Il Dopoguerra in Italia

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La I Guerra Mondiale aveva fatto una strage di combattenti. La II Guerra Mondiale invece era stato un vero e proprio flagello molto più grave del precedente, infatti aveva fatto anch'essa una strage di combattenti ma anche delle popolazioni civili e dei territori lontani dai fronti di battaglie. Il nostro Paese, l'Italia, era in profonda crisi economica, l'agricoltura era rimasta danneggiata sia dalla mancanza di manodopera impegnata a combattere che dalla mancanza di terreni da coltivare, l'industria si era dedicata solo alla produzione di armi e quindi necessitava di essere ridimensionata per poter adeguarsi alle necessità dei civili, il commercio non aveva più i suoi mercati ed aveva difficoltà a trovarne dei nuovi. In questo articolo vorrei parlarvi sul tema del dopoguerra in Italia. Il dopoguerra in Italia è stato un periodo molto difficile per tutto il nostro Paese.

26

Conseguenze delle due guerre mondiali

Le conseguenze delle due guerre mondiali avevano pesato soprattutto sui contadini, gli operai ed i piccoli proletari. Ci furono degli assalti ai negozi e con l'occupazione di campi agricoli. Successivamente cominciarono anche gli scioperi sia del lavoratori agricoli che degli operai.

36

Nascita del Partito Popolare Italiano

Si manifestava in Italia sempre di più il desiderio di cambiare l'ordinamento dello Stato. Il Partito Socialista sosteneva la necessità della lotta contro lo Stato, a favore del proletariato. Nel 1919 nasceva in Italia un nuovo partito, ovvero il Partito Popolare Italiano. Il Partito Popolare Italiano chiedeva delle riforme economiche e delle riforme sociali.

Continua la lettura
46

Il Biennio rosso

Il Biennio rosso è stato il periodo dal 1919 al 1920. In questi due anni del Biennio rosso i contadini e gli operai continuavano a fare scioperi e dimostrazioni. Infatti in Italia in questi due anni non vi era un governo stabile, e la situazione era molto difficile per tutti i lavoratori, ma in modo particolare per i contadini e per gli operai.

56

Interventi dei socialisti

I socialisti all'epoca si erano opposti all'intervento dell'Italia in guerra poiché voleva unire i lavoratori in una sola comunità. I reduci della guerra aderirono ai principi internazionalistici del socialismo accusando le classi benestanti di aver voluto la guerra per arricchirsi a svantaggio dei poveri.

66

Nascita del partito fascista

Nel 1919 ci fu la nascita di un nuovo partito, i Fasci di combattimento. Il fondatore dei Fasci di combattimento fu Benito Mussolini. Benito Mussolini sosteneva la necessità di sconfiggere lo Stato borghese ricorrendo alla violenza rivoluzionaria. Però, a causa dei suoi atteggiamenti violenti, Benito Mussolini fu allontanato dai socialisti dal partito a cui era iscritto. Alla fine della I Guerra Mondiale Benito Mussolini convinse gli ex-combattenti ad unirsi a lui per il bene dell'Italia, dando così origine in Italia al partito fascista.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Letteratura: il decadentismo in Italia

Uno dei periodi più cupi ma al contempo affascinanti della letteratura italiana è proprio il Decadentismo. Il termine decadentismo sta proprio a voler significare decadenza e per la prima volta è stato utilizzato su una rivista francese, guarda caso...
Superiori

Storia: la ricostruzione nell'Italia reppubblicana

La Guerra Fredda che si inasprì, provocò la caduta del Governo Italiano che era presieduto da Parri Ferruccio e che, nel dicembre dell'anno 1945, venne sostituito da Alcide De Gasperi, democristiano. Quest'ultimo, affidò il ministero della giustizia...
Superiori

Usi e costumi in Italia nel XX secolo

Gli usi e i costumi di una nazione sono strettamente legati al suo clima socio-culturale che a sua volta è il riflesso del livello di sviluppo economico. In Italia si possono individuare tre grandi periodi nel XX secolo. Ciascuno di questi ha proprie...
Superiori

Storia: la dominazione spagnola in Italia

La storia della dominazione spagnola in Italia iniziò ufficialmente nel 1559 con la pace di Cateau-Cambrésis attraverso la quale fu dichiarata la fine delle guerre tra Spagna e Francia e alla prima fu riconosciuta la sovranità in alcune zone d'Italia...
Superiori

Come fare un tema sull'unità d'Italia

Per una buona stesura di un tema sull'Unità d'Italia è consigliabile seguire lo schema del testo argomentativo: un testo in cui si espone una tesi e la si argomenta con una serie di ragionamenti logici consequenziali e sostenuti da dati in modo da convincere...
Superiori

L'Unità d'Italia in breve

L'Unità d'Italia non fu facile e, gli avvenimenti storici che portarono a questa unione, si protrassero per gran parte del 1800. Caduto Napoleone, si riunì il Congresso di Vienna (1814-1815) per dare all'Europa un nuovo assetto. Esso si propose di...
Superiori

Usi e costumi in Italia nel XVII secolo

Nel XVII l'Italia venne coinvolta nel conflitto tra Francia e Spagna sfociato nella Guerra dei Trent’Anni, mentre dal punto di vista religioso fu un periodo di grande fermento, dovuto principalmente agli ultimi strascichi della Controriforma e al potere...
Superiori

Usi e costumi in Italia nel XIX secolo

Gli usi e i costumi in Italia nel XIX secolo si intersecano alle mode che giungono dagli altri Paesi europei. In questo periodo la divisione tra le classi sociali è decisamente netta e ogni cosa (per esempio il cibo, l'abbigliamento e l'istruzione) risente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.