Inglese: avverbi di quantità

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Un avverbio è una parola utilizzata per descrivere una quantità generica legata ad un verbo, un aggettivo o un altro avverbio. La conoscenza ed il corretto uso degli avverbi di quantità sono requisiti fondamentali per una buona padronanza dell'inglese, essi, infatti, sono utilizzati praticamente in ogni frase. Andiamo subito a scoprire i principali.

26

"Enough"

"Enough" significa "abbastanza", a differenza degli altri avverbi va dopo l'aggettivo o il verbo che descrive.

Esempio:
"I haven't studied enough for this exam"
"Non ho studiato abbastanza per quest'esame"

Enough può essere usato anche prima di sostantivi numerabili al plurale o sostantivi non numerabili con il significato di "quanto necessario".
Esempio:"We have enough eggs""Abbiamo abbastanza uova".

36

"Very" e simili

"Very" è un rafforzativo che si mette prima di un avverbio o un aggettivo. Significa "molto".
Esempio: He studied very hard for this exam. → Ha studiato molto duro per quest'esame.

"Not very" si usa per rendere la forma negativa meno diretta rispetto all'uso dell'aggettivo contrario.
Esempio: That girl is ugly. → Quella ragazza è brutta.
That girl is not very beautiful. → Quella ragazza non è molto bella.

Ci sono tanti avverbi che prendono le veci di "very", ed esprimono più o meno enfasi. Ne cito un paio:
Insanely, extremely → follemente, estremamente usati per dare grande enfasi; Especially, quite → specialmente, abbastanza, usati per dare una certa enfasi;
Pretty, fairly → abbastanza, discretamente, usati esprimere una non completa certezza, ridurre.
Altri avverbi di quantità molto usati sono "a bit", "a little", che significano "un po'", "much", "a lot" che significano "tanto", "un sacco".

Continua la lettura
46

"Too"

"Too" ha due significati diversi, ognuno di esso va usato in un certo modo.
Può significare "anche" e si posiziona alla fine della frase.
Esempio: I'm not going to study this chapter too! → non studierò anche questo capitolo!
Può significare "troppo" e si colloca davanti all'aggettivo o all'avverbio che altera.
Esempio:"He walks too fast for me! → Cammina troppo velocemente per me!
A differenza di "very", però, "too" esprime un problema, un eccesso.

56

Inversione con frasi negative

Generalmente, in inglese, il soggetto va davanti al verbo. Alcune espressioni o avverbi possono però far invertire la posizione di soggetto e verbo. Questa inversione avviene solo nell'inglese scritto.
"Rarely", raramente.
Esempio:
I have rarely studied this much. → Rarely I have studied this much. → Raramente ho studiato così tanto.

"Never", mai.
Esempio: I have never seen that guy. → Never have I seen that guy. → Non ho mai visto quel ragazzo.
Seldom, di rado.
Esempio: He seldom go outside. → Seldom does he go outside. → Raramente va all'aperto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordati che vanno tutti prima del verbo o aggettivo che alterano, eccetto "enough" che va dopo.
  • Oltre ad imparar le regole è fondamentale esercitarsi parecchio, leggendo o ascoltando inglese.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Regole per l'uso degli avverbi di frequenza in inglese

Se anche voi vi dilettate con le lingue straniere e/o avete studiato a scuola la lingua inglese allora sicuramente avete sentito parlare degli avverbi di frequenza e del modo in cui vengono utilizzati all'interno delle frasi. Un avverbio di frequenza...
Lingue

Lingua cinese: gli avverbi

Una lingua si compone di tante parti, sintassi, grafia, fonetica, ecc. Per impararla un dettaglio fondamentale da conoscere è la grammatica. Sì esatto, proprio quella che anche in italiano, fatichiamo a studiare per pigrizia ma senza la quale i nostri...
Lingue

Come formare il comparativo in inglese

Leggendo questa guida, scopriremo come formare il comparativo in inglese. Che si tratti di comparativo di maggioranza, di minoranza, di uguaglianza o di superlativi, la lingua inglese tiene conto, per quanto concerne sia gli aggettivi che gli avverbi,...
Lingue

L’inglese britannico e l’inglese americano

L'inglese e l'americano sono due accezioni come sinonimi, inerenti a un codice linguistico univoco, con regole uguali sia a livello di pronuncia che a livello morfo-sintattico. In realtà sussistono numerose differenze tra l’inglese che viene parlato...
Lingue

Come formare il futuro di probabilità in inglese

L'inglese è la lingua del futuro, anzi lo è già. Ed è proprio indispensabile conoscere almeno le basi grammaticali per poter dialogare o quanto meno cercare di farlo, sopratutto nel mondo del lavoro, che è sempre più all'insegna della globalizzazione....
Lingue

Come formare il Present Perfect in inglese

In inglese, così come nelle altre lingue, si nota la presenza di numerose regole grammaticali. Esse riguardano la coniugazione dei verbi, la concordanza degli aggettivi e tutto ciò che ci consente di acquisire una certa padronanza in termini di lingua...
Lingue

I verbi fraseologici in inglese

La grammatica della lingua inglese risulta elaborata e costellata di regole che talvolta non sono riproducibili in italiano. Alcune particolari espressioni idiomatiche si impiegano per esprimere concetti ben precisi, che non sempre corrispondono alla...
Lingue

Come utilizzare il past simple o il present perfect in inglese

Per poter viaggiare in tutto il mondo e conoscere nuove culture è bene prima imparare a parlare in inglese, ormai diventata la lingua più famosa e diffusa al mondo, partendo comunque dalle basi, necessarie per poter apprendere via via argomenti sempre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.