Idee per organizzare un corso di inglese per bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Si sa, il modo migliore per imparare le lingue è cercare di apprenderle fin da piccoli. Sempre più genitori, infatti, cercando di insegnare una seconda lingua ai propri figli, specialmente l'inglese. I bambini sono per loro natura curiosi di apprendere, ma bisogna stare attenti a non rendere le lezioni di inglese troppo lunghe e pesanti, o i piccoli allievi perderanno interesse e si annoieranno. Per fortuna, organizzare un corso di inglese per bambini non è necessariamente un'impresa insormontabile. Vediamo insieme alcune idee per rendere l'insegnamento leggero e divertente.

26

Guardare cartoni animati in lingua

Soprattutto se i bambini sono ancora piccoli, si può facilmente associare l'ora della lezione d'inglese a qualcosa di piacevole. Il metodo più semplice è sicuramente quello di insegnare la lingua mostrando cartoni animati in inglese. I bambini impareranno divertendosi, quasi senza accorgersene. È utile, dopo aver visto un cartone animato, chiedere ai bambini di ripetere alcune frasi e parole che hanno ascoltato: in questo modo eserciteranno anche la pronuncia.

36

Cantare canzoni in inglese

Un'altra idea per far imparare la lingua ai bambini senza sforzo è quella di insegnare loro delle semplici canzoni in inglese. Soprattutto a ridosso dei periodi di festa, si possono far imparare canzoni a tema natalizio o pasquale, che poi i bambini ripeteranno davanti ai genitori.

Continua la lettura
46

Insegnare il folklore

La cultura inglese è ricca di tradizioni e mitologia.  Si potrebbe facilmente avvicinare i bambini allo studio della lingua organizzando un corso basato sulla ricchezza culturale dei Paesi anglofoni. Ad esempio, si può festeggiare insieme Halloween, parlando delle origini di questa festa, o raccontare in lingua originale le fiabe provenienti da Irlanda e Gran Bretagna, ricolme di fate, folletti e creature fantastiche che certamente sapranno stregare i bambini.

56

Utilizzare la tecnologia

Esistono numerose applicazioni per tablet e smartphone che hanno come obiettivo l'apprendimento dell'inglese da parte dei più piccoli. Queste app propongono spesso l'insegnamento attraverso la soluzione di puzzle e semplici esercizi, posti sotto forma di giochi a tema. Le applicazioni risultano certamente più piacevoli di un libro, specialmente per un bambino, proprio per l'interattività che le caratterizza.

66

Proporre giochi in inglese

Se i bambini sono già in età scolare, si possono provare a proporre agli alunni del corso alcuni giochi, come l'impiccato o Scarabeo, in lingua inglese. In questo modo, i nostri piccoli allievi impareranno nuovi vocaboli divertendosi con i loro amici. Si possono proporre anche altri tipi di giochi, come nascondino, mosca cieca e "un due tre stella", ricordando però ai bambini che si può parlare solo in inglese.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

10 idee per insegnare l'inglese a bambini

Insegnare l'inglese ai bambini molto piccoli non è un compito molto facile: mantenere attiva e sveglia l'attenzione dei bambini, infatti, può essere particolarmente impegnativo! Eppure insegnare l'inglese ai più piccoli può trasformarsi in un compito...
Lingue

10 idee per insegnare l'inglese a bambini giocando

Una lingua è quanto di più simile al gioco ogni essere umano possa imparare naturalmente nella propria vita. Per questo insegnare una lingua straniera dovrebbe essere fatto giocando, soprattutto se lo si fa con i bambini. Allora, se state pensando di...
Lingue

Come scegliere un corso di conversazione inglese

La lingua inglese, è diventata, in ambito internazionale e nazionale uno strumento di utile supporto, sia a livello comunicativo, sociale, che a livello didattico e lavorativo. Arrivata a classificarsi terza fra le lingue più parlate al mondo, essa...
Lingue

Come scegliere un corso di inglese

Scegliere un corso d'inglese non è mai semplice, indipendentemente dall'età dello studente. Bambini, adolescenti o adulti che si trovano di fronte alla molteplicità di proposte che il settore offre possono avere esigenze diverse, ma di certo sono accomunati...
Lingue

Come insegnare ai bambini l'alfabeto inglese

La lingua inglese viene insegnata ai bambini sin dalla scuola materna. Alle elementari, invece, il piano scolastico prevede l'insegnamento della materia con un’ora settimanale in prima, due ore settimanali in seconda e tre ore nelle altre classi. Al...
Lingue

Come scegliere un corso di business English

L'inglese apre le porte alla carriera. Nel mondo del business, la lingua straniera viene utilizzata per lo scambio di informazioni tra aziende e professionisti. Un corso di business English ha numerosi vantaggi. Migliora la conversazione verbale o epistolare...
Lingue

L’inglese britannico e l’inglese americano

L'inglese e l'americano sono due accezioni come sinonimi, inerenti a un codice linguistico univoco, con regole uguali sia a livello di pronuncia che a livello morfo-sintattico. In realtà sussistono numerose differenze tra l’inglese che viene parlato...
Lingue

Scuole di inglese a Milano

Conoscere la lingua inglese è da sempre stato molto importante poiché è la lingua più parlata e conosciuta al mondo. Oggi, più che mai, la lingua inglese è fondamentale e ancora più diffusa grazie ad internet. Infatti, molti termini e parole chiave...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.