Il 5 maggio: analisi e commento

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Alessandro Manzoni fu uno dei più grandi esponenti del romanticismo. Tra i testi più importanti dell'autore, si annovera senza dubbio la poesia lirica "il 5 Maggio". Questa ode venne scritta da Manzoni in seguito alla notizia della morte di Napoleone Bonaparte, avvenuta esattamente il 5 Maggio 1821 sull'isola di Sant'Elena. L'obiettivo di quest'ode era di far riflettere sul significato di Napoleone e sul ruolo che costui aveva avuto a livello storico. L'ode venne bloccata dalla censura austriaca, ma nonostante ciò riuscì ugualmente a diffondersi in Europa. Vediamo ora una breve analisi con commento dell'ode in questione.

25

Composizione letterale

La poesia "Il 5 Maggio" è appartenente alle "Odi" ed è composta da diciotto strofe. Ogni strofa è composta da sei settenari, di cui i dispari sono sdruccioli (precisamente il primo, il terzo ed il quinto) e i pari sono piani (il secondo ed il quarto che fanno rima tra loro); mentre è tronco l'ultimo che rima con l'ultimo della strofa successiva.

35

Significato della prima parte

La prima parte inizia con le celebri parole "Ei fu". Manzoni non ha bisogno di definire chi sia "ei", in quanto la notizia della scomparsa di Napoleone lascia la terra incredula ed immobile come le sue spoglie. Successivamente, viene esaltata la potenza di Napoleone. Il poeta sottolinea la figura di Bonaparte come condottiero e rimarca la sua conversione religiosa. Nonostante le alterne sorti di Napoleone, sconfitto, ritornato al potere e, infine, piegato definitivamente, egli si è sempre distinto non mischiando mai la sua voce al suono di mille voci. Dall'Italia all'Egitto, dalla Spagna alla Germania, ogni progetto di Napoleone comportava una sua successiva e non esitante realizzazione.

Continua la lettura
45

Conclusione della poesia

Nella seconda parte il punto cardine è rappresentato dalla parola "giacque", con la quale Manzoni indica, dopo l'esaltazione delle sue gesta epiche, l'epilogo di Napoleone soffermandosi, in modo meno celebrativo ma molto più riflessivo, a considerare il riscatto religioso e spirituale dell'uomo dopo la sua caduta come imperatore. In queste strofe, si indica come Napoleone rinunci alle glorie terrene per elevare il proprio spirito verso l'eterno. Questo, però, è uno sforzo vano in quanto solo Dio può concretizzare l'eternità. L'ode si conclude con i versi "Sulla deserta coltrice accanto a lui posò". Con queste parole, l'autore indica come il luogo in cui giace Napoleone fosse reso deserto dagli uomini ma visitato da Dio, il quale avendo conosciuto il dolore e la morte non abbandona mai l'uomo, nemmeno quando è al termine della sua vita terrena.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Il grande Impero napoleonico in breve

La storia è piena di condottieri valorosi che con le loro imprese hanno scritto la storia. Da Alessandro Magno, a Giulio Cesare, per citarne alcuni, senza dimenticare l'intramontabile Napoleone Bonaparte, che grazie alla sua arguzia e strategia militare...
Superiori

Vita e opere di Alessandro Manzoni

Alessandro Manzoni (1785-1873), milanese di nascita, trascorre la sua vita tra Milano e Parigi. Considerato uno degli scrittori più importanti del XVIII secolo, noto ai più per essere l'autore dell'opera i "Promessi Sposi" con il quale ha gettato le...
Superiori

Guida al pensiero di Manzoni

Alessandro Manzoni è senza dubbio uno degli scrittori italiani più importanti di tutti i tempi. Nato a Milano nel 1785, appartiene a quello che è conosciuto come il movimento romantico. La vita di Manzoni risulta particolarmente tranquilla e per questo...
Superiori

L'Unità d'Italia in breve

L'Unità d'Italia non fu facile e, gli avvenimenti storici che portarono a questa unione, si protrassero per gran parte del 1800. Caduto Napoleone, si riunì il Congresso di Vienna (1814-1815) per dare all'Europa un nuovo assetto. Esso si propose di...
Superiori

Antonio Canova: vita e opere in breve

Antonio Canova, grande scultore dell'arte Neoclassica, fu il promotore della bellezza ideale femminile. Il nuovo Fidia, trasse ispirazione dalle opere del grande artista, scultore ed architetto ateniese. La sua vita, ricca di enormi successi, si contraddistinse...
Superiori

Storia: i Patti Lateranensi

I Patti Lateranensi sono il punto più importante e conclusivo dell’annosa ‘questione romana’, ovvero la disputa sulla funzione di Roma come sede del potere temporale del pontefice e contemporaneamente capitale d’Italia. Pertanto si può affermare...
Superiori

Ugo Foscolo: I Sepolcri

La letteratura italiana del periodo che va dal Settecento all'Ottocento vede il suo massimo esponente in Ugo Foscolo. Il poeta di Zante scrisse numerose opere, in particolare cermi. La poesia "Dei Sepolcri" è una delle più famose e venne pubblicata...
Superiori

Il pianto antico di Carducci: parafrasi e commento

"Il pianto antico" è stato scritto nel 1871, e rappresenta un componimento della raccolta "Rime Nuove", scritto dal poeta e scrittore toscano Giosuè Carducci. Questa opera letteraria, in particolar modo costituisce la quarantaduesima, ed è stata pubblicata...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.