I legami chimici

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I legami chimici sono forze di tipo elettrostatico che servono per tenere insieme atomi o molecole. Tale aggregazione è spontanea, in quanto gli atomi tendono a legarsi fra loro ogni qualvolta questo processo permette loro di ottenere una condizione di minore energia e quindi maggiore stabilità. I legami tra specie chimiche non sono, però, tutti uguali: a differenziarli non concorre solo la lunghezza o il numero, ma anche il tipo di interazione esistente. La formazione di un legame può essere un processo esotermico (con liberazione di energia), o endotermico (con assorbimento di energia); l'energia coinvolta in entrambi i casi si chiama energia di legame. Un legame non coinvolge tutti gli elettroni dell'atomo, bensì solo quelli di valenza, che si trovano sull'ultimo livello energetico. I legami possono essere intramolecolari (all'interno della stessa molecola), oppure intermolecolari (tra molecole diverse).

25

Legame ionico

Il legame ionico si instaura, come suggerisce il nome, tra ioni. L'interazione elettrostatica tra cariche di segno opposto permette l'aggregazione di atomi non in molecole isolabili, ma in un reticolo cristallino in cui ciascuno risente dell'attrazione degli altri, con formazione di un legame tra i più forti in natura. Per il legame metallico il discorso è diverso: si tratta, infatti, di un vero e proprio raggruppamento di ioni positivi tenuti insieme da una nube elettronica costituita da elettroni delocalizzati su tutto il metallo. Tale delocalizzazione garantisce le proprietà dei metalli: duttilità (potenzialità a essere ridotti in fili), malleabilità (potenzialità a essere ridotti in lamine) e conducibilità elettrica e termica.

35

Legami covalenti

Il legame intramolecolare, detto anche legame covalente, si basa sulla condivisione, da parte di ciascun atomo coinvolto, affinché venga raggiunta la configurazione elettronica esterna del gas nobile più vicino. Il legame covalente si dice puro se si realizza tra atomi dello stesso elemento. Esso può essere anche polare, a causa della diversa elettronegatività tra gli atomi, e risulterà infatti polarizzato: ci sarà una parziale carica negativa sull'atomo più elettronegativo e una parziale carica positiva su quello meno elettronegativo. Sia il legame covalente puro che quello polare sono ottenuti mediante l'accoppiamento di elettroni spaiati provenienti ciascuno da un atomo diverso. Se invece gli elettroni condivisi provengono da un unico atomo il legame si dice covalente dativo.

Continua la lettura
45

Legame intermolecare

I legame intermolecolare è un'attrazione elettrostatica che si stabilisce tra molecole a breve distanza. Ci sono diversi tipi di legami intermolecolari: attrazioni dipolo-dipolo (tra molecole polari), attrazioni dipolo-dipolo indotto (tra molecole polari ed apolari), attrazioni dipolo istantaneo-dipolo indotto (tra molecole apolari). Il legame ad idrogeno è il più forte tra quelli intermolecolari e presuppone la presenza di idrogeno, in quanto consiste nella compartecipazione di esso tra due altri atomi aventi diversa elettronegatività. Esso è presente, ad esempio, tra le basi azotate del DNA ed è perciò molto importante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti: elementi chimici

La materia che ci circonda è costituita da atomi differenti, classificabili secondo proprietà chimico-fisiche ricorrenti in natura ed osservabili dall'uomo. Si definisce "elemento chimico" un'aggregazione (molecola) di due o più atomi che presentano...
Superiori

Come calcolare la massa dei reagenti chimici

La chimica viene da sempre considerata come una delle materie più ostiche per tutti gli studenti, forse perché richiede tutta una serie di conoscenze, seppur basilari, delle materie che la maggior parte degli studenti vorrebbe lasciarsi subito alle...
Superiori

Legame ionico e legame covalente

La chimica la scienza che si occupa dello studio della composizione della materia e dei suoi relativi comportamenti. Tra gli elementi oggetto di studio della chimica troviamo le molecole, gli atomi, gli elettroni e le cariche elettriche. Tutti questi...
Superiori

Come determinare la struttura di una molecola

Uno dei primi argomenti trattati in chimica è la molecola. Essa costituisce la parte più piccola di una sostanza in grado di conservarne la composizione chimica. È formata dall' aggregazione di atomi uguali o diversi fra loro. A seconda dei...
Superiori

Come calcolare la costante di equilibrio di una reazione

In questa guida vi illustrerò come calcolare la costante di equilibrio di una reazione, cioè il rapporto presente tra le concentrazioni dei reagenti e dei prodotti.Infatti nel campo chimico, si definsce una reazione quel evento in cui uno o più reagenti...
Superiori

Chimica: la teoria degli orbitali di valenza

In chimica il legame di valenza (VB) rappresenta due teorie di base: insieme orbitale (MO) e teoria molecolare; queste teorie sono state sviluppate per utilizzare i metodi della meccanica quantistica per spiegare il legame chimico. Il legame si concentra...
Superiori

Come calcolare il numero di ossidazione di un composto

Quando in chimica si parla di un composto, ci si riferisce ad una sostanza costituita da due oppure da più elementi della tavola di Dmitrij Mendeleev. Questa sostanza si definisce stabile, nel caso in cui gli elementi che la compongono possono essere...
Superiori

Chimica: regola dell'ottetto ed eccezioni

L'universo della chimica è un mondo pieno di varianti, spiegazioni e regole, nonché di persone, oggi molto famose, che ne hanno delineato i principi fondamentali. Hanno enunciato leggi, dissolto dubbi, scoperto nuove cose. Fra questi chimici c'è anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.