Il grande Impero napoleonico in breve

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La storia è piena di condottieri valorosi che con le loro imprese hanno scritto la storia. Da Alessandro Magno, a Giulio Cesare, per citarne alcuni, senza dimenticare l'intramontabile Napoleone Bonaparte, che grazie alla sua arguzia e strategia militare riuscì tra il '700 e l'800 a rendere la Francia una nazione potente. In questa guida ripercorreremo in breve la storia dell'impero Napoleonico, parlando dei fatti più importanti che ne hanno decretato l'ascesa e il decadimento. Dal 1803 fino alla caduta di Napoleone nel 1814 si combatté una accesa guerra tra Francia e Inghilterra conclusasi con il riconoscimento di Napoleone come imperatore d’Occidente. La Francia impose anche ai suoi nuovi alleati il blocco continentale contro l’Inghilterra. Ecco in breve la storia del grande impero napoleonico.

24

L'ascesa di Napoleone

Ai territori già annessi in precedenza alla Francia (Belgio, Nizza, Savoia, Piemonte, Liguria) si aggiunsero la Dalmazia, la Croazia e nel 1807 la Toscana. Al Regno d’Italia, (Napoleone si era posto sul capo la corona dei re Longobardi a Milano il 26 maggio 1805), si erano aggiunti il Regno di Westfalia, affidato a Girolamo Bonaparte e il Regno d’Olanda, retto da Luigi Bonaparte, mentre sul trono di Napoli, spodestati i Borboni, veniva posto Giuseppe Bonaparte (1806). Anche le sorelle di Napoleone ebbero dei titoli prestigiosi e molto importanti.

34

La conquista dell'Europa

Le Marche e lo Stato pontificio vennero annessi al Regno d’Italia mentre il Vicerè di Milano divenne il figlio della moglie di Napoleone. Anche la Spagna dovette cedere allo strapotere di Napoleone e cadde sotto il suo scettro. Nel 1808 aveva piazzato a capo di tutte le nazioni europee tutti i suoi parenti e quindi era ormai imperatore del continente più potente del mondo.

Continua la lettura
44

La gloria e la sconfitta

Sino al 1811 l’impero napoleonico continuò ad espandersi, arrivando a coprire con i suoi alleati, l’intero continente europeo. Dovunque Napoleone estese i nuovi ordinamenti francesi, infliggendo un duro colpo al feudalesimo nei Paesi Bassi, in Italia e gran parte della Germania; ma iniziarono le resistenze e le ostilità dei popoli sottomessi. Il suo proposito di creare una nuova dinastia europea era destinato a fallire per le sue contraddizioni interne, che da un lato, intendeva imporre una nuova dinastia familiare, e dall’altro diffondere gli ideali della Rivoluzione francese. Ma come tutte le cose del mondo anche l'egemonia napoleonica era destinata a finire e fu proprio per mano inglese che il grande condottiero fu sconfitto a Waterloo e finì esiliato a Sant'Elena dopo ben 20 anni di successi e splendore. Nonostante tutto il suo nome è ancora oggi sinonimo di grandezza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

I più grandi imperatori della storia

Fin dalle epoche più remote l'uomo è sempre stato spinto da un irrefrenabile istinto di conquista, espansione, ed esplorazione. Solo alcuni grandi sovrani e condottieri riuscirono a distinguersi per la grandezza delle loro gesta e a far emergere il...
Elementari e Medie

La seconda guerra d'indipendenza nel 1859

Lo Stato Italiano è il risultato di tre Guerre d'Indipendenza.Ma per la definizione degli attuali confini si è dovuto attendere la fine della prima guerra mondiale.Trentino e Venezia Giulia sono entrati a far parte dell'Italia solamente in seguito ai...
Superiori

Il Congresso di Vienna in breve

Il Congresso di Vienna fu una conferenza che si tenne tra la fine del 1814 e l'inizio del 1815 nel castello di Schoenbrunn, residenza estiva degli Asburgo, nell'allora capitale dell'Impero austriaco. Vi parteciparono le principali potenze europee dell'epoca...
Elementari e Medie

La Seconda Guerra d'Indipendenza in breve

In questa guida verranno date nozioni informative circa la Seconda Guerra d'Indipendenza. In breveessa iniziò tra l'Aprile e il Luglio del 1859, ovvero in pieno Risorgimento. Venne combattuta dalla fazione sarda e francese contro quella austriaca. Fu...
Superiori

Storia: La Repubblica di Venezia

La Repubblica di Venezia possiede una storia affascinante. Tutti gli storici italiani ed internazionali hanno cercato di comprendere come questa città avesse conseguito enormi successi in un'epoca buia per l'Italia e l'Europa, corrispondente al Medioevo....
Superiori

Storia: la Seconda Repubblica Francese in breve

La storia francese è ricca di avvenimenti che hanno mutato profondamente il Paese e dei quali ancora oggi se ne risentono i colpi. Uno di questi eventi fu l'instaurazione della seconda repubblica. Si parla di seconda repubblica anche se in effetti questa...
Superiori

Storia: il Colonialismo inglese

In questa guida verranno illustrate le tappe che hanno caratterizzato la storia del colonialismo inglese, un importantissimo quanto lungo e vasto periodo storico che muove i suoi passi dal XIV secolo fino alla prima guerra mondiale. L'Inghilterra fu...
Superiori

Il 5 maggio: analisi e commento

Alessandro Manzoni fu uno dei più grandi esponenti del romanticismo. Tra i testi più importanti dell'autore, si annovera senza dubbio la poesia lirica "il 5 Maggio". Questa ode venne scritta da Manzoni in seguito alla notizia della morte di Napoleone...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.