I giochi olimpici nell'antica Grecia

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nell'antica Grecia, lo sport, all'ora chiamati giochi, occupavano un posto fondamentale nella vita sociale e dell'intrattenimento. Dall'altro lato, invece, c'erano i ginnasi, con l'atletismo, che, era diventato parte integrante dell'educazione dei giovani. Con Omero e Esiodo, si entrò in contatto con una società, nella quale le manifestazioni sportive, comparivano spesso nella vita privata o pubblica.
Non sempre, però, si giocava per rilassarsi o distrarsi: infatti, il più delle volte, questi momenti di intrattenimento, erano strettamente legati a cerimonie religiose, come, ad esempio, l'abitudine di onorare gli eroi defunti, con giochi funebri. Questa guida, ci aiuterà meglio a capire, come gli antichi greci, vedevano questo tipo di giochi olimpici.

26

La storia

Secondo i dati di cui siamo forniti, i giochi olimpici, iniziarono nel lontano 776 a. C. E terminarono nel 393 d. C., quando furono, successivamente, abolite dall'imperatore Teodosio. I giochi olimpici, venivano celebrati in onore del sovrano dell'olimpo, Zeus e si svolgevano all'interno del Santuario, per l'appunto, di Olimpia. I giochi, di solito, si svolgevano ogni quattro anni in piena estate e fino alla ventiquattresima edizione durarono un giorno. Solo successivamente, se ne aggiunsero altri, infatti, sembrerebbe probabile, che le feste durassero in totale, ben cinque giorni. L'intervallo tra un'edizione e l'altra prendeva il nome di Olympiàs.

36

Svolgimento della competizione

I concorrenti, dovevano essere, prettamente, dei greci liberi, mentre ai barbari e agli schiavi era addirittura, proibita la partecipazione ad esso. Successivamente, fu permesso, anche ai Romani di partecipare, tant'è vero, che Nerone, vinse nella quadriga, solo dopo aver costretto gli avversari a ritirarsi. Un altro aneddoto particolare, riguardava che gli atleti, dovevano presentarsi ad Olimpia, almeno un mese prima dell'inizio dei Giochi, questo per consentire ai giudici, tutte le registrazioni e i controlli necessari e le regole da stabilire e rispettare.

Continua la lettura
46

La prima Olimpiade

Durante la prima Olimpiade, ci fu una sola gara, lo stadion, ovvero, una corsa di circa 192 metri. Successivamente, nel 724 a. C., venne aggiunto anche il diaulos, ossia, una corsa di due stadi ed ancora, nel 720 a. C., il dolikos, una bella corsa di ben 24 stadi. La lotta e il pentathlon, infine, vennero introdotti, soltanto, nel 708 a. C. Proprio il pentathlon, era la combinazione di ben cinque gare decisamente competitive, che comprendeva: la corsa (stadion), il salto, il lancio del giavellotto, il disco e la lotta.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il vincitore faceva il giro di trionfo, mentre tutti gli spettatori lo applaudivano e gli lanciavano foglie e fiori.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Guida sulla persecuzione dei cristiani nell'Antica Roma

In questo articolo, passo dopo passo, provvederò a redigere una guida sulla persecuzione dei cristiani nell'Antica Roma. Queste persone, considerate veri e propri nemici dell'Impero, erano oggetto di vere e proprie persecuzioni con l'accusa di crimine...
Superiori

Parmenide e la filosofia antica

Parmenide fu il fondatore della scuola di Elea. Se Eraclito si è espresso attraverso dei frammenti, Parmenide sceglie di esprimersi attraverso la poesia. Il suo "Poema sull'Essere" ci è giunto in frammenti e non nella sua interezza, e pare proprio che...
Superiori

Rinascimento nell'arte: appunti

Il Rinascimento, è un periodo fondamentale su diversi e interessanti aspetti, di cui uno  di questi riguarda in primis l'arte. Il Rinascimento, è un fenomeno nato a Firenze agli inizi del Quattrocento, che si diffuse solo successivamente nelle altre...
Superiori

Come risolvere un'equazione di primo grado e applicarla ai giochi di logica

In matematica, dicasi equazione l'uguaglianza tra due oggetti, che possono essere di natura diversa. Gli esercizi potranno anche essere noiosi, ma se imparate a risolvere un'equazione ragionando nella maniera corretta, avrete già appreso i tre quarti...
Superiori

Storia: la ricostruzione nell'Italia reppubblicana

La Guerra Fredda che si inasprì, provocò la caduta del Governo Italiano che era presieduto da Parri Ferruccio e che, nel dicembre dell'anno 1945, venne sostituito da Alcide De Gasperi, democristiano. Quest'ultimo, affidò il ministero della giustizia...
Superiori

Appunti sulla storia dei persiani

Dall'Iran odierno ha origine un gruppo etnico persiano. La loro storia è lunghissima ed anche ricca di fasi gloriose. Essi discesero da tribù diverse del sud est asiatico, poi si separarono in due gruppi verso il II millennio a. C. Tali gruppi che furono...
Superiori

La tragedia greca: caratteristiche ed esponenti

La tragedia greca è un genere teatrale sviluppatosi nell'Antica Grecia, luogo in cui trasse origine, e studiato ancora adesso nelle scuole di tutto il mondo. Veniva messa in scena in occasione di eventi con connotazioni religiose, oppure sociali, ed...
Superiori

Appunti di storia greca: Sparta e Atene

Fra le molte città-stato della Grecia, due furono più potenti e rappresentative delle altre: Sparta, città di terraferma, oligarchica e chiusa, orientata all'arte della guerra; Atene, città marittima e commerciale, destinata a sviluppare forme democratiche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.