I principi della termodinamica

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In parallelo con lo sviluppo industriale, all'inizio del 800 nasce una nuova scienza: la termodinamica. Con la termodinamica, calore ed energia meccanica assumono il ruolo di forme diverse di una stessa entità. Il primo principio della termodinamica non è altro che un' estensione del principio di conservazione dell'energia, che include anche il calore. Il secondo principio pone dei limiti, dei vincoli al processo di trasformazione del calore in energia meccanica. Ecco i principi della termodinamica.

25

Primo principio della termodinamica

Consideriamo un cilindro contenente un gas, chiuso da un pistone che può muoversi in su e giù senza attrito con le pareti. Inoltre sul pistone sono posti dei pesi F che tengono il gas compresso in un certo volume V1. Se riscaldiamo il cilindro e quindi il gas in esso contenuto, forniamo ad esso una certa quantità di calore Q. L'effetto di questa somministrazione di calore è che il gas si espande e passa ad un volume V2, in tal caso si compie un lavoro. Ora se si confronta il valore di Q (calore fornito al sistema) e il valore L (Lavoro compiuto dal sistema), troveremo che non tutto il calore si è trasformato in lavoro. La quantità di calore che non si è trasformata in lavoro va ad aumentare l'energia interna del gas. Il primo principio della termodinamica, afferma che la variazione di energia interna di un sistema è uguale alla somma algebrica delle energie che esso scambia con l'ambiente esterno, sia sotto forma di lavoro che sotto forma di calore.

35

Secondo principio della termodinamica

Il secondo principio della termodinamica trova diverse formulazioni. Una di queste è il postulato di Lord Kelvin. La trasformazione di calore in lavoro avviene, abitualmente, utilizzando un fluido riscaldato da una sorgente di calore che, esponendosi compie, appunto, un lavoro. Nell'esempio visto in precedenza del cilindro con pistone mobile contenente un gas e posto a contatto con una sorgente termica, per avere un lavoro di espansione continuativo, occorre che il pistone vada su e giù non potendo pensare di utilizzare un pistone molto lungo. È necessario quindi che il dispositivo operi in condizioni cicliche. In tale esempio si è visto anche che non tutto il calore fornito dal gas si è trasformato in lavoro in quanto una parte di esso va ad aumentare l'energia interna del gas. Si potrebbe utilizzare un gas perfetto e realizzare una trasformazione isotermica.

Continua la lettura
45

Conclusione

In tal caso non ci sarebbe variazione di energia interna e pertanto, tutto il calore perso dalla sorgente sarebbe completamente trasformato in lavoro. Ma il risultato ottenuto, come ben si comprende non è stato solo quello di trasformare tutto il calore prelevato dalla sorgente in lavoro, perché contemporaneamente si è avuto anche una variazione di volume del gas e quindi c'è stato un cambiamento dello stato termodinamico di quest'ultimo. Conseguenza immediata di ciò è che nelle trasformazioni cicliche, tipiche delle macchine termiche tutto il calore preso dalla sorgente non può essere completamente trasformato in lavoro.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Fisica: il principio zero della termodinamica

Nell'Ottocento venne chiarito il concetto di temperatura. Chiariamo fin da subito che per "temperatura" non si intende un'idea soggettiva collegata alle percezioni sensoriali di caldo e freddo. La temperatura di un corpo, infatti, aumenta o diminuisce...
Superiori

Fisica: il primo principio della termodinamica

In fisica, la Prima Legge della Termodinamica stabilisce che il calore è una forma di energia, e che i processi termodinamici sono quindi soggetti al principio di conservazione dell'energia. Ciò significa che l'energia termica non può essere creata...
Superiori

Fisica: il terzo principio della termodinamica

In fisica, il terzo Principio della termodinamica, noto anche come principio di Nernst, correla la temperatura assoluta di un sistema all'entropia. L'entropia è una funzione di stato, e dal secondo principio della termodinamica sappiamo che, i sistemi...
Superiori

Appunti di fisica: la termodinamica

Ogni corpo allo stato solido, liquido o gassoso risulta essere in relazione con gli altri precisamente attraverso degli scambi di energia e calore; inoltre, un insieme di almeno due corpi si chiama sistema fisico. La termodinamica è una parte della fisica,...
Superiori

Costituzione italiana: i principi fondamentali

Molto importante da conoscere è sicuramente la Costituzione della Repubblica Italiana, ma gran parte degli italiani non si occupa dello studio delle norme costituzionali. Eppure, proprio grazie alla Costituzione la nostra Penisola riuscì finalmente...
Superiori

Fisica: i principi della dinamica

Quando si parla di Dinamica si intende quella parte della Fisica che si occupa di studiare come si muovono i corpi per effetto delle forze che agiscono su di essi. Esistono infatti diversi tipi di forze che agiscono sui corpi e ne modificano il movimento....
Superiori

Come calcolare il tempo di riscaldamento di un liquido

A prescindere dalla tipologia di scuola media superiore che viene scelta, esisteranno sempre delle materie e specialmente degli argomenti più o meno complicati e difficili da imparare. Quando si studia la scienza della termodinamica, uno dei concetti...
Superiori

Le tre leggi fondamentali della dinamica

La dinamica è la branca della meccanica che ha il compito di determinare il movimento di un oggetto quando si conoscono le forze a cui questo è sottoposto. Si basa su tre leggi (o principi) fondamentali che sono il frutto di innumerevoli osservazioni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.