Guida ai vulcani d'Italia

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'Italia è un paese ricco di bellezze naturali, luoghi da visitare che suscitano l'invidia di tante altre nazioni. Uno dei segni distintivi della nostra terra sono senza dubbio i vulcani, alcuni attivi altri no, che caratterizzano alcuni paesaggi italiani. Le persone che abitano vicino a queste calde montagne hanno imparato a conviverci, nonostante il costante pericolo che un'eruzione possa avvenire da un momento all'altro. Naturalmente i vulcani sono tenuti sotto osservazione in ogni istante tramite apparecchiature all'avanguardia e da organi competenti che monitorano ogni singolo dato al fine di prevedere eventi che possano delle causare delle catastrofi. In questa guida esamineremo i vari vulcani d'Italia.

27

Occorrente

  • Scarponi da escursione
37

L'Etna

Il primo vulcano ed anche il più grande vulcano è l'Etna, situato nella provincia di Catania è proprio il segno distintivo di questa città siciliana. L'Etna, dal punto di vista geologico, è caratterizzato da eruzioni effusive, cioè la fuoriuscita di lava è costante e continua ma priva di esplosioni; in questo modo il paesaggio circostante è in continua trasformazione. Per fortuna questo tipo di eruzione non è pericoloso per le persone, anziè anche possibile fare delle escursioni guidate all'interno del complesso vulcanico. Sono molto suggestivi da vedere i canali di lava che scorrono come fiumi con temperature elevatissime.

47

L'isola-vulcano di Stromboli

Bellissima da vedere è l'isola-vulcano di Stromboli, questo vulcano, considerato uno dei più attivi d'Europa, sorge in mezzo al Mediterraneo, a nord-est della Sicilia. Nonostante la frequente attività vulcanica, l'isola è abitata anche se da poche persone. I tipi di eruzione sono per la maggior parte a carattere esplosivo, ma con piccole emissioni di gas, le eruzioni avvengono con una media di una all'ora.

Continua la lettura
57

Il Vesuvio

Il terzo vulcano d'Italia è il Vesuvio, la montagna, come viene soprannominato dagli abitanti di Napoli, è entrato nell'immaginario collettivo grazie alla splendida cartolina visibile dalle zone collinari di Napoli, in cui il vulcano fa da sfondo al golfo partenopeo. Il Vesuvio, a differenza dell'Etna, è un vulcano silenzioso, l'ultima eruzione risale al 1944. Le sue eruzioni sono a carattere esplosivo, fortemente distruttive, e le ceneri che si liberano durante la fase di eruzione possono arrivare fino a molti chilometri di distanza. In prossimità delle pendici del vulcano, nel corso degli anni, sono stati costruiti numerosi centri abitati in zone ovviamente a rischio massimo in caso di risveglio. Anche per il Vesuvio sono possibili visite guidate, ma non si può arrivare fino alla bocca del vulcano.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Documentarsi sull'evoluzione dei vulcani
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

I 5 vulcani più pericolosi al mondo

In passato si credeva che le eruzioni vulcaniche fossero delle manifestazioni divine. Si hanno testimonianze di eventi catastrofici riguardanti intere città andate distrutte a causa di eruzioni vulcaniche. Al giorno d'oggi vi sono vulcani attivi che...
Elementari e Medie

I principali laghi d'Italia

Come voi lettori e lettrici ben saprete, l'Italia è un Paese che (come altre terre mediterranee) possiede una vasta gamma di paesaggi naturali: in Italia troviamo fiumi, mari, montagne, stagni, pianure, colli e altopiani. Soprattutto, apprezzati e famosi...
Elementari e Medie

Le montagne più alte in Italia

L'Italia è occupata, per circa un terzo del suo territorio, da montagne che si ripartiscono in due grandi catene: le Alpi e gli Appennini. Le prime, disposte ad arco nella parte settentrionale del paese, sono geologicamente giovani. Sono pertanto caratterizzate...
Elementari e Medie

Come disegnare una cartina dell'Italia

Se intendiamo disegnare una cartina geografica ed in particolare quella dell'Italia, prima di iniziare, è tuttavia necessario decidere quanto deve essere grande. Per disegnarla è quindi importante stabilire la scala, rispetto alla dimensione totale...
Elementari e Medie

I laghi più grandi in Italia

L'ambiente naturale dell'Italia è uno dei più belli al mondo, grazie ai molteplici fiumi, alle innumerevoli montagne e ad un'alta quantità di laghi sparsi in tutte le regioni. L'Italia conta più di 1.500 laghi, ma i più grandi sono al nord, dove...
Elementari e Medie

Storia: l'Italia Medievale

La storia è ricca di riferimenti importanti, ognuno segna una tappa fondamentale per il proseguire dello sviluppo umano, sociale e industriale che ha portato a quel tipo di società che oggi chiamiamo moderna. Ma il processo di evoluzione è stato molto...
Elementari e Medie

I fiumi più lunghi in Italia

Per la sua conformazione geografica, l'Italia è un paese caratterizzato da molti fiumi anche se distribuiti a macchia di leopardo nelle varie regioni. I più lunghi si trovano nelle zone settentrionali e centrali poiché il clima è piuttosto piovoso,...
Elementari e Medie

Le isole più piccole d'Italia

L’Italia si circonda di molte piccole isole, di solito raggruppate in arcipelaghi. Alcune di queste isole offrono ancora paesaggi incontaminati ed un mare bellissimo. Testimonianza della grandezza del Mare Nostrum, alcune piccole isole d’Italia ne...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.