Grammatica latina: la proposizione finale

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nello studio della grammatica latina, come in quella italiana, che da essa deriva, si debbono affrontare particolari aspetti della frase come le proposizioni. Esse possono essere di vario genere, ma qui ci concentreremo principalmente sulla proposizione finale. Questa ha la stessa funzione che ritroviamo nella lingua italiana, e altro non è che quella parte di frase che indica il fine dell'azione presente nella proposizione reggente.

26

Occorrente

  • Grammatica latina
36

Quando utilizziamo una proposizione finale in italiano la colleghiamo alla proposizione reggente tramite parole del tipo "perché" "affinché" alle quali si fa seguire un verbo con coniugazione congiuntiva, oppure la parola "per" seguita da un verbo coniugato all'infinito. Nella lingua latina invece le parole che rendono la proposizione finale sono "ut" e "ne". Si usa li primo quando la frase finale è di tipo affermativo, mentre si usa "ne" quando questa è di tipo negativo. Le coniugazioni del verbo che segue possono essere esclusivamente congiuntivi, al presente o all'imperfetto, a seconda del verbo della frase reggente che può avere un tempo principale o tempo storico.

46

Esistono, poi, altri modi per esprimere una proposizione finale in latino che possono essere riassunti nel seguente modo: con i pronomi " qui, quae, quod" seguiti dal congiuntivo presente o imperfetto; con "causa o gratia" se preceduti da un gerundio al caso genitivo; con il gerundivo in caso dativo, ma solo se ci sono aggettivi che esprimono utilità; raramente con il participio, futuro o presente, del verbo; e sempre raramente con la particella ob e l'accusativo del gerundivo. Per concludere possiamo dire che, anche se sembra piuttosto complicato, con un po' di esercizio l'apprendimento della proposizione finale latina non dovrebbe creare particolari problemi. Molto utili anche alcuni siti per potersi esercitare online..

Continua la lettura
56

Spiegando meglio questo passaggio possiamo dire che, se nella frase reggente viene usato un verbo con tempo principale, allora nella proposizione finale si userà ut (o ne se è di tipo negativo) seguito da un congiuntivo presente; se, invece, nella frase reggente si usa un verbo con tempo storico, allora il verbo usato nella proposizione finale sarà un congiuntivo coniugato all'imperfetto. Esiste, poi, una variante alle particelle ut e ne: si tratta della particella "quo" che in italiano potrebbe essere tradotta con l'espressione "affinché con ciò", usata soprattutto in presenza di una voce comparativa nella proposizione subordinata. Per quanto riguarda le proposizioni finali va ricordato, infine, che, quando nella frase è presente una proposizione finale seguita da un'altra proposizione finale negativa, quest'ultima deve essere coordinata alla precedente tramite la particella neve, neu e non, nel caso la prima delle due proposizioni sia negativa, mentre si usano le particelle neque e nec, nel caso questa sia affermativa.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fare esercizi con diverse frasi e traduzioni
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Grammatica latina: il doppio accusativo

La lingua italiana ha molto a che fare, seppur etimoligicamente, con la lingua degli antichi latini. La grammatica latina è davvero molto interessante. Molte delle nostre parole e delle nostre frasi, derivano dal latino. Come sappiamo però, non è una...
Superiori

Come Affrontare Lo Studio Della Grammatica Latina

Il Latino rappresenta l'origine della maggior parte delle lingue europee. Fin dall'antichità era la lingua più usata per comunicare e ancora oggi viene studiata nei licei, per insegnare ai giovani a parlare correttamente la lingua italiana. Ma per apprenderla...
Superiori

Grammatica latina: la formazione dell'avverbio

La stragrande maggioranza delle lingue parlate in Europa, e successivamente diffuse nel mondo, sono lingue dette neolatine, perché derivanti dalla lingua latina, cioè quei linguaggi utilizzati dai primi italici e dai romani al tempo dell'impero, ma...
Superiori

Grammatica latina: il supino

In questo articolo vedremo "il supino" appunto nella grammatica latina.Il latino è, senza dubbio, la lingua madre di tutte le lingue europee, e l'italiano deriva proprio da essa. Ricordiamo che anche il francese e lo spagnolo derivano dalla lingua latina....
Superiori

Proposizione interrogativa in latino

La proposizione interrogativa può terminare anche in lingua latina con il segno di punteggiatura? (punto di domanda). La proposizione interrogativa latina può essere diretta, se svolge il ruolo di proposizione principale, o indiretta, se invece occupa...
Superiori

Grammatica latina: interrogative dirette e indirette

Nel presente tutorial di appunti di grammatica latina tratteremo le proposizioni interrogative dirette ed indirette. Inizieremo col dire che entrambe possono essere semplici ovvero disgiuntive (o doppie). Nell'ultimo caso, sono presenti più “opzioni”...
Superiori

Grammatica latina: i gradi dell'avverbio

In questa guida vogliamo parlarvi della grammatica latina ed in particolar modo di un preciso argomento e cioè quello dei gradi dell'avverbio, in modo tale da sapere quando e come utilizzarli, senza incorrere in errori anche gravi, che potrebbero costare...
Superiori

Grammatica latina: come tradurre il dativo di possesso

Il latino insieme al greco è una delle lingue più affascinanti della letteratura mondiale. Molti di voi hanno già avuto la fortuna di studiare questa lingua al liceo, e di approfondire le regole basilari. Iniziare ad avvicinarsi allo studio della lingua...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.