Inglese: come usare il futuro con to be going to

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per tutti coloro che studiano la lingua inglese o che più semplicemente la trovano interessante e molto utile in quanto utilizzata in tutto il mondo, ecco qualche consiglio e spiegazione che approfondisce l'uso delle forme verbali. Nello specifico, il tempo "futuro" da usare con "to be going to". Questa costruzione verbale è uno dei modi utilizzati nella lingua inglese, insieme al "futuro con will e shall" e al "Present Continuous", per esprimere i diversi significati del tempo futuro. L'unica cosa da fare è cogliere le sfumature e capire come e quando utilizzarlo nelle varie situazioni. Per esempio, "going", si riferisce ad azioni che si svolgeranno domani, ma restano vincolate a oggi, perché l'evento in generale dipende dal presente. Quindi il "going" si usa per indicare un'intenzione, una previsione futura che dipende dalle informazioni attuali. A questo punto non ci resta che vedere insieme in inglese: come usare il futuro con to be going to.

26

Occorrente

  • Conoscenza delle varie forme verbali
  • Studio ed esercizio
36

Futuro intenzionale

Per capire come ottenere nella lingua inglese il futuro con "to be going to" si può iniziare con il futuro intenzionale che si usa per esprimere l'intenzione appunto di compiere un'azione e non un programma prestabilito, come per esempio: "I'm going to leave tomorrow", cioè: "Ho intenzione di partire domani". Tuttavia, col futuro intenzionale si può anche descrivere una situazione imminente o una previsione fatta sulla base di una constatazione, come per esempio: "Look at the sky. It's going to rain", che significa: "Guarda il cielo, sta per piovere".

46

Forma affermativa e negativa

Nella costruzione del futuro con "to be going to" si utilizza il presente del verbo "to be" seguito da going e dall'infinito del verbo che esprime l'azione. Ecco allora la forma affermativa con il soggetto e il verbo "to be" al presente e poi going e l'infinito del verbo che esprime l'azione.
Per esempio "I'm going to take an exam in October" che tradotto diventa "Ho intenzione di dare un esame ad ottobre". Mentre nella forma negativa avremo il soggetto, il verbo "to be" al presente, not, going e l'infinito del verbo che esprime l'azione. Quindi, per esempio: "I'm not going to take an exam in October".

Continua la lettura
56

Forma interrogativa

Nella forma interrogativa sarà necessaria un'inversione dove prima ci sarà il verbo essere e poi il soggetto, in seguito going to e il verbo dell'azione. Quindi per formare l'interrogazione che si riferisce al futuro si usa il verbo essere al presente, il soggetto, going e l'infinito del verbo. Ecco un'esempio: "Are you going to leave tomorrow?, "Hai intenzione di partire domani?" oppure "Partirai domani?"

.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Conoscere le varie forme verbali inglesi è un perfezionamento indispensabile per dialogare correttamente

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come Usare Il Future In The Past Nella Lingua Inglese

Quando ci si riferisce ad un evento che deve avvenire in futuro, rispetto ad un momento del passato, si parla di Future in the past o in italiano futuro nel passato. Ci sono diverse forme del futuro nel passato inglese, che corrispondono alle forme che...
Lingue

Come formare il futuro intenzionale in inglese

L'inglese è senza nessun dubbio una delle lingue maggiormente diffuse ed usate specialmente in questo momento, dove sopra ai social network, primo fra tutti Facebook, si comunica usando spesso uno slang e dei diminutivi anglofoni. La costruzione dei...
Lingue

I 10 errori più comuni che gli italiani commettono in inglese

L'inglese è una lingua ricca di storia e di facile apprendimento. La sua grammatica presenta certo delle particolarità, ma in misura minore rispetto alla lingua italiana. Questa semplicità, se da un lato è apprezzata dagli studenti, a volte può trarli...
Lingue

Inglese: come usare il past continuous

La grammatica inglese, anche se di primo acchito può apparire difficile, è molto più semplice di quella italiana. Una delle difficoltà maggiori, nel momento in cui viene studiata, è rappresentata dai verbi e dalla loro coniugazione. Per quanto riguarda...
Lingue

Come formare il futuro in inglese

Nella lingua inglese, il tempo futuro si può formare in tre modi differenti e, più precisamente, si ha: un present continuous (da utilizzare se si vuole parlare di un evento specifico ancora non accaduto, ma programmato con precisione), un futuro con...
Lingue

Francese: il futuro

Il Francese è una lingua "romanza" indoeuropea e viene parlato come lingua madre da 150 milioni di persone a cui se ne aggiungono altrettanti (e anche di più) che la utilizzano come lingua ufficiale al pari di un'altra. A parte ovviamente la Francia,...
Lingue

Inglese: present continuous and present simple

Al giorno d'oggi, la conoscenza della lingua inglese è fondamentale e costituisce un requisito indispensabile per presentarsi al mondo del lavoro e non solo. Per essere in grado di affrontare dei dialoghi in inglese è importante disporre di una solida...
Lingue

Come formare il Present continuous in inglese

È ormai risaputo che l'inglese è diventata la lingua più diffusa al mondo e mantiene tuttora questo primato. Oltre ad essere largamente diffuso nel settore turistico e commerciale, l'inglese è usato sempre più spesso nelle comunicazioni scientifiche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.