Grammatica latina: i pronomi e gli aggettivi possessivi

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La grammatica latina prevede, così come quella italiana, una nutrita quantità di pronomi ed aggettivi, ognuno preposto ad una certa funzione. Gli aggettivi servono a qualificare un certo sostantivo, mentre i pronomi si utilizzano per sostituire un nome (da "pro" -al posto di- + "nomen") in alcuni frangenti, ad esempio al fine di evitare eccessive ripetizioni dello stesso all'interno di un unico periodo. Esistono, in latino, aggettivi e pronomi relativi, dimostrativi, indefiniti, e via discorrendo; in questa guida specifica, verranno trattati i pronomi e gli aggettivi possessivi. Nelle prossime righe, in particolare, verrà spiegato come queste particelle del discorso vengono rese in latino e quali sono le loro caratteristiche.

25

Utilizzare gli aggettivi come attributi

Gli aggettivi (compresi quelli possessivi) possono svolgere la funzione di attributo, di nome del predicato, di complemento predicativo; qualunque sia la loro funzione, una regola da tenere sempre presente sta nel fatto che concordano sempre in caso, genere e numero con il nome a cui si riferiscono. Stessa cosa vale per i pronomi (compresi quelli possessivi), che però, pur mantenendo la stessa forma grafica dell'aggettivo corrispondente, possiedono un'accezione semantica differente: mentre, infatti, gli aggettivi possessivi svolgono la funzione di indicare l'appartenenza di ciò che è espresso dal nome cui si riferiscono, i pronomi possessivi precisano a chi appartiene l'oggetto (o persona, o animale) indicato dal nome che sostituiscono.

35

Classificare i pronomi possessivi

Nella lingua latina, così come avviene per i sostantivi, anche gli aggettivi e i pronomi seguono le declinazioni, in caso, genere e numero. I possessivi (sia aggettivi che pronomi), nello specifico, seguono quella degli aggettivi della prima classe, per cui si presentano, in ordine, nella maniera seguente: "meus, mea, meum"; "tuus, tua, tuum"; "suus, sua, suum"; "noster, nostra, nostrum"; "vester, vestra, vestrum"; "suus, sua, suum". Come detto in precedenza, graficamente non vi sono differenze tra aggettivo e pronome, ma solo dal punto di vista sintattico. Ad esempio, in forma aggettivale avremo: "Meum gladium ferri est" = "La mia spada è di ferro", mentre in forma pronominale: "Gladium meum est" = "La spada è mia".

Continua la lettura
45

Tenere a mente le varie eccezioni

Infine, è importante mettere in luce la presenza di alcune eccezioni: "meus", al vocativo, si caratterizza per la contrazione "mi", testimoniata dalla celebre frase di Cesare in punto di morte: "Quoque tu Brute, fili mi" (Anche tu Bruto, figlio mio). Inoltre, "suus, sua, suum", sia al singolare che al plurale, possiede tale forma solo se ha valore riflessivo; quando ciò non si verifica, si usa la forma "eius" per la terza persona singolare, ed "eorum, earum", per la terza persona plurale. Queste ultime forme di pronomi non concordano con la cosa posseduta, come accade invece per l'aggettivo "suus", ma con il termine che costituisce il possessore. A titolo di esempio: "Semper amavi Brutum propter eius ingenium." = "Ho sempre amato Bruto per il suo [di lui] ingegno.".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Gli aggettivi possessivi in inglese

Indipendentemente dalla grammatica a cui ci si riferisce, l'aggettivo possessivo viene utilizzato per indicare uno stato di possesso, relativo a qualcosa e da parte di qualcuno. Tuttavia è doveroso precisare che se non cambia la sua funzione, naturalmente...
Superiori

Come usare i pronomi e gli aggettivi indefiniti negativi in latino

Il latino è una lingua arcaica, utilizzata in Europa ed in Africa settentrionale già nei millenni prima di Cristo. La diffusione dell'idioma venne influenzata dalla grande espansione dell'impero romano. Ancora oggi, viene studiato nei vari licei come...
Superiori

Come Declinare Correttamente Gli Aggettivi Della Seconda Classe Latina

La principale differenza tra la grammatica italiana e quella latina consiste nella presenza delle declinazioni. In latino, così come i nomi, anche gli aggettivi si declinano. Tuttavia mentre i primi si dividono in cinque gruppi, i secondi si classificano...
Superiori

Come declinare correttamente gli aggettivi della prima classe latina

Dopo aver visto tutte le declinazioni latine, possiamo passare alla flessione degli aggettivi. Se abbiamo imparato bene le declinazioni, non dovremo avere particolari problemi. In ogni caso è sempre bene per lo meno dare una ripassata almeno alle prime...
Superiori

Grammatica latina: il doppio accusativo

La lingua italiana ha molto a che fare, seppur etimoligicamente, con la lingua degli antichi latini. La grammatica latina è davvero molto interessante. Molte delle nostre parole e delle nostre frasi, derivano dal latino. Come sappiamo però, non è una...
Superiori

Grammatica latina: la formazione dell'avverbio

La stragrande maggioranza delle lingue parlate in Europa, e successivamente diffuse nel mondo, sono lingue dette neolatine, perché derivanti dalla lingua latina, cioè quei linguaggi utilizzati dai primi italici e dai romani al tempo dell'impero, ma...
Superiori

Grammatica latina: la proposizione finale

Nello studio della grammatica latina, come in quella italiana, che da essa deriva, si debbono affrontare particolari aspetti della frase come le proposizioni. Esse possono essere di vario genere, ma qui ci concentreremo principalmente sulla proposizione...
Superiori

Grammatica latina: i gradi dell'avverbio

In questa guida vogliamo parlarvi della grammatica latina ed in particolar modo di un preciso argomento e cioè quello dei gradi dell'avverbio, in modo tale da sapere quando e come utilizzarli, senza incorrere in errori anche gravi, che potrebbero costare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.