I principali esponenti dell'antifascismo

Tramite: O2O 21/06/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il fascismo rappresenta una parte buia ma pur sempre importante della storia recente del nostro paese. Durato per circa un ventennio, con la data di presa al potere che solitamente viene fatta coincidere nel 1925 con la marcia su Roma organizzata dal partito, il fascismo si è contraddistinto (in maniera negativa) soprattutto per i forti ideali di identità della razza, ideali poi estrapolati e condivisi dal partito nazionalsocialista tedesco guidato da Adolf Hitler. All'epoca della sua massima diffusione l'ideologia fascista di estrema destra, che comprendeva, tra le altre cose, anche la soppressione della libertà di stampa, nonché altre limitazioni che andarono a minare l'emancipazione sociale del popolo italiano, non venne accettata all'unanimità: intellettuali, uomini di cultura e altri partiti si schierarono in netta opposizione al fascismo, dando vita ad una naturale ideologia antifascista che ebbe ripercussioni drammatiche sulla nazione. Vediamo quali furono i principali esponenti dell'antifascismo.

27

Giacomo Matteotti

Tra i principali esponenti dell'antifascismo vi fu Giacomo Matteotti, giornalista, politico e membro attivo del Partito Socialista Italiano, in netta contrapposizione all'ideologia fascista. Matteotti fu tra i primi a denunciare lo scandalo dei brogli elettorali avvenuto nel 1924 in occasione delle elezioni politiche. In quel frangente il partito guidato da Mussolini ottenne una vittoria schiacciante, pari a quasi il 65% delle preferenze; Matteotti denunciò il fatto il 30 maggio dello stesso anno in un discorso alla Camera, e meno di due settimane dopo venne rapito e ucciso da una squadra fascista inviata probabilmente dallo stesso Mussolini. Il socialista pagò dunque l'opposizione con la sua stessa vita, morendo ad appena 39 anni.

37

Umberto Terracini

Altro antifascista di particolare rilevanza fu Umberto Terracini, che rispetto a Matteotti ebbe la fortuna di vivere più a lungo. Caratterizzato da un'ideologia politica più stratificata, Terracini fece parte del Partito Comunista Italiano mantenendo però un certo distacco in alcuni momenti salienti dell'evoluzione politica dello stato. Egli assunse più volte una posizione del tutto indipendente, frutto di una concezione ben precisa della situazione politica italiana, andando a impattare anche contro alcuni aspetti dell'ideologia sovietica promossa da Stalin. Tuttavia, i suoi ideali in merito all'opposizione al fascismo non vennero mai messi in dubbio.

Continua la lettura
47

Giovanni Minzoni

Sulla sponda ecclesiastica, una figura di particolare rilievo è quella di don Giovanni Minzoni, che invece subì la stessa fine di Matteotti. L'operato di Minzoni si contraddistinse per la formazione dell'ideologia di diversi preti partigiani, nonché per la mediazione tenuta tra i partigiani stessi e la Repubblica di Salò. Minzoni fu ucciso anche lui molto giovane (38 anni) da alcuni squadristi fascisti nel 1923, dunque nella cosiddetta prima fase dell'ascesa al potere fascista.

57

Benedetto Croce

Benedetto Croce viene ricordato a gran voce come la guida dell'intero movimento antifascista italiano. Il popolo si identificò fortemente in lui, al punto che venne proposto persino come Presidente della Repubblica Italiana. Di professione filosofo, lo straordinario operato letterario e culturale di Croce toccò diversi aspetti della filosofia, dall'estetica alla logica, senza tralasciare l'impegno politico in qualità di Ministro della Pubblica Istruzione del Regno d'Italia. Da ricordare anche la redazione nel 1925 del "Manifesto degli intellettuali antifascisti".

67

Filippo Turati

Impossibile non citare anche Filippo Turati tra gli antifascisti di maggior rilievo. Turati fu uno dei primi leader socialisti italiani, in quanto la sua ideologia comprendeva la nascita di un unico partito all'interno del quale potessero confluire i movimenti popolari e operai dei lavoratori. Tale partito prese forma nel 1892 a Genova con il nome di "Partito dei Lavoratori Italiani", per poi assumere la denominazione temporanea "Partito Socialista dei Lavoratori Italiani" (1893) e quella definitiva nel 1895, "Partito Socialista Italiano". Morì esiliato a Parigi nel 1932.

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Art Nouveau: gli esponenti principali

Il mondo dell'arte ha subìto diversi stravolgimenti attraverso le epoche. Il periodo che va dalla seconda metà dell'Ottocento ai primi del Novecento, ad esempio, si caratterizza per il fiorire di importanti correnti artistiche. Una delle più influenti...
Superiori

I principali esponenti del Neoclassicismo

Il neoclassicismo è una corrente artistica e letteraria sviluppatasi tra il XVIII e il XIX secolo ed ispirata all'arte antica, specialmente quella greco-romana. Questa tendenza, nata come risposta al tardo barocco e al Rococò, ha influenzato moltissime...
Superiori

I principali esponenti dell'Illuminismo in Italia

L'Illuminismo è stata una corrente politica, filosofica e letteraria sviluppatasi in Europa intorno al XVIII secolo che aveva il compito di "illuminare" la mente degli uomini, servendosi della scienza e della razionalità come principi cardine. In Italia...
Superiori

Il Realismo in letteratura: i principali esponenti

La nascita del realismo letterario è ancora oggi abbastanza discussa ma la maggior parte della critica tende ad associarla alla comparsa del romanzo moderno nel corso del settecento in Inghilterra e Francia, ovvero quei paesi che per primi conobbero...
Superiori

I principali esponenti del neorealismo

Il Neorealismo è una corrente letteraria nata dopo gli anni 40. Non è facile dare una definizione precisa di questo movimento letterario, soprattutto perché non possiede un manifesto culturale definito o un autore che diede inizio ad uno stile determinato....
Superiori

I principali esponenti del surrealismo

Il surrealismo nacque a Parigi negli anni '20 del Novecento, e fu un movimento culturale che arrivò a toccare tutte le arti, dalla pittura, alla letteratura, al cinema. Il tema principale del surrealismo venne sviluppato dal poeta André Breton, che...
Superiori

I principali esponenti dell'Umanesimo

Per Umanesimo si intende un movimento culturale, che prende l'avvio da autori come Francesco Petrarca e Giovanni Boccaccio, e che spinse alla riscoperta delle opere degli autori latini e greci come elementi storici e non più allegorici, e fu volto...
Superiori

Il Realismo nell'arte: i principali esponenti

Esistono numerosi hobby che appassionano la gente e fra questi rientra sicuramente l'arte. Le opere artistiche hanno molteplici autori e diverse caratteristiche. In linea generale, quest'ultime risultano sempre meravigliose. Alcuni individui potrebbero...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.