Grammatica: la costruzione di un periodo

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il periodo serve per comporre un discorso di senso compiuto: si articola con delle frasi, al termine del quale troviamo un segno di punteggiatura. Il periodo ha le seguenti caratteristiche: è formato da tante frasi quanti sono i predicati verbali o nominali presenti in esso; le frasi che lo compongono possono essere collegate tra loro mediante delle virgole, le congiunzioni, le preposizioni, i pronomi relativi; il segno di punteggiatura che lo delimita può essere: un punto fermo, un punto e virgola, due punti, un punto esclamativo, un punto interrogativo. Il periodo, naturalmente, deve avere una costruzione ben precisa che segua le regole della grammatica italiana, affinché il senso della frase si possa ben comprendere. Gli interessanti passi della guida che segue hanno come scopo principale quello di fornire dei piccoli cenni di grammatica, in particolare ci soffermeremo sulla costruzione di un periodo. Prima di iniziare è bene ricordare che è fondamentale possedere delle ottime conoscenze grammaticali per riuscire a costruire una frase corretta e di senso compiuto.

28

Occorrente

  • Nozioni di grammatica
  • Libro di grammatica
  • Libri di testo
38

Conoscere il periodo

Per cominciare, è bene precisare che all'interno di ogni periodo è sempre presente una frase più importante, che viene detta principale, alla quale si legano altre frasi e, senza la quale il periodo non avrebbe più senso. Facciamo un esempio per comprendere meglio questo concetto: Tiziana è un'alunna molto studiosa, ma spesso viene rimproverata dai professori perché si distrae e si comporta male. All'interno di questo periodo le frasi si possono unire alla principale e tra di loro, in due diversi modi: per coordinazione e per subordinazione.

48

Coordinare le frasi

Come abbiamo già accennato nel passaggio precedente, la proposizione principale non dipende da nessun'altra frase e per questo motivo viene detta anche indipendente; può essere seguita da una proposizione coordinata e da una subordinata (in quest'ultimo caso viene definita anche reggente). La coordinazione è il modo più semplice per riuscire a collegare due o più frasi: è sufficiente accostarle ed unirle con una congiunzione coordinante o con la virgola, i due punti, il punto e virgola. La subordinazione stabilisce dei legami di dipendenza tra le proposizioni e consiste essenzialmente nell'unire due frasi di cui una non è autonoma, ma dipendente dall'altra.

Continua la lettura
58

Applicare i tempi verbali

I tempi verbali delle varie frasi dipendenti seguono sempre quello contenuto nella reggente. Anche se tutte le subordinate dipendono dalla principale, è bene sapere che ci sono alcune di esse che possono collegarsi direttamente ad altre subordinate. In questi casi si parla di subordinate dipendenti di primo grado, dipendenti di secondo grado, ecc. Ancora, bisogna precisare che la costruzione di un periodo può essere di forma diretta o inversa. Nel primo caso si segue uno schema ben preciso nella costruzione delle singole proposizioni che sono contenute nel periodo complesso. La costruzione diretta viene costituita da: soggetto, predicato e complemento. In questo tipo di costruzione, l'ordine deve essere necessariamente rispettato e la stessa regola vale sia per la proposizione principale che per le subordinate.

68

Costruire il periodo inverso

Nella costruzione inversa, invece, la frase non deve essere costruita secondo lo schema soggetto, predicato e complemento, ma si può decidere di cambiare il loro ordine all'interno di essa. Questo viene fatto anche quando si vuole evidenziare una frase rispetto alle altre. Nella costruzione di una frase di questo tipo, solitamente la proposizione principale precede tutte le altre, tuttavia questo non vieta di dare più importanza ad una subordinata e lo si può fare semplicemente invertendo l'ordine ed utilizzando così la costruzione inversa. Come avrete capito, la costruzione di un periodo è molto semplice, tuttavia, affinché la frase risulti di senso compiuto e corretta dal punto di vista grammaticale, è necessario esercitarsi sia nello scrivere, che nella lettura. È importante sottolineare, inoltre, che per fare in modo che la frase costruita sia corretta è necessario avere delle ottime conoscenze grammaticali, sia in termini di verbi che di preposizioni e punteggiatura. Infine, per comprendere meglio ogni periodo è possibile esercitarsi eseguendo delle vere e proprie analisi del periodo, anche sfruttando dei comuni libri di narrativa.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esercitarsi nello scrivere frasi
  • Leggere libri
  • Studiare la grammatica
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Analisi logica: il periodo

La grammatica italiana è molto complessa. È ricca di regole ed eccezioni, pertanto non rientra tra le materie più apprezzate dagli studenti. L'analisi grammaticale e del periodo richiedono un'ottima conoscenza della lingua e molto studio. In realtà,...
Elementari e Medie

Grammatica: le proposizioni comparative

La lingua italiana è senza dubbio una delle più complesse ed articolate ed è per questo motivo che, se la si vuol padroneggiare egregiamente, bisogna conoscere adeguatamente la sua grammatica. La grammatica italiana è davvero vasta e per studiarla...
Elementari e Medie

Grammatica: le proposizioni concessive

La grammatica italiana rispetto alla grammatica inglese, è molto più complessa, infatti sono presenti molti fattori da studiare, nell'analisi grammaticale ci sono: gli articoli, le congiunzioni, gli aggettivi, i nomi, gli avverbi ecc. Nell'analisi logica,...
Elementari e Medie

Come insegnare la grammatica italiana ai bambini

Una delle materie più difficili e noiose per ogni bambino è certamente la grammatica. Impararla richiede molto tempo e molta pazienza, e bisogna essere particolarmente bravi ad insegnarla, altrimenti i bambini crescendo potrebbero avere difficoltà...
Elementari e Medie

Grammatica: gli articoli determinativi e indeterminativi

La scuola elementare ha un ruolo fondamentale per la crescita didattica dell'alunno, soprattutto per quanto riguarda la grammatica italiana. Imparare le regole grammaticali in questa fase è importantissimo, poiché in seguito diventa tutto più difficile...
Elementari e Medie

Grammatica: le proposizioni strumentali

La guida che andremo a scrivere a breve si occuperà di grammatica. All'interno di questa materia specifica, ci concentreremo sulle proposizioni strumentali. Cominciamo insieme a ragionare su questo argomento.All'interno della lingua italiana, ci sono...
Elementari e Medie

Grammatica: proposizioni interrogative indirette

Sappiamo come la grammatica non sia una materia amatissima, ma se studiata con il giusto approccio, anche questa può essere apprezzata e compresa con facilità. Andiamo adesso ad analizzare proprio un argomento importantissimo della grammatica italiana...
Elementari e Medie

Come insegnare ai bambini la grammatica

Sappiamo tutti quanto sia importante avere delle buone basi per poterci esprimere e sapere scrivere in modo corretto la lingua italiana. È opportuno che si impari sin da piccoli l'uso corretto dei verbi, delle costruzioni delle frasi, della scrittura...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.