I complementi di tempo in latino

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Malgrado molte persone sostengano che la lingua latina non abbia più validità e quindi impararla sia solo una grande perdita di tempo, ancora oggi essa viene studiata e spesso torna molto utile nella vita di tutti i giorni. In realtà infatti, essa nasconde migliaia di sfumature che solo in pochi riescono ad apprezzare veramente. La grammatica è ricca di piccoli dettagli che fanno grandi differenze, come nel caso dei complementi. Essi sono espressi attraverso ben sei casi differenti: nominativo, accusativo, genitivo, dativo, vocativo e ablativo. Ognuno di questi, può essere utilizzato singolarmente o con una preposizione preposta corrisponde ad un complemento specifico della lingua italiana. In questa breve guida, ci occuperemo di illustrare i complementi di tempo di questa lingua storica.

25

Accusativo

È importante premettere che in latino, il secondo esprime la durata di un'azione. Esso si designa con l'accusativo semplice o a volte con la preposizione per che gli viene preposta. Al fine di mettere in evidenza quanto prima o dopo è avvenuto l'evento di cui si parla, si utilizza: ante/post +accusativo o ablativo+ ante/post. Risulta di fondamentale importanza, non confondere due concetti che nella nostra grammatica vengono resi alla stessa maniera. Infatti, "da + indicazione temporale" che in italiano può indicare sia da quanto tempo perdura un determinato evento sia da quanto tempo si è concluso, nella lingua latina invece i due concetti sono resi in due modi diversi. Quindi, avremo ex/ab + l'ablativo per indicare il momento di partenza; ante + accusativo per indicare da quanto si è concluso. Queste sostanziali differenze nelle due lingue, può rendere più complesso e difficoltoso l'apprendimento, ma tramite il parecchio esercizio e munendosi di una buona dose di buona volontà, si può raggiungere l'obiettivo con successo in breve tempo.

35

Esercitazioni costanti

Per imparare il latino ed in particolar modo i complementi di tempo, l'essenziale è esercitarsi con il maggior numero di versioni possibili. Non importa quanto si conosca o si ripeta la teoria e le regole grammaticali, la cosa fondamentale è applicarle continuamente fino ad utilizzarle automaticamente senza più dover ricorrere all'ausilio della regola a memoria o addirittura del libro di grammatica.

Continua la lettura
45

Tipologie di complementi temporali

Nella lingua latina, inoltre, si distinguono in due tipi di complementi temporali, quello determinato e quello continuato. Il primo, è usato per denotare il momento esatto in cui avviene un determinato evento. Per esso solitamente si utilizza l'ablativo semplice o accompagnato da sostantivi temporali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come tradurre le versioni di latino

La versione di latino, è da sempre il disagio apparente, che mette in crisi migliaia di studenti del liceo. La traduzione dal latino, infatti, non è per niente semplice se non si utilizza uno schema di lavoro ben preciso e non si possiede una buona...
Superiori

Analisi logica: struttura e complementi

L’analisi logica è il procedimento attraverso cui individuiamo le categorie sintattiche che compongono la frase. Le categorie sintattiche sono: soggetto, predicato, complementi, attributi, apposizioni. Focalizziamo ora la nostra attenzione sulla struttura...
Superiori

latino: sintassi dei casi

Il latino è una lingua molto antica che non viene più parlata oggi. Nonostante la sua importanza, in alcune scuole non viene studiato in quanto reputato una lingua "morta", al contrario è strutturato in modo minuzioso e ha la funzione di esercitare...
Superiori

Versioni di greco e latino: come affrontarle

Il liceo è una delle scuole superiori più impegnative che uno studente possa scegliere, a causa di un gran numero di materie vengono approfondite e che variano dalla matematica al latino e, se si sta parlando di liceo classico, al greco. Queste due...
Superiori

Come riconoscere e tradurre l'ablativo assoluto latino

L'ablativo assoluto è, per tanti studenti, un costrutto latino di solito ostico. Non si riesce spesso a riconoscere e perciò anche la sua traduzione diventa difficile. La maggior parte delle volte, soggetto e predicato infatti non sono insieme, ma sono...
Superiori

Come tradurre l'ablativo latino

La guida che andremo a produrre lungo i passi che seguiranno questa breve introduzione, avrà come principale tematica il latino. Come avrete potuto preventivamente comprendere tramite la lettura del titolo che accompagna la guida, ora andremo a spiegarvi...
Superiori

Come usare il genitivo latino

Il latino appartiene alla famiglia linguistica indoeuropea di cui è uno dei rappresentanti più anticamente attestati, insieme all'ittito, all'indoiranico ed al greco. Il latino ha alcune particolarità grammaticali e lessicali in comune con il gruppo...
Superiori

Come tradurre i pronomi relativi dal latino

Il compito del pronome relativo, in italiano così come in tutte le lingue del mondo, è quello di mettere in relazione tra di loro due tipologie di proposizioni. Come tradurre correttamente i pronomi relativi dal latino? Vediamolo insieme all'interno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.