Guida a Le Baccanti di Euripide

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il capolavoro finale di Euripide "Le Baccanti", è incentrato unicamente su Dioniso, il dio del teatro ateniese, nonché una delle divinità più intriganti dell'antico pantheon greco. In tutto il dramma, che a sua volta spiega l'istituzione del culto di Dioniso in Grecia, il tragico include molti elementi che sono stati associati all'esperienza di partecipazione al culto divino. Questi includono varie storie che raccontano la nascita del dio, descrizioni dettagliate delle sue menadi che celebrano selvaggiamente il dio sul monte Cithaeron e il sacrificio rituale di lacerazione della carne a parte (sparagmos). L'evocazione di questa esperienza assume un significato speciale quando si considera il contesto rituale dell'antico dramma greco: tutte le tragedie del V secolo sono state eseguite come parte di una celebrazione a livello cittadino in onore di Dioniso, il festival Dionysia della città, che prevedeva sacrifici ed elaborate processioni, così come le gare drammatiche e poetiche in onore del dio. Ecco una guida a Le Baccanti di Euripide.

24

Gli dei

Dioniso non è solo il protagonista del dramma ma è straordinariamente onnipresente come una celebrazione cruciale della sua divinità. Gli dei non erano estranei al palcoscenico ateniese del V secolo: molte delle tragedie sopravvissute presentano scene con divinità come Poseidone, Atena e Afrodite, che di solito compaiono all'inizio o alla fine di un'opera teatrale, sia offrendo il prologo di apertura sia fornendo chiusura ex machina. Nella maggior parte dei casi, gli attori che interpretavano gli dei apparivano da "in alto", distribuendo le loro linee dal tetto dello sfondo di legno. Gli dei erano quindi in un certo senso estranei alla trama tragica, limitati agli inizi e ai fini. Sebbene i personaggi tragici continuino a chiamarli e ad attrarli, sul palco sono stati letteralmente messi al di sopra dell'azione.

34

La trama

Nelle Baccanti, Dioniso è al centro dell'attenzione, l'unico dio principale della tragedia greca sopravvissuta a fungere da principale obiettivo del gioco. L'opera rivela l'incredibile potere di una divinità disprezzata, che distrugge e distrugge quelli come Penteo che si rifiuta di adorarlo. L'apparizione e il dominio di Dioniso sul palcoscenico, tuttavia, ne fanno l'ultima tragedia della vendetta. In Ippolito Afrodite deve operare la sua vendetta attraverso mezzi indiretti e intermediari umani, infiammando Fedra con una passione proibita per il suo figliastro. Dioniso, d'altra parte, prende la carica personale e diretta, forse perché la vendetta deve essere inflitta a suo cugino e alla sua famiglia.

Continua la lettura
44

Le figure mitiche

Altre figure mitiche degne di nota come Cadmo e Tiresia (che è facilmente identificabile in molte altre commedie tebane da parte del suo staff e veggente) indossano anche costumi speciali in onore di Dioniso. La messa in scena di molte scene, come il terremoto in cui Dioniso viene liberato, ricorda il potere del teatro, che può facilmente trasformare qualsiasi stadio in un altro mondo. Sotto l'incantesimo di Dioniso, Penteo afferma di poter vedere due soli, una visione che avrebbe potuto spingere il pubblico di Ateneo a riflettere sulla relazione tra il mondo fittizio di Tebe che è evocato dal dramma e dalla loro attuale esperienza di sedersi al Teatro di Dioniso sul versante sud dell'Acropoli.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Greco: la tragedia di Sofocle

Insieme ad Eschilo ed Euripide, Sofocle è l'unico autore tragico greco di cui si siano conservate opere intere. Visse ad Atene nel V secolo a. C., epoca cruciale per la democrazia della polis attica, e fu protagonista non soltanto sulle scene ma anche...
Superiori

Guida sull'Impero di Nerone

Personaggio molto complesso, la figura di Nerone attrae ancora oggi. Fu Anzio a dargli i natali nel 37 d. C. La madre era Giulia Agrippina Augusta (Agrippina minore). Ella fece si che l'imperatore Claudio lo nominasse come suo successore legittimo all'Impero....
Superiori

Guida alla verifica delle ipotesi

Quando si studia un determinato avvenimento scientifico, in molti casi si va avanti per ipotesi. Con tale sistema, in pratica, si formula l'ipotesi e poi si verifica o si confuta. Tutto il metodo scientifico si basa su questo concetto e risulta molto...
Superiori

L'ablativo latino: guida al suo utilizzo

A volte, è semplice distinguere quale complemento traduce perché è preceduto da delle preposizioni, altre volte no perché è solo, retto dal verbo. In questa guida vedremo come riconoscere l'ablativo latino, e come tradurlo. In definitiva, alla fine...
Superiori

Il genitivo latino: guida al suo utilizzo

In latino, il genitivo introduce il complemento di specificazione. Serve a specificare il concetto espresso da un sostantivo, da un aggettivo, da un verbo. Il genitivo latino, quindi, può dipendere da: 1. sostantivi; 2. aggettivi e participi con valore...
Superiori

Scienze: guida sui pianeti

I pianeti (dal greco planetes cioè errante, vagante) sono corpi celesti di forma sferica che non brillano di luce propria ma riflettono la luce del Sole che li illumina e intorno al quale ruotano. Il moto dei pianeti intorno al Sole è detto moto di...
Superiori

Il vocativo latino: guida al suo utilizzo

Studiare il latino risulta essere abbastanza complesso per via delle numerose regole da imparare. Però, con molto impegno e molta costanza potreste ottenere ottimi risultati da soli. In questo modo, non avrete la necessità di rivolgervi ad un professore...
Superiori

Letteratura italiana: guida al "Paradiso" di Dante

Il capolavoro di Dante Alighieri “La Divina Commedia” è composto da tre libri chiamati “cantiche”, ognuno dei quali formato da 33 canti. La metrica è composta da terzine di endecasillabi con rime incatenate. Questa opera, composta presumibilmente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.