogativa.

36

Il periodo ipotetico del primo tipo

Il periodo ipotetico del primo tipo è detto anche "della possibilità", dal momento che descrive alcuni eventi probabili oppure possibili. Per la proposizione principale viene utilizzato il futuro, mentre per la subordinata ci si rivolge sempre al presente: "if + present simple, simple future (will + infinito)". Anche in questo caso, comunque, è buona regola fare qualche piccolo esempio: "If you study, you will pass all the exams", è una frase affermativa. Invece "he won't help you, if you don't call him" è una proposizione negativa. Infine, "if you arrive on time, will you meet him?" rappresenta una frase interrogativa. Da notare che al posto di "will", possono essere regolarmente utilizzati anche "may", "can", "shall", a seconda del significato che si deve dare alla frase.

Continua la lettura
46

Il periodo ipotetico del secondo tipo

Il periodo ipotetico del secondo tipo, invece, si riferisce agli eventi che si possono verificare, ma vi è una probabilità non molto elevata che ciò possa accadere. Nella proposizione reggente è presente il condizionale presente, mentre nella condizionale il verbo è utilizzato al tempo passato semplice: "if + past simple (o past continuous), present conditional (would + infinito)". Vediamo, dunque, alcuni brevi esempi. "if you asked him, he would help you" rappresenta una tipica frase affermativa. "If he didn't waste his time, he wouldn't be always late", invece, è una frase negativa. Infine, "would you invite my sister, if I asked you it?" è una frase interrogativa. Da notare, con accuratezza, che al posto di "would" possono essere utilizzati anche "might", "could" se è necessario dare alla frase il significato di poter compiere o meno un'azione oppure un concetto di capacità e di possibilità. Vi facciamo anche notare che il verbo "to be" (essere), utilizzato nella "if clause", viene tradotto con "were" per tutte le persone. Tuttavia è possibile tradurlo con "was", per la prima e per la terza persona singola, nel linguaggio informale.

56

Il periodo ipotetico del terzo tipo

Infine, il periodo ipotetico del terzo tipo è detto anche "dell'impossibilità", dal momento che indica degli eventi avvenuti nel passato, che non si sono verificati. Pertanto viene considerato il periodo ipotetico dell'irrealtà. Nella reggente è presente il condizionale passato, mentre nella subordinata viene utilizzato past perfect. "if + past perfect (simple o continuous), past conditional (would + have + past participle)" è la sua tipica costruzione. Per concludere questa guida, vi forniamo alcuni utili esempi. "If you had worn your glasses, you would have noticed that guy staring at you" è una frase affermativa. "You wouldn't have had a bad heatache, if you hadn't drunk wine", ovviamente, è una frase negativa. "Would have worn his suit, if you hadn't been green?", invece, corrisponde ad una frase interrogativa. Da notare che al posto di "would" si possono anche utilizzare "might", "could", "should", a seconda del significato da attribuire alla frase da tradurre.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Inglese: il periodo ipotetico

Il periodo ipotetico rappresenta quella struttura sintattica che indica, appunto, un'ipotesi oppure una congettura, nonché la conseguenza che essa comporta. In buona sostanza esso è formato da una proposizione principale, detta anche reggente, e da...
Lingue

Come formare il periodo ipotetico in francese

Di questi tempi parlare due o più lingue è diventato di fondamentale importanza, soprattutto per le relazioni di lavoro e per chi vive e lavora all'estero. Non è infrequente infatti, soprattutto per le persone abituate a viaggiare molto, parlare più...
Lingue

Come fare Il Periodo Ipotetico In Spagnolo

Studiare una lingua richiede tempo e grande forza di volontà, non è affatto semplice, infatti, apprendere un nuovo idioma, e non occorre assolutamente fidarsi di quello che dicono conoscenti e persone che ne sanno poco. Una lingua che infatti può sembrare...
Lingue

Come usare il condizionale in inglese

Una tra le forme verbali più complicate da utilizzare nella lingua inglese è il condizionale, impiegato per indicare la realizzazione di un avvenimento al verificarsi di una particolare condizione (ad esempio, "Verrei al cinema con te, se avessi più...
Lingue

L’inglese britannico e l’inglese americano

L'inglese e l'americano sono due accezioni come sinonimi, inerenti a un codice linguistico univoco, con regole uguali sia a livello di pronuncia che a livello morfo-sintattico. In realtà sussistono numerose differenze tra l’inglese che viene parlato...
Lingue

I 10 errori più comuni che gli italiani commettono in inglese

L'inglese è una lingua ricca di storia e di facile apprendimento. La sua grammatica presenta certo delle particolarità, ma in misura minore rispetto alla lingua italiana. Questa semplicità, se da un lato è apprezzata dagli studenti, a volte può trarli...
Lingue

Breve storia della lingua inglese

La lingua inglese come la conosciamo adesso, ha centinaia di anni di storia sulle proprie spalle. Prima di tutto perché è il risultato delle più diverse occupazioni nel corso dei secoli. L'inglese è appartenente al gruppo linguistico indoeuropeo,...
Lingue

5 trucchi per insegnare inglese a tuo figlio

I bambini si trovano ad avvicinarsi all'inglese molto presto e la conoscenza della lingua inglese risulta essere un requisito fondamentale per il futuro di tutti i ragazzi i quali però sono poco propensi a stare sui libri interi sui libri a studiare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.