Grammatica latina: come formare i gradi dell'aggettivo

tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

In latino, così come in italiano, esistono 3 gradi dell'aggetto qualificativo. Il grado positivo è il grado base dell'aggettivo, in cui lo troviamo senza modificazioni. Il grado comparativo indica, come dice la parola stessa, la comparazione tra due o più soggetti (persone, cose, elementi astratti, etc.). Può essere di maggioranza, di minoranza o di uguaglianza. Il grado superlativo, infine, esprime il grado massimo di quell'aggettivo. Può essere assoluto, senza termini di paragone, oppure relativo, se riferito ad un contesto. Per formare i diversi gradi dell'aggettivo in latino usiamo dei suffissi e dei prefissi, anche a seconda delle caratteristiche dell'aggettivo. Vediamo nel dettaglio questi elementi fondamentali della grammatica latina.

29

Occorrente

  • vocabolario latino-italiano
  • conoscenze pregresse sugli aggettivi della prima e della seconda classe
39

La forma del comparativo di uguaglianza e di quello di minoranza in latino è simile a quella italiana. Infatti, l'aggettivo rimane invariato e basta preporre un avverbio. Nel caso del comparativo di minoranza si prepone "minus", per il comparativo di uguaglianza si prepone "tam". Per il comparativo di maggioranza, invece, dobbiamo modificare l'aggettivo. Si aggiunge alla radice il suffisso -ior per il maschile e il femminile e il suffiso -ius per il neutro. In questo modo si declinano tutti come aggettivi della seconda classe. Il secondo termine di paragone si traduce con il "quam" seguito dal nome nel caso del primo termine di paragone. Per esempio, prendiamo l'aggettivo "clarus, a, um" e formiamo i diversi gradi. Il comparativo di minoranza sarà "minus clarus quam" e quello di uguaglianza "tam clarus quam". Il comparativo di maggioranza, invece, sarà "clarior quam".

49

Il superlativo, sia relativo che assoluto, si forma mettendo il suffisso -issimus, a, um alla radice dell'aggettivo. In questo modo vengono declinati come aggettivi della prima classe. Il complemento partitivo che segue il superlativo relativo si traduce con il genitivo oppure con "e" o "ex" più l'ablativo. Per esempio, prendiamo l'aggettivo clarus, a, um: il superlativo sarà "clarissimus, a, um".

Continua la lettura
59

In latino esistono alcune eccezioni nella forma dei diversi gradi. Gli aggettivi della prima classe che finiscono in -er formano il superlativo con il suffisso -errimus, a, um. Ad esempio "pulcher, ra, rum" forma il superlativo in "pulcherrimus, a, um". Gli aggettivi della seconda classe che finiscono in -ilis formano il superlativo con il suffisso -illimus, a, um. Ad esempio "facilis, e" forma il superlativo in "facillimus, a, um". I composti di -dicus, -ficus e -volus formano il comparativo con il suffisso -entior, -entius e il superlativo con il suffisso -entissimus, a, um. Ad esempio "magnificus, a, um" forma il comparativo in "magnificentior, ius" e il superlativo in "magnificentissimus, a, um". Infine, gli affettivi in -ius, -eus e -uus formano il comparativo e il superlativo lasciando inalterato l'aggettivo e usando l'avverbio "magis" per il comparativo e "maxime" per il superlativo. Ad esempio "dubius, a, um" formerà il comparativo in "magis dubius quam" e il superlativo in "maxime dubius".

69

Come in italiano, anche in latino alcuni aggettivi formani i gradi senza seguire nessuna regola. Questi aggettivi vanno studiati a memoria. I più utilizzati sono "bonus, a, um", che diventa "melior, ius" al comparativo e "optimus, a, um" al superlativo; "malus, a, um" che diventa "peior, ius" e "pessimus, a, um".

79

Alcuni aggettivi al grado comparativo e superlativo non hanno il grado positivo perché derivano da avverbi. È il caso, ad esempio, di "inferior, ius" e "infimus, a, um" che derivano da "infra" o di "superior, ius" e "supremus" che derivano da "super". Anche questi vanno studiati a memoria.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di studiare i gradi dell'aggettivo, assicurari di aver imparato bene la declinazione degli aggettivi della prima e della seconda classe
  • Studia bene le eccezioni, perché spesso si tratta di aggettivi molto usati
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Grammatica greca: i gradi dell'aggettivo

Il greco ha tre gradi dell'aggettivo, esattamente come l'italiano. Gli aggettivi qualificativi si possono trovare al grado positivo, che rappresenta la forma base, come ad esempio "bello". Il grado comparativo indica una comparazione con un secondo termine...
Superiori

Grammatica latina: la formazione dell'avverbio

La stragrande maggioranza delle lingue parlate in Europa, e successivamente diffuse nel mondo, sono lingue dette neolatine, perché derivanti dalla lingua latina, cioè quei linguaggi utilizzati dai primi italici e dai romani al tempo dell'impero, ma...
Superiori

Grammatica latina: i pronomi e gli aggettivi possessivi

La grammatica latina prevede, così come quella italiana, una nutrita quantità di pronomi ed aggettivi, ognuno preposto ad una certa funzione. Gli aggettivi servono a qualificare un certo sostantivo, mentre i pronomi si utilizzano per sostituire un nome...
Superiori

Grammatica latina: il doppio accusativo

La lingua italiana ha molto a che fare, seppur etimoligicamente, con la lingua degli antichi latini. La grammatica latina è davvero molto interessante. Molte delle nostre parole e delle nostre frasi, derivano dal latino. Come sappiamo però, non è una...
Superiori

Grammatica latina: il complemento di causa

Anche trattandosi di una lingua ormai estinta, la grammatica latina rappresenta una materia di studio in tanti Paesi del mondo (compresa l'Italia). Come la lingua italiana, anche il latino ha una notevole quantità di complementi, ognuno dei quali svolge...
Superiori

Come Affrontare Lo Studio Della Grammatica Latina

Il Latino rappresenta l'origine della maggior parte delle lingue europee. Fin dall'antichità era la lingua più usata per comunicare e ancora oggi viene studiata nei licei, per insegnare ai giovani a parlare correttamente la lingua italiana. Ma per apprenderla...
Superiori

Grammatica latina: aggettivi sostantivati

La lingua italiana è diretta discendente della lingua latina, oggi ormai quasi completamente estinta. Semplicemente perché, nonostante il latino sia rimasta la lingua ufficiale del Vaticano, essa non viene più parlata dagli italiani anche se, comunque,...
Superiori

Grammatica latina: la proposizione finale

Nello studio della grammatica latina, come in quella italiana, che da essa deriva, si debbono affrontare particolari aspetti della frase come le proposizioni. Esse possono essere di vario genere, ma qui ci concentreremo principalmente sulla proposizione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.