Il Teorema di Rouché-Capelli

Tramite: O2O 24/08/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

In Algebra lineare, il Teorema di Rouché-Capelli enuncia che un sistema lineare di m equazioni a n incognite ha soluzione, se e solo se, il rango della matrice incompleta è uguale al rango della matrice completa del sistema (Definizione Geometria Lineare). Il Teorema di Rouché-Capelli permette di accertare se un sistema è "possibile" ancora prima di essere risolto. Se non avete idea di cosa sia un sistema lineare dovete sapere le regole base. Mettere a sistema lineare due equazioni significa mettere a confronto due equazioni. Queste due equazioni messe a confronto però dovranno avere delle incognite in comune. Infatti, il sistema lineare dovrà possedere almeno due incognite in comune. Così facendo, in una equazione si può isolare un'incognita. Nel contempo nell'altra equazione messa a sistema insieme alla prima si fa lo stesso. In questo caso però il teorema di Rouché-Capelli serve prima di risolvere il sistema lineare. Ecco quindi come applicarlo.

26

Occorrente

  • Conoscenze matematica di algebra lineare
36

Riducete le equazioni

Prendete l?equazione lineare:
x=2+Y
Y-5=-3x
riducete le due equazioni a forma normale, incolonnate le incognite nello stesso ordine per ottenere:
x-Y=2
3x +Y=5
Prendete i coefficienti e incolonnate a matrice:
(1 -1)
(3 1)
Calcolate il determinante che è dato:
(1 *1) - (-1 *3) = 4
Dalla matrice potete estrarre minori di ordine 1 e di ordine 2, inoltre il determinante è diverso da zero. I minori con determinante diversi da zero che hanno ordine massimo sono definiti di rango 2. A questo punto definendoli di rango 2, vengono automaticamente scartate 2 soluzioni principali.

46

Verificate le condizioni

In conclusione presa la matrice di partenza P e la matrice completa C avrete queste situazioni:
Se P e C hanno lo stesso rango, il sistema ha soluzioni ed è possibile.
Se P e C hanno rango diverso il sistema non è possibile.
E importante aver ben chiaro che il teorema stabilisce solo se il sistema è possibile o meno, verificate queste condizioni, un sistema lineare di m equazioni e n incognite ha quindi soluzione, ma non ci fornisce e non ci detta le regole o i sistemi per trovare la soluzione finale.

Continua la lettura
56

Usate l'algoritmo

Ricordate che il rango per definizione è il numero di pivots (elementi non nulli in una matrice a scale su ogni riga) della ?matrice a scala ridotta e normalizzata? (Definizione Algebrica) e non della matrice di partenza P. E? necessario sempre per utilizzare il teorema di Rouchè Capelli con l?ausilio dell?algoritmo di GAUSS ottenere una ?matrice a scala ridotta e normalizzata? equivalente. Ecco quindi spiegato il teorema.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Riducete con l'algoritmo di Gauss una matrice equivalente a scala ridotta e normalizzata
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Stokes: dimostrazione

Nella geometria differenziale, ossia lo studio di oggetti geometrici come curve e superfici, il Teorema di Stokes è un enunciato riguardante l'integrazione delle forme differenziali. In particolare è volto a generalizzare i teoremi di calcolo vettoriale...
Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Università e Master

Come applicare il teorema di Norton

Il teorema di Norton afferma che è possibile semplificare qualsiasi circuito lineare, a prescindere da quanto esso sia complesso, ricavando un circuito equivalente con un solo generatore di corrente e resistenza collegati in parallelo ad un carico. Come...
Università e Master

Teorema di Löwenheim-Skolem: dimostrazione

In questo articolo vorrei illustrarvi la dimostrazione del Teorema di Löwenheim-Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem si chiama così perché prende il suo nome dai suoi matematici ideatori Leopold Löwenheim e Thoralf Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem...
Università e Master

Teorema della bisettrice: dimostrazione

La matematica è una materia ricca di formule, è vero, ma non richiede soltanto un impegno di tipo mnemonico. In questa disciplina è molto importante il ragionamento, che va sfruttato per applicare le formule ai diversi problemi. Lo studio della geometria,...
Università e Master

Teorema dei valori intermedi: dimostrazione

Il teorema dei valori intermedi è uno dei più importanti in matematica: esso serve infatti per arrivare, attraverso dei ragionamenti successivi, a definire il famoso e importante teorema di Weierstrass. Con i passaggi che seguono andremo a vedere nello...
Università e Master

Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione

Questa guida dal titolo "Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione" si prefigge di dimostrare cos'è. Il Teorema di Eulero può essere considerato in alcuni casi la conseguenza del teorema di Lagrange, che spiegherò in modo dettagliato nei...
Università e Master

Teorema di Eulero: dimostrazione

Il Teorema di Eulero (chiamato anche Teorema di Fermat-Eulero) dimostra che se è un intero positivo e un coprimo (interi che non hanno nessun divisore a eccezione di 1 e -1, se il loro massimo comune divisore è 1) rispetto a. In questo modo φ() ≡...