Herbert Spencer: i concetti base del suo pensiero

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
18

Introduzione

Nel 1820 nasceva nel Regno Unito Herbert Spencer, destinato a diventare uno dei più importanti filosofi sostenitori dell'evoluzionismo, corrente filosofica a cui aderì già nel 1851. La prima attività di Herbert fu quella di giornalista, diventando anche vice-direttore del prestigioso Economist nel 1848. Presto, però, abbandona la carriera giornalistica per divenire autore di opere filosofico-scientifiche che lo resero famoso in tutto il mondo.
I concetti base del suo pensiero sono l'evoluzione ed il progresso, considerate leggi universali del cosmo. La realtà assoluta è, inoltre, inconoscibile. Vediamo allora un focus su Herbert Spencer: i concetti base del suo pensiero.

28

L'evoluzionismo di Herbert Spencer

L'evoluzionismo fu un concetto introdotto da Darwin. Le teorie dei due filosofi, infatti, si incrociano, ma non si sovrappongono. A differenza di Darwin, Spencer sostiene che oltre all'esistenza di una evoluzione puramente organica, esiste anche un'evoluzione inorganica (come il sistema solare) e super-organica (l'operato dell'uomo, la cultura, le istituzioni, la civiltà). Per il filosofo britannico, inoltre, esiste un unico processo in grado di coinvolgere i tre livelli sopracitati di evoluzione: quello biologico. Le leggi della biologia, infatti, sono capaci di spiegare le dinamiche della fisica, della cultura, della politica e dell'umanità. A ciò consegue che la soluzione per comprendere l'intera realtà, è quella di applicarvi le Leggi dell'evoluzionismo. Questo concetto viene definito "evoluzionismo biologico".

38

Scienza e religione in Spencer

Altro tratto distintivo del pensiero di Spencer è la compatibilità tra scienza e religione. La realtà assoluta, pur fondata su leggi scientifiche, è "inconoscibile". In parole povere la scienza è in grado di spiegare il come e il perché si verifica un determinato evento, ma non ne potrà mai capire l'essenza profonda.
L'impotenza della scienza implica l'esistenza della religione. Le due discipline, però, non devono mai sconfinare l'una nell'altra. È proprio la religione, per Spencer, ad indicare i limiti della conoscenza umana e a cercare di dare un senso ed una risposta alle domande della realtà scientifica.

Continua la lettura
48

La superscienza di Herbert Spencer

Ma se la scienza può spiegare la realtà attraverso leggi evoluzionistiche, e la religione è il campo del mistero, in cosa consiste allora la filosofia spenceriana? La risposta è nel concetto di scienza massima o "super-scienza", contenitore delle leggi generali che valgono per l'intera realtà e per tutte le regole di comportamento dell'esistenza.

58

Materia, forza e movimento per Spencer

Il filosofo Britannico si sofferma poi su tre concetti base. Il primo è l'indistruttibilità della materia. Il secondo è la continuità del movimento. Il terzo è la persistenza della forza. L'inconoscibile, invece, porta a domandarsi perché, chi, quando e come ha originato tutto ciò, ovvero la materia, il movimento e la forza.
Lo studioso risponde ai principi sostenendo l'esistenza di un processo dall'incoerente al coerente, dall'omogeneo all'eterogeneo, dall'uniforme al multiforme. Concentrazione, lenta differenziazione e determinazione finale. Questi passaggi spiegano ad esempio la formazione del sistema solare.

68

Spencer e la politica

La teoria dell'evoluzionismo di Spencer costituì la base scientifica per spiegare il suo pensiero politico che prevedeva il passaggio dalla società militare a quella industriale. Secondo Spencer la società primitiva non era caratterizzata da quella coesione che serviva ma doveva transitare in un sistema sociale dove il potere era strutturato secondo un sistema prettamente gerarchico. Ciò accade nella moderna società industriale dove una cooperazione tra gli individui consolida la coesione dandole maggiore stabilità. Per fare ciò, l'iniziativa deve appartenere solo al singolo individuo perché lo Stato deve soltanto occuparsi dell'ordine pubblico. Per questo motivo si ritiene che Spencer faccia capo al liberalismo politico e che sia contrario alle teorie socialistiche e comunistiche, anche se di fatto Spencer era maggiormente sostenitore di politiche di produzione basate più sulla cooperazione piuttosto che sul lavoro fondato dal salario.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per capire meglio Spencer, date un'occhiata anche al pensiero darwiniano
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come memorizzare lunghe liste di parole o concetti

Durante il percorso studio che affrontiamo, sia esso scolastico che universitario, possiamo imbatterci in determinati studi che richiedono un buon grado di memorizzazione. A volte, a seconda della tipologia di materia che stiamo studiando, ci si deve...
Università e Master

Montesquieu: pensiero sociologico

Nato in Francia nel 1689 da rilevante famiglia di giuristi, Charles Louis barone de Montesquieu seguì le orme familiari. Fu inoltre filosofo, storico e sociologo. Tanto da considerarsi come il pioniere della attuale democrazia. Nonché della separazione...
Università e Master

Weber: pensiero sociologico

Max Weber, nato nel 1864, fu un giovane molto attivo nella sua epoca e si interessò molto di tutti i cambiamenti che animavano la società. Visse, infatti, nell'epoca delle grandi rivoluzioni e delle grandi svolte che hanno segnato la storia degli anni...
Università e Master

I concetti base di macroeconomia

La macroeconomia è un ramo dell'economia politica che studia l'individuazione dei valori di equilibrio dei grandi aggregati (a differenza della microeconomia che si concentra sugli operatori come singoli) come il reddito nazionale o a livello più generale...
Università e Master

Durkheim: pensiero sociologico

Se siamo amanti della filosofia e ci piacerebbe riuscire a conoscere tutta la vite, il pensiero e le varie opere realizzate dal nostro autore preferito, grazie ad internet potremo trovare tutto quello che ci serve. Sono infatti, moltissime le guide che...
Università e Master

Marx: pensiero sociologico

Karl Marx si può considerare uno dei più grandi filosofi del Novecento. Proprio a lui viene attribuita la nascita del pensiero comunista, difatti le sue teorie socio-politiche fanno da base per questa dottrina di estrema sinistra. Marx nasce a Treviri...
Università e Master

Max Weber: il pensiero in pillole

Max Weber è stato un economista, filosofo e sociologo tedesco, nato ad Erfurt nel 1864 e morto a Monaco di Baviera il 14 giugno 1920.  Negli anni in cui opera la concezione di alcune discipline del sapere cambia completamente volto: psicologia, sociologia,...
Università e Master

Tocqueville: pensiero sociologico

La figura del filosofo e politico francese Alexis de Tocqueville sembra essere tornata di moda da qualche settimana. Il motivo di tanta attenzione nei suoi riguardi è dovuto principalmente alla scelta del Partito Comunista Cinese di imporne la lettura...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.