Grammatica latina: aggettivi sostantivati

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La lingua italiana è diretta discendente della lingua latina, oggi ormai quasi completamente estinta. Semplicemente perché, nonostante il latino sia rimasta la lingua ufficiale del Vaticano, essa non viene più parlata dagli italiani anche se, comunque, viene ancora studiata in maniera approfondita in alcuni licei come lo scientifico, il linguistico, il classico. Ecco qualche nozione di grammatica latina riguardante gli aggettivi sostantivati.

24

Prima di parlare della trasformazione degli aggettivi sostantivati, bisogna capire di cosa si tratta. Gli aggettivi sostantivati sono semplicemente degli aggettivi che, per un particolare processo di cambiamento di categoria, vengono trasformati in sostantivi.

34

La trasformazione degli aggettivi in sostantivi avviene dall'aggiunta di un articolo di fronte all'aggettivo stesso. Tutti gli aggettivi della terza declinazione seguono l'inflessione di I-gambi; cioè hanno l'ablativo singolare in -i, il genitivo plurale in -ium, l'accusativo plurale in -is (così come -es) nel maschile e del femminile e il nominativo e accusativo plurale in -ia in neutro. Nel nominativo singolare gli aggettivi di questa classe presentano solo la forma femminile che è talvolta usata anche per il maschile. L'uso del femminile per il maschile si limita principalmente alla precoce e tardiva lingua latina e alla poesia. Tutti gli aggettivi comparativi sostantivati sono regolarmente diminuiti nello stesso modo. L'Acc. Plu. In -è è rara.

Continua la lettura
44

Per portare un esempio, al posto di dire le belle donne (in latino belle: pulchrae, donne: puellae) si può semplicemente indicare con la sola parola "Pulchrae" sotto intendendo "belle". Un altro esempio pratico è il seguente: Strenui viri (ovvero Strenui: coraggiosi, viri: uomini) viene appunto tradotto: uomini coraggiosi, ma è possibile sotto intendere "uomini" indicando la frase "uomini coraggiosi" con la semplice parola "strenui". Nel caso in cui, invece, l'aggettivo non fosse né femminile, né maschile ma neutro, allora bisogna procedere in un altro modo per sostantivare l'aggettivo. Quando gli aggettivi sostantivati neutri sono al singolare, essi possono indicare qualcosa di astratto. Quando il predicato plurale suggerisce che il soggetto deve essere plurale, esso non indicherà un soggetto femminile, né maschile, ma neutro. Un esempio che viene spesso riportato è il seguente: "mala amicis nostris accidunt" che vuol dire: Le cose cattive (traduzione di "Mala") succedono ai nostri amici.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come Declinare Correttamente Gli Aggettivi Della Seconda Classe Latina

La principale differenza tra la grammatica italiana e quella latina consiste nella presenza delle declinazioni. In latino, così come i nomi, anche gli aggettivi si declinano. Tuttavia mentre i primi si dividono in cinque gruppi, i secondi si classificano...
Superiori

Come declinare correttamente gli aggettivi della prima classe latina

Dopo aver visto tutte le declinazioni latine, possiamo passare alla flessione degli aggettivi. Se abbiamo imparato bene le declinazioni, non dovremo avere particolari problemi. In ogni caso è sempre bene per lo meno dare una ripassata almeno alle prime...
Superiori

Grammatica latina: il doppio accusativo

La lingua italiana ha molto a che fare, seppur etimoligicamente, con la lingua degli antichi latini. La grammatica latina è davvero molto interessante. Molte delle nostre parole e delle nostre frasi, derivano dal latino. Come sappiamo però, non è una...
Superiori

Grammatica latina: i gradi dell'avverbio

In questa guida vogliamo parlarvi della grammatica latina ed in particolar modo di un preciso argomento e cioè quello dei gradi dell'avverbio, in modo tale da sapere quando e come utilizzarli, senza incorrere in errori anche gravi, che potrebbero costare...
Superiori

Grammatica latina: la formazione dell'avverbio

La stragrande maggioranza delle lingue parlate in Europa, e successivamente diffuse nel mondo, sono lingue dette neolatine, perché derivanti dalla lingua latina, cioè quei linguaggi utilizzati dai primi italici e dai romani al tempo dell'impero, ma...
Superiori

Grammatica latina: il complemento di causa

Anche trattandosi di una lingua ormai estinta, la grammatica latina rappresenta una materia di studio in tanti Paesi del mondo (compresa l'Italia). Come la lingua italiana, anche il latino ha una notevole quantità di complementi, ognuno dei quali svolge...
Superiori

Grammatica latina: la proposizione finale

Nello studio della grammatica latina, come in quella italiana, che da essa deriva, si debbono affrontare particolari aspetti della frase come le proposizioni. Esse possono essere di vario genere, ma qui ci concentreremo principalmente sulla proposizione...
Superiori

Come Affrontare Lo Studio Della Grammatica Latina

Il Latino rappresenta l'origine della maggior parte delle lingue europee. Fin dall'antichità era la lingua più usata per comunicare e ancora oggi viene studiata nei licei, per insegnare ai giovani a parlare correttamente la lingua italiana. Ma per apprenderla...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.