Il Congresso di Vienna in breve

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il Congresso di Vienna fu una conferenza che si tenne tra la fine del 1814 e l'inizio del 1815 nel castello di Schoenbrunn, residenza estiva degli Asburgo, nell'allora capitale dell'Impero austriaco. Vi parteciparono le principali potenze europee dell'epoca per ripristinare l'assetto territoriale degli stati europei e riportare in vigore l'Ancien Régime dopo gli avvenimenti della Rivoluzione francese e delle guerre napoleoniche. Segnò l'inizio della cosiddetta età della Restaurazione. Andremo ora a vedere in breve le cause e le conseguenze di questa assemblea.

24

Si erano creati molti problemi in Francia e in Europa, principalmente a causa della Rivoluzione francese e delle guerre comandate da Napoleone. Con la Rivoluzione, svoltasi tra il 1789 e il 1799, i cittadini francesi, per il malcontento generale dovuto alla monarchia assoluta, misero fine al Regno di Francia ed instaurarono la Repubblica francese. Nonostante questa nuova forma di governo non avesse portato i risultati sperati in campo economico e sociale, in campo militare la Repubblica fu ben organizzata, si difese infatti dagli attacchi delle vecchie monarchie continentali e conquistò addirittura nuovi territori. A partire dal 1804, quando Napoleone fu nominato Imperatore, la Francia occupò tutta l'Europa, riuscendo a sconfiggere Prussia e Austria. Solo nel 1812, durante una campagna in Russia, Napoleone subì una grave sconfitta, perse gran parte del suo esercito e fu mandato in esilio, lasciando così l'Europa in grande difficoltà politica, economica e sociale.

34

Il Congresso fu indetto per risolvere i problemi politici e territoriali dell'Europa, questa scelta segnò un importante cambiamento: per la prima volta nella storia le redistribuzioni territoriali furono decise in una conferenza delle parti interessate e non all'interno di un accordo di pace. Ebbe iniziò il primo novembre 1814 nella residenza estiva degli Asburgo, famiglia reggente in Austria. Erano presenti a questa riunione le principali nazioni europee del tempo: Regno Unito, Austria, Russia e Prussia, con un ruolo meno importante c'erano anche Svezia, Spagna e Portogallo, insieme a Svizzera, Danimarca, Stato Pontificio, i regni di Sardegna e Napoli e numerosi piccoli stati tedeschi. Vi era anche la Francia, sul cui trono c'era Luigi XVIII di Borbone, fratello di Luigi XVI, ghigliottinato durante la Rivoluzione.

Continua la lettura
44

Nel giugno del 1815, dopo aver fermato il tentativo di Napoleone di riprendere il potere, terminò il Congresso. Ne uscì un'Europa completamente ridisegnata: fu creata una Confederazione tedesca formata da 39 stati sotto il comando di Austria e Prussia, la Russia ottenne gran parte della Polonia e della Finlandia, mentre la Prussia annetteva Sassonia e dei territori nella zona del Reno; l'Austria fu costretta a rinunciare a Belgio e Lussemburgo, che formarono con l'Olanda il Regno dei Paesi Bassi; l'Italia fu divisa in 10 stati, 8 dei quali sotto il comando austriaco. In questa situazione del quadro europeo le superpotenze furono portate a rendere stabile la conformazione politica del continente e strinsero patti ed alleanze. Nel settembre del 1815 Russia, Prussia ed Austria strinsero la Santa Alleanza, che aveva come principale obiettivo il controllo e la soppressione dove possibile del movimento liberale europeo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Storia: la Battaglia di Vienna (1683)

La storia è ricca di eventi ed avvenimenti che in qualche modo hanno segnato il nostro presente.Le guerre, senza ombra di dubbio, sono di quegli eventi che più di ogni altro hanno segnato l'antichità. Una delle battaglie più importanti del XVII secolo...
Superiori

L'Unità d'Italia in breve

L'Unità d'Italia non fu facile e, gli avvenimenti storici che portarono a questa unione, si protrassero per gran parte del 1800. Caduto Napoleone, si riunì il Congresso di Vienna (1814-1815) per dare all'Europa un nuovo assetto. Esso si propose di...
Superiori

Come scrivere un saggio breve in 5 passi

Un saggio breve è un tipo di testo argomentativo che presenta informazioni precise con il compito di esporre una tesi tramite diverse fonti citate. Questo tipo di saggio è anche una delle scelte possibili all'esame di Stato, risulta quindi fondamentale...
Superiori

Come fare un saggio breve

Il saggio breve è uno degli strumenti più utilizzati dagli insegnanti, soprattutto nei gradi più alti di istruzione. Si distingue dal tema in quanto chi lo scrive espone in maniera approfondita una tematica o un argomento aggiungendone il proprio punto...
Superiori

Come scrivere un saggio breve in inglese

Chi a scuola non ha mai dovuto scrivere un saggio breve? Si tratta di una tipologia di scrittura argomentativa, utilizzata sia nella letteratura italiana che in quella inglese. In entrambe le circostanze, le regole di base per la composizione del saggio...
Superiori

Storia: la guerra fredda in breve

Esistono su internet dei riassunti di vari periodi della storia, che possono esserci di aiuto per riuscire a memorizzare i vari eventi accaduti. La storia è una materia molto importante sia per il nostro bagaglio culturale e sia perché, conoscendo...
Superiori

Saggio breve: guida alla stesura

Ecco una bellissima ed anche molto interessante guida, attraverso il cui aiuto concreto, poter essere in grado d'imparare come eseguire un saggio breve, senza incorrere in errori e sbagli, che finirebbero con il compromettere l'intera stesura dello stesso....
Superiori

Come svolgere un saggio breve

Il saggio breve è un particolare scritto che può trattare diverse tematiche come ad esempio la politica, la scienza, la natura, la storia, la letteratura. Per scrivere un saggio breve dovremo necessariamente conoscere una serie di regole che caratterizzano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.