Grammatica latina: il complemento di causa

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Anche trattandosi di una lingua ormai estinta, la grammatica latina rappresenta una materia di studio in tanti Paesi del mondo (compresa l'Italia). Come la lingua italiana, anche il latino ha una notevole quantità di complementi, ognuno dei quali svolge una determinata funzione. La loro presenza consente di fornire una variegata moltitudine di interpretazioni agli eventi che si verificano nel tempo. Nel seguente articolo vediamo come nella grammatica latina si costruisce il complemento di causa, nonché le sue particolari funzioni.

27

Occorrente

  • Libro di latino
37

Cosa esprime e a quali domande risponde il complemento di causa in latino

Il complemento di causa esprime la ragione per cui una specifica azione viene compiuta o il perché quest'ultima abbia provocato una determinata situazione. Questo tipo di complemento nella grammatica latina risponde alle domande "Perché?", "A causa di chi?", "A causa di che cosa?" e "Per quale motivo?". Risulta importante che l'individuazione e la traduzione del complemento di causa vengano eseguite correttamente, in modo da evitare anomalie nella trascrizione dal latino all'italiano. Questo potrebbe avvenire poiché molto spesso la medesima forma sintattica racchiude numerosi possibili complementi ed interpretazioni.

47

Le tipologie di causa in latino

Esistono varie tipologie di causa (interna, esterna, impediente, finale o in senso d'origine). La prima si riferisce ad una causa proveniente direttamente dall'individuo ed in latino si rende con l'ablativo semplice (ad esempio, "Dolore flebam" significa "Piangevo per il dolore"). La seconda indica una causa derivante dall'esterno ed in latino si indica con "ob/propter + ablativo". La terza si riferisce ad una causa che impedisce l'esecuzione di un'azione, ha la forma "prae + ablativo" e si trova nelle frasi negative (ad esempio, "Prae dolore meo non rideo" significa "Non rido a causa del mio dolore"). La quarta si verifica se la causa dell'azione corrisponde al suo obiettivo ed in latino si esprime con il genitivo seguito da "causa" o "gratia". La quinta fa riferimento ad una causa dalla quale ebbe origine qualcosa e si determina con "a/ab, e/ex o de + ablativo".

Continua la lettura
57

La distinzione tra complemento di causa e complemento di causa efficiente

Per concludere, è necessario fare una distinzione fra il complemento di causa ed il complemento di causa efficiente. Quest'ultimo si riferisce ad un'entità astratta o un animale che svolge l'azione in relazione ai verbi di forma passiva. La forma latina del complemento di causa efficiente viene espressa mediante l'ablativo semplice. Ad esempio, "Granus ab avibus editur" significa "Il grano viene mangiato dagli uccelli". Ecco dunque spiegato brevemente il complemento di causa nella grammatica latina.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Approfondire l'argomento leggendo un libro di lingua latina.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Analisi logica: il complemento di causa

Per capire al meglio una frase o un periodo occorre fare l'analisi logica, attraverso questo operazione si riescono a capire al meglio i suoi diversi componenti. Sarà così che si avrà più chiare le relazioni sintattiche e quelle logiche, ma per fare...
Superiori

Come Affrontare Lo Studio Della Grammatica Latina

Il Latino rappresenta l'origine della maggior parte delle lingue europee. Fin dall'antichità era la lingua più usata per comunicare e ancora oggi viene studiata nei licei, per insegnare ai giovani a parlare correttamente la lingua italiana. Ma per apprenderla...
Superiori

Grammatica latina: come tradurre il dativo di possesso

Il latino insieme al greco è una delle lingue più affascinanti della letteratura mondiale. Molti di voi hanno già avuto la fortuna di studiare questa lingua al liceo, e di approfondire le regole basilari. Iniziare ad avvicinarsi allo studio della lingua...
Superiori

Grammatica latina: i pronomi e gli aggettivi possessivi

La grammatica latina prevede, così come quella italiana, una nutrita quantità di pronomi ed aggettivi, ognuno preposto ad una certa funzione. Gli aggettivi servono a qualificare un certo sostantivo, mentre i pronomi si utilizzano per sostituire un nome...
Superiori

Grammatica latina: la proposizione finale

Nello studio della grammatica latina, come in quella italiana, che da essa deriva, si debbono affrontare particolari aspetti della frase come le proposizioni. Esse possono essere di vario genere, ma qui ci concentreremo principalmente sulla proposizione...
Superiori

Grammatica latina: il supino

Il latino è la fonte primordiale dal quale derivano buona parte dei linguaggi europei. Non solo l'italiano infatti, ma anche il sardo, il provenzale, il francese, lo spagnolo, il portoghese e il romeno affondano le proprie radici nella lingua di Lucrezio...
Superiori

Grammatica latina: la formazione dell'avverbio

La stragrande maggioranza delle lingue parlate in Europa, e successivamente diffuse nel mondo, sono lingue dette neolatine, perché derivanti dalla lingua latina, cioè quei linguaggi utilizzati dai primi italici e dai romani al tempo dell'impero, ma...
Superiori

Grammatica latina: i gradi dell'avverbio

In questa guida vogliamo parlarvi della grammatica latina ed in particolar modo di un preciso argomento e cioè quello dei gradi dell'avverbio, in modo tale da sapere quando e come utilizzarli, senza incorrere in errori anche gravi, che potrebbero costare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.