Grammatica latina: la formazione dell'avverbio

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La stragrande maggioranza delle lingue parlate in Europa, e successivamente diffuse nel mondo, sono lingue dette neolatine, perché derivanti dalla lingua latina, cioè quei linguaggi utilizzati dai primi italici e dai romani al tempo dell'impero, ma anche in seguito. Questa lingua rimase in vigore per molto tempo, soprattutto in Italia, paese in cui resistette fino a che il Volgare non prese il sopravvento. Al giorno d'oggi, il latino viene ancora studiato da molti alunni delle scuole superiori, in genere col fine di far conoscere l'origine di molte parole presenti ai giorni nostri, e le scuole in cui si studia sono principalmente i Licei, tra cui il classico, lo scientifico e quello di scienze umane, ma questa lingua è spesso integrata con dei corsi anche al Liceo linguistico. Come in tutte le lingue, anche la grammatica è presente nella lingua latina, e ora andremo a vedere come avviene la formazione dell'avverbio.

25

Occorrente

  • Libro di Grammatica Latina
  • Quaderno
35

Innanzitutto bisogna avere comunque una piccola base di studio di latino. Fatta questa premessa, gli avverbi si formano dagli aggettivi aggiungendo al genitivo senza la terminazione, i vari suffissi che sono: "e", "er", e "iter".
Il comparativo dell'avverbio di solito coincide con il comparativo neutro dell'aggettivo, nella parola si crea come finale "ius". Mentre invece il superlativo dell'avverbio si forma con la terminazione "e" che sostituisce "i" del genitivo singolare dell'aggettivo superlativo. È possibile visionare anche una lezione di latino cliccando sul link in fondo alla guida. Passiamo alla seconda parte della guida.

45

Abbiamo diversi tipi di avverbi: avverbi di modo, di tempo, di quantità, e di luogo.
Gli avverbi di modo servono a determinare la qualità dell'azione, la maggiore parte sono tutti di derivazione aggettivale.
Gli avverbi di quantità servono a determinare la quantità e sono usati correlativamente. Bisogna fare sempre attenzione al finale della parola.
Gli avverbi di luogo servono ad indicare dove essa avviene, il luogo da cui si arriva. La maggior parte di questi avverbi derivano da pronomi.
Mentre invece gli avverbi di tempo servono ad indicare un'azione di tempo, indicando quando si verifica e la durata. Possiamo passare alla terza ed ultima parte della nostra guida.

Continua la lettura
55

Nonostante tutto di solito il superlativo degli avverbi esce sempre in "e", nel caso in cui negli avverbi derivati dagli aggettivi, la parte finale "e" si sostituisce in "us". Sul vostro tavolo di lavoro tenete sempre vicino il libro di grammatica, in modo tale che se dimenticate qualcosa potete sempre ripassare velocemente i punti che avete dimenticato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Grammatica: tipologia e usi dell'avverbio

L'avverbio è una parte invariabile del discorso, che viene utilizzata per modificare il significato di altre parole, generalmente verbi o aggettivi. Nell'analisi grammaticale, è importante riuscire a distinguere gli avverbi da aggettivi, congiunzioni...
Lingue

Grammatica francese: il comparativo

La costruzione grammaticale della lingua francese presenta diverse analogie con la grammatica italiana italiana (nonché con quella spagnola), a causa della radice latina che è comune. Sicuramente vi sono anche numerose e sostanziali differenze. Il comparativo,...
Lingue

Come formare il comparativo in inglese

Leggendo questa guida, scopriremo come formare il comparativo in inglese. Che si tratti di comparativo di maggioranza, di minoranza, di uguaglianza o di superlativi, la lingua inglese tiene conto, per quanto concerne sia gli aggettivi che gli avverbi,...
Superiori

Grammatica greca: i gradi dell'aggettivo

Il greco ha tre gradi dell'aggettivo, esattamente come l'italiano. Gli aggettivi qualificativi si possono trovare al grado positivo, che rappresenta la forma base, come ad esempio "bello". Il grado comparativo indica una comparazione con un secondo termine...
Superiori

Latino: come riconoscere e tradurre le proposizioni consecutive

La grammatica latina è uno degli scogli principali per gli studenti dei licei. Appena si inizia con i vari complementi è molto difficile tenere tutto bene a mente. Ma quando si passa all'analisi del periodo la situazione si complica ulteriormente. In...
Lingue

Imparare il russo: l'avverbio

State imparando il russo, ma avete difficoltà con l’avverbio? Non preoccupatevi, nulla di più facile! L’avverbio, infatti, è uno dei pochi termini della struttura linguistica russa che non subisce variazioni in base a desinenze e casi, ma rimane...
Superiori

Tedesco: come si formano i comparativi e i superlativi

La lingua tedesca, per noi italiani, a volte sembra essere molto più difficile di quanto non lo sia in realtà: ci facciamo impressionare da parole interminabili, lunghe quasi quanto frasi intere, accompagnate da suoni a volte impercettibili, allontanandoci...
Superiori

Grammatica latina: interrogative dirette e indirette

Nel presente tutorial di appunti di grammatica latina tratteremo le proposizioni interrogative dirette ed indirette. Inizieremo col dire che entrambe possono essere semplici ovvero disgiuntive (o doppie). Nell'ultimo caso, sono presenti più “opzioni”...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.