inglese: forma affermativa, interrogativa e negativa del verbo to be

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

L'inglese costituisce sicuramente la lingua più diffusa e conosciuta in tutto il mondo e al giorno d'oggi essa è davvero molto importante soprattutto se si ha intenzione di intraprendere una certa carriera lavorativa. Con l'inglese infatti è possibile riuscire a comunicare con persone provenienti da qualsiasi parte del mondo senza difficoltà. Imparare questa lingua per alcuni può sembrare piuttosto impegnativo e complicato ma con un po' di pratica e di allenamento tutti possono riuscirci. Per cominciare dunque, in questa guida verranno spiegate dettagliatamente la forma affermativa, interrogativa e negativa del verbo inglese ''to be'' .

24

La forma affermativa

Il verbo ''to be'' corrisponde in italiano al verbo ''essere'' ed è un verbo irregolare. Inoltre nella grammatica inglese esso svolge anche la funzione di ausiliare nella coniugazione dei tempi verbali composti. Il Presente Indicativo, che viene chiamato Simple Present, rappresenta la forma basilare del verbo e nella forma affermativa sta ad indicare delle azioni che si svolgono nel presente. Per fare il Presente Indicativo del verbo ''to be'' bisogna dunque seguire lo schema secondo il quale va messo prima il soggetto, poi il verbo ed infine il complemento. La coniugazione del verbo è la seguente :
I am - Io sono
You are - Tu sei
He/She/It is - Egli/Ella/Esso è
We are - Noi siamo
You are - Voi siete
They are - Essi sono.

34

La forma interrogativa

La forma interrogativa del verbo "to be" si ottiene invertendo l'ordine di verbo e soggetto all'interno della frase, ovvero secondo lo schema: verbo+soggetto+complemento. Nella sua forma negativa (+not) si usa invece la forma contratta. La forma interrogativa del verbo "to be" all’indicativo presente pertanto è:
Am I?
Are you?
Is he?
Is she?
Is it?
Are we?
Are you?
Are they?
Esempio per capire il uso della forma interrogativa:
Is Brad Pitt French? No, he isn't. He's American.
What about Angelina Joli? Is she American, too?
Yes, she is. She is American.
Are brad Pitt and Angelina Joli French?
No, They aren't. They are American.

Continua la lettura
44

La forma negativa

Per ciò che riguarda invece la forma negativa, essa si ottiene inserendo la particella negativa not dopo il verbo, secondo lo schema: soggetto+verbo+not+complemento. In italiano si traduce con "non essere". Quindi la forma negativa del Simple Present si coniuga nel seguente modo:
I am not
You are not
He is not
She is not
It is not
We are not
You are not
They are not. Esempio de esercizio: Compilare con la forma negativa del verbo to be: She isn't from France.
This book... Mine. Jane and Peter... Married. That... Right. My brother... Here at the moment. We... In England. It... Monday today. Jennie's surname... Peters. I... A hairdresser. My name... Alexander. There... Many people in this class. You're... English. My car … very expensive.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

La forma interrogativa in inglese

Negli ultimi anni, conoscere e parlare bene lingue straniere è davvero molto importante. Soltanto in questo modo è possibile viaggiare tranquillamente all'estero e cercare lavoro quasi dovunque. Tra le numerose lingue esistenti, quella da conoscere...
Lingue

Come Coniugare I Verbi Essere E Avere Al Presente In Inglese

In questa breve guida vi spiegherò come coniugare i verbi essere e avere al presente in inglese, in modo semplice e facile da capire; con esempi di frasi più comuni. Così vedrete che non avrete più dubbi e non lo dimenticherete più. Inoltre bisogna...
Lingue

Francese: la forma interrogativa

La forma interrogativa è importante in quanto ci dà la possibilità di conversare, chiedere informazioni, pareri e indicazioni. In francese, la costruzione della forma interrogativa si articola in ben tre modi per l'intero completamento è indispensabile...
Lingue

Come usare il verbo modale can in inglese

La lingua inglese è da tempo la più utilizzata al mondo, ma anche difficile da usare. È universalmente riconosciuto come linguaggio globale, della rete, del commercio e dello scambio culturale. Anche l'Italia si è adeguata all'inserimento del suo...
Lingue

La forma interrogativa in svedese

Lo svedese è una lingua non diffusa nel mondo e che si parla solo in Scandinavia, tuttavia potrebbe essere necessario impararla, poiché specie per i giovani, ci sono tantissime opportunità di lavoro, visto che si tratta di un paese che vanta un'economia...
Lingue

Francese: la forma negativa

Tutte le lingue neolatine ovvero quelle che derivano dal latino, hanno una forma negativa che si è sviluppata dagli avverbi di negazione "ne" e "non". Come in tutte le lingue la costruzione e la comprensione della forma negativa è estremamente semplice...
Lingue

La forma interrogativa in giapponese

Di certo le lingue orientali non sono di facile acquisizione. In particolar modo la lingua giapponese, data soprattutto l'incertezza sulle sue origini. Ma il fascino che emana questa cultura rende le sue tradizioni e la stessa lingua un polo di attrazione...
Lingue

Come Utilizzare In Inglese Le Forme Estese Del Verbo Keep

Nella grammatica inglese le forme verbali spesso si accompagnano a particelle avverbiali o preposizioni, come on, up, down, in. Queste mescolanze, per così dire, prendono il nome di "Phrasal and prepositional verbs". Attraverso queste costruzioni sintattiche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.