Guida ai motori termici

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Lo scopo di un motore solitamente, la trasformazione o la produzione di l'energia tramite movimento. Nei motori termici l'energia che si produce è il calore, mentre il combustibile rappresenta l'energia presente all'interno del motore stesso. Questo genere di motore di divide in due categorie: il motore a combustione esterna, che può a sua volta essere alternativo o rotativo, e il motore a combustione interna, che può essere anche questo alternativo, rotativo o ancora il reattore termico. In questo articolo vi farò una una breve guida ai motori termici e alle loro caratteristiche principali. Dunque, iniziamo.

27

Combustione interna ed esterna

Il primo motore di cui si parlerà sarà quello a combustione interna. Per questo genere di motore il combustibile viene bruciato all'interno del recipiente, ossia la camera di combustione, dentro il quale si sviluppa il gas. È proprio questo gas a produrre sia calore all'interno del motore sia a dare la spinta al pistone. Il motore a combustione esterna invece, è quello in cui è il gas a spingere il vapore acqueo ad alta pressione, quest'ultimo viene ottenuto facendo bollire l'acqua in una caldaia. Tramite le tubazioni, il vapore viene convogliato su un pistone, in un cilindro oppure sulle pale di una ruota girevole.

37

Reattore termico

Nel reattore termico il gas di combustione non spinge un pistone o le pale di una ruota, ma a "tutto" il veicolo su cui il motore si trova. Il gas, infatti, viene espulso all'indietro a grande velocità e per "reazione" esercita una forte spinta sulla parte posteriore del veicolo che, di conseguenza, viene spostato in avanti.

Continua la lettura
47

Produzione di gas

Il motore alternativo in movimento è caratterizzato maggiormente per la produzione di gas capace di spingere, dentro un cilindro, il pistone. Quest'ultimo difatti, si muove alternativamente avanti e indietro. Un meccanismo opportuno che trasforma questo moto da una linea retta a un moto "rotatorio".
Il motore rotativo è più semplice di quello alternativo, poiché il gas spinge direttamente le pale fissate sul bordo di una ruota facendole girare. La rotazione può essere trasmessa a ruote, a eliche o ad altre parti girevoli. Per questo motivo, può essere denominato "a turbina".

57

Calore ed energia

In ogni motore termico, quindi, entra il calore ed esce l'energia. Insieme a quest'ultima però, esce anche del calore. Questo calore, purtroppo, è sprecato in quanto non verrà mai trasformato in energia. Indi per cui, meno calore viene sprecato da un motore, più la sua resa sarà efficiente. Si definisce il rendimento di un motore termico, quando la percentuale di calore che tale motore riesce a trasformare realmente, e non solo potenzialmente, in energia.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il motore a ciclo termico può avere diverse unità per la disposizione dei vari elementi.
  • Il loro rendimento è dato dal rapporto tra temperatura di inizio e fine ciclo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Guida alla verifica delle ipotesi

Quando si studia un determinato avvenimento scientifico, in molti casi si va avanti per ipotesi. Con tale sistema, in pratica, si formula l'ipotesi e poi si verifica o si confuta. Tutto il metodo scientifico si basa su questo concetto e risulta molto...
Superiori

L'ablativo latino: guida al suo utilizzo

A volte, è semplice distinguere quale complemento traduce perché è preceduto da delle preposizioni, altre volte no perché è solo, retto dal verbo. In questa guida vedremo come riconoscere l'ablativo latino, e come tradurlo. In definitiva, alla fine...
Superiori

Il genitivo latino: guida al suo utilizzo

In latino, il genitivo introduce il complemento di specificazione. Serve a specificare il concetto espresso da un sostantivo, da un aggettivo, da un verbo. Il genitivo latino, quindi, può dipendere da: 1. sostantivi; 2. aggettivi e participi con valore...
Superiori

Scienze: guida sui pianeti

I pianeti (dal greco planetes cioè errante, vagante) sono corpi celesti di forma sferica che non brillano di luce propria ma riflettono la luce del Sole che li illumina e intorno al quale ruotano. Il moto dei pianeti intorno al Sole è detto moto di...
Superiori

Il vocativo latino: guida al suo utilizzo

Studiare il latino risulta essere abbastanza complesso per via delle numerose regole da imparare. Però, con molto impegno e molta costanza potreste ottenere ottimi risultati da soli. In questo modo, non avrete la necessità di rivolgervi ad un professore...
Superiori

Letteratura italiana: guida al "Paradiso" di Dante

Il capolavoro di Dante Alighieri “La Divina Commedia” è composto da tre libri chiamati “cantiche”, ognuno dei quali formato da 33 canti. La metrica è composta da terzine di endecasillabi con rime incatenate. Questa opera, composta presumibilmente...
Superiori

Breve guida a Se questo è un uomo di Primo Levi

Primo Levi rappresenta sicuramente uno degli scrittori italiani più importanti di sempre. Sono tantissime le opere di grande successo che egli ha scritto e tra le più famose vi è senz'altro ''Se questo è un uomo''. Nella seguente e breve guida pertanto...
Superiori

Fisica: il primo principio della termodinamica

In fisica, la Prima Legge della Termodinamica stabilisce che il calore è una forma di energia, e che i processi termodinamici sono quindi soggetti al principio di conservazione dell'energia. Ciò significa che l'energia termica non può essere creata...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.