Guida allo studio dei mammiferi

Tramite: O2O 23/11/2020
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quella dei mammiferi è una classe del regno animale affascinante e complessa, comprendente oltre 4000 specie di animali diversissimi fra di loro.
I mammiferi occupano infatti tutti gli ambienti presenti sul pianeta terra: Nel mare troviamo balene, delfini e foche. Nell'acqua dolce lontre e castori. Sulla terraferma, i mammiferi vivono sia in superficie che nel sottosuolo.
In tutti queste differenti nicchie ecologiche, i mammiferi esibiscono poi una strabiliante diversità di abitudini alimentari. Alcuni si nutrono di vegetali, altri di piccoli invertebrati. Molti uccidono e si cibano di vertebrati mentre certi sono onnivori.
Se anche voi siete interessati ad avere una visione che sia la più completa possibile su questa classe di animali, per interesse personale o motivi di studio, viene fornita qui di seguito una breve guida allo studio dei mammiferi.
In particolare, gli argomenti da trattare varieranno dal cercare di comprendere quali siano le caratteristiche peculiari dei mammiferi, quali le loro origini ed evoluzione che le giustifichino e come gli animali si classifichino diversamente all'interno della classe stessa dei mammiferi.

27

Caratteristiche peculiari

La classe dei mammiferi, come si deduce dall'etimologia della parola stessa, presenta come caratteristica principale l'allattamento dei cuccioli tramite le mammelle ("mamma" sta infatti per mammella mentre "fero" significa portare, dunque portatore di mammelle). Questo è proprio ciò su cui ci si basa per distinguere questa classe di animali dagli altri, dunque il loro aspetto tassonomico principale.
Tipicamente, la fecondazione avviene con l'accoppiamento diretto tra maschio e femmina e a questo segue il periodo della gestazione che termina con il parto e successivamente l'allattamento. Vi sono però delle strane eccezioni: abbiamo infatti alcuni mammiferi che depongono uova, definiti monotremi. Si tratta dell'echidna e dell'ornitorinco, che allattano i piccoli ma non tramite le mammelle: presentano delle ghiandole che sboccano a livello della cute, dunque il cucciolo succhierà la pelle della madre.
I mammiferi sono poi dei vertebrati, dunque provvisti di colonna vertebrale. Hanno una temperatura corporea tipicamente elevata, a eccezione ancora una volta dei monotremi che tendono ad averla più bassa. Possiedono poi quattro arti e sono provvisti di peli.
In alcune specie i piccoli nascono nudi e ciechi, necessitando quindi di cure e di guida per completare la loro formazione. In altri casi, invece, hanno perfezionato lo sviluppo di organi e delle loro funzioni vitali già alla nascita.

37

Studio delle origini

Lo studio delle origini dei mammiferi si basa sull'analisi di resti fossili. Questi, infatti sono una guida indispensabile per la conoscenza del processo evolutivo.
Sulla base di questi, sembra che i mammiferi siano apparsi sulla terra nel mesozoico, evolvendosi da un gruppo di rettili chiamati terapsidi. Alcuni di questi, infatti, presentano delle caratteristiche simili ai mammiferi.
È di grande utilità anche l'osservazione degli esemplari arcaici ancora esistenti, come l'ornitorinco.
Come già accennato, i monotremi (tra cui l'ornitorinco) hanno delle caratteristiche particolari, che si discostano leggermente da quelle dei mammiferi.
Infatti, essi rappresentano una sorta di anello di congiunzione tra i rettili ed i mammiferi, che da questi ultimi si sono separati circa 300 milioni di anni fa. 80 milioni di anni fa, invece, si sono separati i monotremi dai marsupiali all'interno della classe dei mammiferi.

Continua la lettura
47

Intelligenza e organizzazione sociale

I mammiferi si distinguono nettamente dalle altre specie in particolar modo per lo sviluppo cerebrale, che merita infatti una disamina a parte. Dallo studio del loro cervello emerge infatti un'intelligenza particolarmente progredita.
Si ritiene che tutti i vertebrati, dunque rettili, mammiferi ed uccelli, abbiano un antenato comune provvisto di una corteccia cerebrale a tre strati.
Nei mammiferi, questa si è poi evoluta in una neocorteccia di sei strati che consente di elaborare processi psichici di più alto livello.
I mammiferi dispongono infatti di un sistema di comunicazione funzionale e sofisticato e possiedono una capacità di organizzazione sociale complessa.
Anche negli uccelli, comunque, sembra essere presente una regione simile sebbene con una architettura completamente differente.

57

Classificazione

Per praticità di studio, i mammiferi si classificano a loro volta in quattro gruppi. Il primo comprende gli insettivori, i dermotteri, i chirotteri, gli sdentati, i folidoti e i primati. Gli esseri umani appartengono a quest'ultimo.
Il secondo gruppo comprende i roditori e i lagomorfi.
Il terzo è quello dei cetacei. È un ordine che raggruppa i mammiferi adatti alla vita acquatica.
L'ultimo gruppo racchiude diversi ordini, quali tubulidentati, proboscidati, iracoidei, sirenidi, perissodattili e artiodattili. Le linee guida sullo studio di questo gruppo indicano numerose specie, molto diverse tra loro.

67

Cause dell'evoluzione

Per concludere, quali sono state le spinte evolutive che hanno portato alla creazione di questa classe di animali così complessa? Non vi sono ancora, al momento, delle risposte esaurienti a riguardo.Sicuramente è causa di un connubio di fattori ambientali e genetici. Nella prima si può annoverare il fatto che, nel carbonifero, la terrà subì un progressivo inaridimento delle sue zone precedentemente acquatiche o paludose avvantaggiando le specie maggiormente adatte a vivere sulla crosta terrestre. Tra questi, proprio un gruppo di terapsidi.Ciò che è certo è che nessun'altra classe di vertebrati ha conquistato la stessa varietà di habitat ed influenzato così pesantemente il destino delle altre. La comparsa dell'uomo, ad esempio, ha determinato l'estinzione di vari gruppi animali e la terra continua a subire importanti modifiche a causa della sua presenza sul suo suolo.Qualunque sia quindi la ragione che ha portato i mammiferi a separarsi dai rettili 80 milioni di anni fa, ha portato importanti ripercussioni sul destino del pianeta terra.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Effettuare una visita guidata presso un parco nazionale per osservare l'ambiente dei mammiferi
  • Osservazione diretta di alcuni esemplari animali
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come migliorare la memoria visiva nello studio

Sin dalla preistoria, tutti gli esseri umani possiedono quella che viene chiamata memoria visiva.Grazie ad uno dei 5 sensi, la vista, è quel tipo di strumento che ci ha permesso di sviluppare la nostra capacità di sopravvivenza, di tenerci lontani dai...
Elementari e Medie

Guida ai numeri decimali

La matematica risulta da sempre una delle materie più ostiche per lo studente italiano. È bene che, fin da piccoli, i bambini capiscano la materie in moda da non sviluppare un senso di rifiuto che poi si porteranno avanti per tutta la carriera scolastica....
Elementari e Medie

Guida ai vulcani d'Italia

L'Italia è un paese ricco di bellezze naturali, luoghi da visitare che suscitano l'invidia di tante altre nazioni. Uno dei segni distintivi della nostra terra sono senza dubbio i vulcani, alcuni attivi altri no, che caratterizzano alcuni paesaggi italiani....
Elementari e Medie

I principali animali frugivori

In zoologia con il termine "frugivoro", termine che deriva dal latino e letteralmente significa "divoratore di frutta", vengono catalogati appunto tutti gli animali che si nutrono principalmente di frutta o di semi. Genericamente, sono catalogati in questo...
Elementari e Medie

Geografia: i deserti degli Stati Uniti d'America

Data la grande vastità del territorio statunitense possiamo trovare al suo interno delle aree desertiche o semi-desertiche. Principalmente queste aree sono collocate nella zona sud-occidentale. In questa guida, sostanzialmente, ci concentreremo proprio...
Elementari e Medie

I principali animali erbivori

In natura, tutte le creature viventi hanno bisogno di nutrirsi per vivere, ma non tutte mangiano le stesse cose. Le categorie degli animali, uomo compreso, in base a ciò che mangiano sono tre: erbivori, carnivori ed onnivori. Come si può facilmente...
Elementari e Medie

Come aiutare i bambini a studiare

L'approccio alla carriera scolastica può spaventare e destabilizzare la serenità degli studenti. Una formazione graduale e crescente è fondamentale per raggiungere l'obiettivo dell'istruzione. Il metodo di studio è molto importante in questa fase...
Elementari e Medie

Come aiutare un lavativo a studiare

Se una persona cara (figlio, fidanzato/a) non ha la minima voglia di studiare, come fare? Con questa guida facile riuscirete a fargli cambiare idea, a fargli avere un metodo di studio, e ad imparare come si aiuta veramente una persona in difficoltà con...