Il comparativo latino: guida al suo utilizzo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il comparativo è una delle forme delle lingue più utilizzate. Pertanto anche nel Latino è molto impiegato ed è fondamentale conoscere il suo utilizzo visto la frequenza con la quale è usato, specialmente negli scritti latini e nei proverbi latini. Il comparativo è impiegato quando tue termini sono confrontati e pertanto esistono essenzialmente tre variabili: l'uguaglianza, la maggioranza o la minoranza. Nella guida che segue verrà spiegato l'utilizzo del comparativo nella lingua latina in maniera semplice ed intuitiva in modo da fissare nel lettore i concetti cosi da poterli potare con sé nel tempo e riuscire in maniera facile a discriminare tutte e tre le forme. Non resta che continuare nella lettura di questa guida volta alla conoscenza del Latino in maniera semplice.

25

Comparativo di maggioranza

Quando nel confronto tra due termini il primo (primo termine di paragone) è ad un livello superiore del secondo (secondo termine di paragone), si realizza una comparazione per maggioranza; ci ritroveremo casi come "Lucio è più diligente di Antonio". In latino il comparativo di maggioranza si esprime, nell'ordine, con: la forma intensiva, tramite i suffissi "-ior" e "-ius", dell'aggettivo del primo termine di paragone; l'inserimento dell'avverbio "quam" prima del secondo termine di paragone, per poi modificare il caso di quest'ultimo in modo che sia uguale al caso del primo termine, oppure porlo in caso ablativo. Analizziamo quando usare un metodo oppure quando bisogna impiegare l'altro.

35

Esempio comparativo di maggioranza

Il secondo termine di paragone può andare, come detto, nel caso del primo termine o in ablativo, a seconda di alcuni elementi. Esso ha bisogno necessariamente di "quam" più il caso del primo termine laddove quest'ultimo sia un genitivo, un dativo o un ablativo; non sussiste invece alcuna differenza tra le due forme, se il primo termine è un nominativo o un accusativo. Per il primo esempio, e sempre col caso della frase illustrata precedentemente, otterremo "Lucius diligentior quam Antonius est"; per il secondo caso possiamo usare sia la stessa frase del primo, sia "Lucius diligentior Antonio est".

Continua la lettura
45

Comparativo di uguaglianza e minoranza

Comparativi di uguaglianza e minoranza sono ancora più semplici da impostare. Ciò che cambia è soltanto l'avverbio da usare: "tam" (cioè tanto) per l'uguaglianza, minus (cioè meno) per la minoranza. L'aggettivo va lasciato al grado positivo, preceduto da uno degli avverbi illustrati, a seconda dei casi; basta poi inserire quam più il secondo termine di paragone, che va nello stesso caso del primo. Ora non vi resta che esercitarvi per padroneggiare sempre meglio queste regole e farle proprie, cosi da riconoscerle immediatamente ma anche applicarle velocemente all'occorrenza.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordiamo che, in latino, i casi di comparativo di minoranza sono molto pochi; si preferisce usare quello di maggioranza invertendo i due termini di paragone.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

L'accusativo latino: guida al suo utilizzo

La grammatica latina è abbastanza particolare e il suo studio può, a volte, risultare di difficile comprensione. Tra le prime cose che si imparano vi sono i casi e le declinazioni. Proprio dei cosiddetti "casi" fa parte l'accusativo, insieme a nominativo,...
Superiori

Il dativo latino: guida al suo utilizzo

Nella lingua latina, i casi sono sei e si distinguono in diretti ed indiretti: nominativo, accusativo e vocativo fanno parte della prima categoria mentre genitivo, dativo ed ablativo fanno parte della seconda. Il dativo è il caso del complemento di termine...
Superiori

Il vocativo latino: guida al suo utilizzo

Studiare il latino risulta essere abbastanza complesso per via delle numerose regole da imparare. Però, con molto impegno e molta costanza potreste ottenere ottimi risultati da soli. In questo modo, non avrete la necessità di rivolgervi ad un professore...
Superiori

Come Formare Il Comparativo In Francese

Nella lingua francese, il comparativo di maggioranza (comparatifs de supériorité), di uguaglianza (égalité) o di minoranza (infériorité) generalmente viene introdotto nelle frasi per mettere a confronto due termini di paragone, i quali possono essere...
Superiori

Come scrivere un saggio comparativo

Eccoci qui, pronti per parlarvi di un argomento veramente importante che potrà servire tante ai giovani studenti, specialmente in vista degli esami che dovranno affrontare.Cercheremo di capire come poter scrivere un saggio comparativo, nel migliore dei...
Superiori

Greco: comparativo e superlativo

Il greco moderno, neoellenico o neogreco, è l'ultimo stadio del processo evolutivo della lingua greca, attualmente parlata da circa 15,5 milioni di persone, soprattutto in Grecia e a Cipro. Convenzionalmente e in modo simbolico, si comincia a parlare...
Superiori

Come Formare Il Superlativo In Latino

Generalmente gli aggettivi che determinano una qualità del nome cui si riferiscono si dicono qualificativi. Essi possono essere di tre gradi (cioè la misura in cui tale qualità è presente nella persona o cosa indicata dall'aggettivo):- Grado positivo:...
Superiori

Grammatica latina: come formare i gradi dell'aggettivo

In latino, così come in italiano, esistono 3 gradi dell'aggetto qualificativo. Il grado positivo è il grado base dell'aggettivo, in cui lo troviamo senza modificazioni. Il grado comparativo indica, come dice la parola stessa, la comparazione tra due...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.