I numeri più strani della teoria delle stringhe

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In fisica, la teoria delle stringhe ha completamente rivoluzionato il mondo scientifico grazie alle sue intuizioni innovative che sono ancora oggi oggetto di molteplici studi da parte di ricercatori in tutto il mondo. Il termine deriva dall'inglese "string" (corda) poiché secondo tale teoria tutto l'universo sarebbe formano da filamenti di energia. Rispetto alle teorie precedenti, la teoria delle stringhe costituisce un modello in cui l'unità fondamentale non è più puntiforme ma è rappresentata da un oggetto ad una dimensione. All'interno di questa famosa teoria sono presenti molteplici numeri e costanti, alcuni molto bizzarri. Ecco i numeri più strani della teoria delle stringhe.

26

Numero di dimensioni extra

Nella teoria delle stringhe viene calcolato il numero di dimensioni dell'universo. Anche se ci si potrebbe aspettare che tali dimensioni siano quattro, cioè le tre relativo allo spazio e quella relativa al tempo, in realtà esse sono ben ventisei. Tale numero deriva dalla famosa equazione integrale di Polyakov, anche se tale modello sembra entrare in contraddizione con i fenomeni sperimentali.

36

Costante Planck

La costante di Planck, indicato con la lettera "h" in fisica e conosciuta anche come "quanto d'azione" rappresenta la quantità di azione elementare e dimensionalmente corrisponde al prodotto tra un energia ed un tempo. Il suo valore sperimentale è h=4,135667516*10^-15 [eV*s]. È stata scoperta dal noto fisico Max Planck grazie ai suoi studi sulle radiazioni nei corpi neri.

Continua la lettura
46

Costante di struttura fine

Un altro dei numeri strani della teoria delle stringhe è rappresentato dalla costante di struttura fine. Tale grandezza viene solitamente indicata con la lettera greca alfa e caratterizza l'intensità dell'interazione elettromagnetica. Essa è legata alla costante di Planck h con legge di proporzionalità inversa. Il valore della costante di struttura fine è di circa 1/137.

56

Energia di Planck

L'energia di Planck, il cui nome è dovuto sempre al famoso fisico, rappresenta la quantità di energia al di sopra della quale la forza gravitazionale diviene dominante. Essa è definita a partire dall'energia posseduta da una massa a riposo. Il suo valore è Ep=sqrt ((h*c^5)/G)=1,22*10^19 [GeV], in cui h è la costante di Planck vista in precedenza, c è la velocità della luce e G rappresenta la costante di gravitazione universale.

66

Lunghezza di Planck

L'ultimo dei numeri strani della teoria delle stringhe è la lunghezza di Planck, indicata solitamente in fisica con il simbolo Lp. Essa rappresenta la più piccola distanza al di sotto della quale la definizione di "dimensione" non assume più significato. Il suo valore è Lp=sqrt (h*G/c^3)= 1,616 252 × 10^-35 metri. Tale formula si ottiene mediante passaggi analiti a partire dall'equazione della lunghezza d'onda.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come costruire le stringhe combinatorie di Dyck

Walther F. A. Von Dyck è stato un matematico tedesco che ha vissuto tra l'Ottocento e il Novecento e tra le problematiche più importanti che ha analizzato negli anni ricordiamo l'analisi combinatoria. Nella guida vediamo come costruire le stringhe combinatorie...
Università e Master

Appunti: Teoria dei segnali

Molto spesso, gli argomenti più difficili da apprendere, sono quelli che presentano elementi che è molto difficile ricordare. Infatti, molti studenti, fanno ricorso all'uso di evidenziatori, sottolineando con colori forti le parti più importanti di...
Università e Master

La Teoria dell'Agenda Setting

La Teoria dell'Agenda Setting è una conoscenza inerente la comunicazione di massa. Formulata negli Anni '70 da Maxwell McCombs e Donald Shaw. Tale teoria analizza l'influenza che i mass-media hanno sulle conoscenze degli individui. Secondo la Teoria...
Università e Master

Appunti di marketing: la teoria della coda lunga

Il marketing e, più in generale, le discipline economiche si basano tutte su teorie e concetti chiave relativi al funzionamento del sistema economico in generale. Tali teorie, elaborate da economisti, Premi Nobel e professionisti del settore, oltre a...
Università e Master

La teoria delle scelte del consumatore

La teoria delle scelte del consumatore, a differenza di tante altre, è abbastanza recente.Nata in periodo neoclassico, essa si basa su alcuni concetti fondamentali.Parte dal presupposto che ogni consumatore può soddisfare i propri desideri scegliendo...
Università e Master

Chimica: la teoria delle bande

La teoria delle bande riguarda il legame chimico presente nei metalli, elaborata in seguito alla teoria degli orbitali molecolari. Il legame metallico presenta un particolare interesse in quanto il reticolo cristallino di tali aggregati è tale da avere...
Università e Master

Erving Goffman: La teoria del frame

Quando percepiamo qualcosa, qualunque cosa, da una frase, a un concetto, a ciò che udiamo e sperimentiamo nella realtà, siamo proprio certi che la nostra percezione sia scevra da ogni influenza di tipo selettivo? Ovvero: prendiamo la realtà così come...
Università e Master

Come Dire I Numeri In Cinese

La civiltà della Repubblica Popolare Cinese è sicuramente una tra le più affascinanti sia grazie alla sua storia millenaria, ma anche grazie alla sua lingua. Il cinese, infatti, è decisamente distante da tutte le lingue occidentali ed è dotata di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.