I giochi più belli da fare in classe

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le lezioni scolastiche vengono spesso associate all'immagine del professore che dall'alto della cattedra spiega ad una platea variamente composta di alunni. Se il docente cerca di passare i contenuti solo tramite lunghi discorsi, l'esito sarà una noia dilagante. Quale miglior sistema di apprendimento se non il gioco. Imparare giocando si può e lo dimostreremo illustrandovi i giochi più belli da fare in classe.

26

Imparare le operazioni con i lego

I mattoncini Lego con cui tutti i bambini almeno una volta hanno giocato, pur realizzando improbabili aeroplanini o case e fattorie, possono tornare molto utili per giocare alle operazioni. Le regole del gioco sono semplici: ad ogni colore è associato un numero, che visivamente corrisponde alla quantità di bottoni tondi presenti sul mattoncino lego. Lego di diversi colori corrispondono in progressione a 1 unità, 2 unità, 3 unità e così via. Utilizzando una base quadrata si possono rappresentare le operazioni: un giocatore decide quale operazione l'avversario deve rappresentare l'avversario deve realizzarla nel minor tempo possibile.

36

Memorizzare la successione numerica

Quale migliore strumento dell'antico gioco della campana per imparare la successione dei numeri? Se l'aula è sufficientemente ampia si può disegnare sul pavimento, con del nastro adesivo facilmente removibile, la sagoma del gioco della campana e invitare gli studenti a turno ad affrontare una sfida che li porterà ad imparare a contare almeno fino a dieci.

Continua la lettura
46

Potenziare il lessico

Per aumentare il numero di parole conosciute, sviluppare la creatività e memorizzare capitali, aggettivi e sostantivi gli studenti possono sfidarsi in una partita a NOMI, COSE, ANIMALI, CITTA'. L'insegnante potrà stabilire le categorie del gioco a seconda dell'argomento che si sta studiando: se la lezione del giorno è sugli aggettivi può proporre le seguenti categorie: AGGETTIVI, SOSTANTIVI, ANIMALI, CITTA', e così via adattando di volta in volta alle esigenze didattiche.

56

Imparare a leggere con le sillabe

Uno dei passaggi fondamentali nell'apprendimento della lettura è dalla sillaba alla parola. Si può realizzare una catena di parole divertente: l'insegnate sceglie una sillaba, il primo studente compone una parola che inizi con quella sillaba, lo studente successivo dovrà formulare una parola che inizi con la sillaba finale della precedente. Così da STA si potrà avere: STALLA, LASTRA, STRATO, TORO, ROSPO e così via.

66

Migliorare lo spirito d'osservazione

Per mostrare agli studenti quanto sia possibile migliorare la memoria con semplici esercizi è sufficiente procurarsi un telo e raccogliere a caso degli oggetti scolastici. Si dispongono sulla cattedra una quantità indefinita di oggetti, poi scelto uno studente lo si invita ad uscire dalla classe. L'insegnante toglie un oggetto e lo studente prescelto dovrà indovinare cosa manca dalla cattedra.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come imparare il russo: posizione dell'accento nei sostantivi russi

Le difficoltà che si possono incontrare nell'apprendimento di lingue straniere sono variabili e dipendono da molti fattori incluso la propria lingua madre e capacità di memoria. Per noi italiani le lingue più semplici da imparare, per ovvie affinità...
Università e Master

Linguistica generale: la sillaba

Le basi della linguistica sono fondamentali per un uso corretto della lingua italiana. Sin dagli esordi nei primi studi scolastici, si esaminano tutte le sue principali caratteristiche. Nell'ambito della linguistica generale, andremo adesso ad analizzare...
Superiori

Grammatica greca: i gradi dell'aggettivo

Il greco ha tre gradi dell'aggettivo, esattamente come l'italiano. Gli aggettivi qualificativi si possono trovare al grado positivo, che rappresenta la forma base, come ad esempio "bello". Il grado comparativo indica una comparazione con un secondo termine...
Superiori

Greco: comparativo e superlativo

Il greco moderno, neoellenico o neogreco, è l'ultimo stadio del processo evolutivo della lingua greca, attualmente parlata da circa 15,5 milioni di persone, soprattutto in Grecia e a Cipro. Convenzionalmente e in modo simbolico, si comincia a parlare...
Lingue

Lingua danese: una guida

Imparare una lingua vuol dire mettersi alla prova e comprendere fin dall'inizio le sue particolarità. Quando ci si approccia ad un nuovo linguaggio, occorre capirne la grammatica e la sintassi o memorizzarne un certo numero di vocaboli. Avvicinarsi ad...
Lingue

Appunti di linguistica tedesca

Ecco una guida su come prendere appunti di linguistica tedesca. La linguistica ha diversi compiti: specifica la natura del linguaggio, scopre le potenzialità e i limiti che conferisce all’uomo, identifica le regole che vengono applicate nel linguaggio,...
Lingue

Consigli per imparare il coreano

Imparare a leggere e scrivere il coreano può risultare piuttosto complicato. Per coloro che stanno imparando un nuovo idioma, il coreano richiede di apprendere un alfabeto del tutto nuovo e distante dall'alfabeto delle lingue neolatine. Quando cominciate...
Elementari e Medie

Come Formare Il Femminile Di Aggettivi E Sostantivi In Francese

Formare il genere femminile di sostantivi ed aggettivi nella lingua francese è un'operazione semplice per chi conosce una lingua derivata dal latino, come ad esempio l'italiano, e per alcuni aspetti la procedura è simile; bisogna tenere però sempre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.