I principi fondamentali dell'Illuminismo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'illuminismo è stato un movimento politico, culturale e sociale oltre che filosofico che si è sviluppato nel Europa intorno al XVIII secolo. Sebbene i germi culturali di questa rivoluzione abbiamo visto la loro nascita in Inghilterra, il movimento illuminista ebbe il massimo sviluppo in Francia nazione in cui ha attecchito maggiormente e portato alle conseguenze più importanti. Il nome deriva dal fatto che gli esponenti di questo movimento cercarono di illuminare la via dell'umanità, allontanando le tenebre dell'ignoranza e soprattutto della superstizione, che per secoli avevano ammorbato il pensiero e la società, impedendole di svilupparsi a pieno. In questa lista vi spiegherò i principi fondamentali dell'illuminismo.

27

Critica della ragione

L'illuminismo ha cercato di adattare alla filosofia il metodo newtoniano, affidando alla ragione il compito di determinare i propri limiti e propri strumenti. Un'idea deve essere verificabile sul terreno e non solo derivante da una speculazione astratta. Secondo gli illuministi tutti gli uomini sono in grado di sviluppare il loro pensiero, ma tendono a non farlo per pigrizia e per paura, restando così incapaci di maturare le loro capacità. L'esperienza è alla base di tutto è solo dall'osservazione diretta si può scoprire la vera realtà. La nascita delle superstizioni è proprio dovuta alla pigrizia degli uomini che preferiscono affidarsi al mito piuttosto che spendere del tempo a cercare la verità.

37

Ruolo propedeutico del filosofo

Gli intellettuali illuministi chiamano se stessi filosofi e il loro compito è l'uso coraggioso della ragione come strumento per liberare l'uomo dalla metafisica, dalla tirannia e dalla monarchia assoluta e soprattutto dal oscurantismo religioso. Tutto questo per riportarlo allo stato naturale, prima cioè di tutte le condizioni vincolanti legate alla paura, costruite solo ed esclusivamente per impedire al pensiero di svilupparsi pienamente. Il filosofo deve quindi guidare le persone attraverso lo sviluppo della loro stessa conoscenza, affinché possano costruire strumenti per se stessi per dissipare le superstizioni e le convinzioni erronee.

Continua la lettura
47

Ragione e natura

Nella visione illuminista ragione, natura e spontaneità sono coincidenti e secondo questi filosofi la natura ha dotato l'uomo della capacità di comprendere che è alla base della necessità dell'uguaglianza. Secondo gli illuministi infatti tutti gli uomini sono uguali in quanto tali e non c'è un diritto di natura per una posizione superiore. Il potere è soltanto un vincolo ed un incrostazione che impedisce all'uomo di pensare indipendentemente, tenendolo ancorato alle catene della paura e dell'ignoranza.

57

Il buon selvaggio

Il buon selvaggio è l'uomo privo degli orpelli della società e quindi allo stato naturale. Secondo la visione illuminista l'uomo lontano dalla sua civiltà è intrinsecamente buono e sono soltanto i vincoli legati al potere a renderlo capace di azioni negative. In realtà questo mito è stato alimentato dei Gesuiti, che proprio in questo periodo avevano iniziato la loro azione di evangelizzazione delle popolazioni del Sud America, riportando rapporti entusiasti sulla mitezza e la bontà di queste popolazioni lontane dalla civiltà europea.

67

Visione della storia

Nella visione illuminista la storia è stata alterata da innumerevoli menzogne ed è possibile suddividerla in epoche ben distinte, alcune delle quali vengono considerate assolutamente negative con il medioevo, visto come un'era di oscurantismo e superstizione. La visione illuminista della storia sarà osteggiata nel periodo romantico, in cui si farà notare che il tentativo di razionalizzarla le ha impedito una visione unitaria escludendola dalla comprensione dei passaggi tra un periodo storico e l'altro.

77

L'enciclopedia

L'enciclopedia è l'opera principe del periodo illuministico e sicuramente la più rappresentativa. Si tratta di 17 volumi monumentali, in cui autori come d'Alembert e Diderot, fra gli altri, hanno cercato di racchiudere tutto lo scibile umano in una forma compatta, in modo tale da fornire delle risposte rapide. L'opera fu osteggiata in ambienti accademici come la Sorbona ed ecclesiastici, tant'è che gli ultimi due volumi uscirono clandestinamente. Quest'opera fu anche veicolo della diffusione del francese come lingua colta per gli intellettuali in tutta l'Europa e principale strumento per far arrivare le idee illuministe in tutti i salotti e i centri del sapere del vecchio continente e anche del nuovo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

L'illuminismo in pillole

L’Illuminismo è un movimento storico-culturale, diffuso nel XVIII secolo. Si può delimitare in un periodo che va dalla pace di Aquisgrana (1748) al Congresso di Vienna (1815). Nasce in Inghilterra, ma si diffonde velocemente anche nel resto degli...
Superiori

Differenze tra Illuminismo e Romanticismo

Ben prima di essere due mondi culturali, artistici e letterari con molte differenze, il Romanticismo e l'Illuminismo rappresentano due visioni della mondo completamente contrapposte e focalizzate, rispettivamente, in ambiti opposti dell'essere umano.L'illuminismo...
Superiori

I principali esponenti dell'Illuminismo in Italia

L'Illuminismo è stata una corrente politica, filosofica e letteraria sviluppatasi in Europa intorno al XVIII secolo che aveva il compito di "illuminare" la mente degli uomini, servendosi della scienza e della razionalità come principi cardine. In Italia...
Superiori

Le tre leggi fondamentali della dinamica

La dinamica è la branca della meccanica che ha il compito di determinare il movimento di un oggetto quando si conoscono le forze a cui questo è sottoposto. Si basa su tre leggi (o principi) fondamentali che sono il frutto di innumerevoli osservazioni...
Superiori

Principi e teoremi dell'economia del benessere

L'economia del benessere o "welfare economy" è una branca della microeconomia che studia l'equilibrio e la dinamica del libero mercato, ponendolo in contrapposizione con quello che subisce ingerenze da parte dello Stato o che è obbligato ad adeguarsi...
Superiori

I principi della termodinamica

In parallelo con lo sviluppo industriale, all'inizio del 800 nasce una nuova scienza: la termodinamica. Con la termodinamica, calore ed energia meccanica assumono il ruolo di forme diverse di una stessa entità. Il primo principio della termodinamica...
Superiori

Fisica: i principi della dinamica

Quando si parla di Dinamica si intende quella parte della Fisica che si occupa di studiare come si muovono i corpi per effetto delle forze che agiscono su di essi. Esistono infatti diversi tipi di forze che agiscono sui corpi e ne modificano il movimento....
Superiori

Le sette grandezze fondamentali del Sistema Internazionale

Sai che misurare vuol dire conoscere? La comunità scientifica internazionale ha definito le sette grandezze indipendenti, che vengono chiamate grandezze fondamentali, da cui possiamo ricavare altre grandezze che prendono il nome di grandezze derivate....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.