I principali esponenti del Verismo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il verismo è un movimento letterario che si diffonde in Italia negli ultimi decenne dell'Ottocento e nei primi anni del Novecento.
Il termine Verismo deriva dalla parola "vero"; secondo i veristi Io scrittore ha il compito di riprodurrela realtà in modo oggettivo e di far emergere la verità in modo impersonale, senza esprimere giudizi né manifestare alcuna partecipazione emotiva.
Il verismo si sviluppa a Milano, la città della vita culturale più feconda, in cui si raccolgono intellettuali di regioni diverse; le opere veriste però rappresentano le realtà sociali dell'Italia centrale, meridionale e insulare.
Così la Sicilia è descritta nelle opere dei principali esponenti: Giovanni Verga, di Luigi Capuana e di Federico De Roberto; Napoli in quelle di Matilde De Serao; la Toscana nelle novelle di Renato Fucini e nelle opere di Mario Pratesi; la Sardegna nelle opere di Grazia Deledda; Milano in quelle di Emilio De Marchi; Roma nelle poesie di Cesare Pascarella.

27

Giovanni Verga

Nato a Catania, nel 1840 da una famiglia di proprietari terrieri,Giovanni Verga trascorse la giovinezza nella città natale e fu educato ai valori romantico-risorgimentali. Visse tra Firenze e Milano, ma nel 1893 ritorno a Catania. Nel 1920 fu nominato senatore. Morì il 24 gennaio 1922.
Verga è il più importante degli scrittori veristi. Nelle sue opere rappresenta la realtà sociale della Sicilia negli ultimi decenni dell'Ottocento; i protagonisti sono soprattutto de "vinti", cioè coloro che nella lotta per l'esistenza sono destinati a perdere. Nei romanzi e nelle novelle, Verga mette in scena la sua concezione non ottimista della vita.
Tra le opere più importanti possiamo ricordare: Nedda, I malavoglia e Mastro don Gesualdo.

37

Luigi Capuana

Luigi Capuana nasce a Mineo in provincia di Catania nel 1839, figlio di un proprietario terriero. Insieme a Verga partecipa al gruppo letterario da cu nasce la narrativa verista. Nel 1879 pubblica il primo romanzo verista italiano, Giacinta. Contemporaneamente collabora come critico presso la redazione di un quotidiano. Nel 1882 si stabilisce a Roma. Trascorse gli ultimi anni di vita a Catania, dove morì nel 1915.
Sia in campo culturale che in campo artistico fu innovatore. Svolse un ruolo di rinnovamento anche in campo poetico. Scrisse opere drammatiche, romanzi, novelle, racconti per ragazzi. Il romanzo maggiormente riuscito è Il marchese di Roccaverdina. Capuana s'impegnò anche nella produzione favolistica, confermando in questo campo i suoi interessi per la narrativa per ragazzi, per gli studi etnologici e per il folclore popolare.

Continua la lettura
47

Federico De Roberto

De Roberto (1861-1927) svolse un'intensa attività giornalistica, critica e saggistica. Si interesso di Verga pubblicando l'unico capitolo rimasto della Duchessa di Leyra. Visse prevalentemente a Catania, ma anche a Milano e a Roma, dove fece lunghi soggiorni. Riprende da Verga e Capuana la concezione dell'impersonalità come metodo volto a far aderire la forma al soggetto scelto. Più che al mondo contadino, però, egli si ispira a quello borghese e nobiliare. Il primo romanzo importante di De Roberto è l'Illusione. Subito dopo, in due anni di duro lavoro, compone I viceré, romanzo incentrato sulla storia della famiglia aristocratica degli Uzeda, principi di Francalanza.

Nella concezione del mondo per lui a dominare non possono che essere i potenti di sempre.

57

Matilde Serao

Dopo aver esordito nel 1878 con un libro di novelle; Opale, aver scritto romanzo sentimentale, Cuore inferno, la napoletana Matilde Serao (1857-1927), si avvicinò al Verismo, scrivendo racconti, romanzi, un libro-inchiesta su Napoli che descrive le condizioni di vita della città durante un'epidemia .
Il verismo della Serao è istintivo, lontano dal rigore scientifico di Capuana e di Verga, e tuttavia attento alla considerazione concreta e minuta di abitudini, ambienti, luoghi sociali. Appartiene Il romanzo della fanciulla (1885), l'opera pù a notevole è la novella lunga (o romanzo breve) La virtù di Checchina (1883).

67

Renato Fucini

In Toscana fu vicino al Verismo Renato Fucini (1843-1921). Egli pubblicò net 1882 la sua prima opera narrativa, la raccolta di bozzetti Le veglie di Neri: si tratta di un gruppo di borghesi cacciatori the raccontano le loro esperienze di caccia e di vita campagnola, spesso comiche e giocate sull'arguzia toscana.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Art Nouveau: gli esponenti principali

Il mondo dell'arte ha subìto diversi stravolgimenti attraverso le epoche. Il periodo che va dalla seconda metà dell'Ottocento ai primi del Novecento, ad esempio, si caratterizza per il fiorire di importanti correnti artistiche. Una delle più influenti...
Superiori

Il Realismo in letteratura: i principali esponenti

La nascita del realismo letterario è ancora oggi abbastanza discussa ma la maggior parte della critica tende ad associarla alla comparsa del romanzo moderno nel corso del settecento in Inghilterra e Francia, ovvero quei paesi che per primi conobbero...
Superiori

I principali esponenti dell'antifascismo

Il fascismo rappresenta una parte buia ma pur sempre importante della storia recente del nostro paese. Durato per circa un ventennio, con la data di presa al potere che solitamente viene fatta coincidere nel 1925 con la marcia su Roma organizzata dal...
Superiori

I principali esponenti dell'Illuminismo in Italia

L'Illuminismo è stata una corrente politica, filosofica e letteraria sviluppatasi in Europa intorno al XVIII secolo che aveva il compito di "illuminare" la mente degli uomini, servendosi della scienza e della razionalità come principi cardine. In Italia...
Superiori

I principali esponenti del surrealismo

Il surrealismo nacque a Parigi negli anni '20 del Novecento, e fu un movimento culturale che arrivò a toccare tutte le arti, dalla pittura, alla letteratura, al cinema. Il tema principale del surrealismo venne sviluppato dal poeta André Breton, che...
Superiori

I principali esponenti del neorealismo

Il Neorealismo è una corrente letteraria nata dopo gli anni 40. Non è facile dare una definizione precisa di questo movimento letterario, soprattutto perché non possiede un manifesto culturale definito o un autore che diede inizio ad uno stile determinato....
Superiori

Il Realismo nell'arte: i principali esponenti

Esistono numerosi hobby che appassionano la gente e fra questi rientra sicuramente l'arte. Le opere artistiche hanno molteplici autori e diverse caratteristiche. In linea generale, quest'ultime risultano sempre meravigliose. Alcuni individui potrebbero...
Superiori

Appunti di letteratura italiana: il Verismo

Nella letteratura italiana, per Verismo si intende un movimento letterario sviluppatosi fra il 1875 ed il 1895. Ciò che caratterizza il verismo è la volontà - da parte degli autori - di raccontare la realtà in maniera fedele ed oggettiva fotografando...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.