Grammatica italiana: i 10 errori più diffusi

Tramite: O2O
Difficoltà: media
112

Introduzione

La lingua italiana è una lingua in continua evoluzione, piena di insidie grammaticali che possono renderne difficile l'apprendimento, tanto per gli stranieri che si approcciano allo studio dell'italiano, quanto per tutti quei nativi che la grammatica la studiano sin dalle scuole elementari. Ma quali sono gli errori più frequenti nella nostra lingua? Qui di seguito vedremo una lista del 10 errori più diffusi nella grammatica italiana.

212

Ho oppure o?

Uno degli errori più comuni è quello di confondere "ho" con "o". La differenza è molto semplice! "Ho" è la prima persona del verbo avere, quindi va utilizzata come nell'esempio che segue: "io ho una mela e un'arancia". "O", invece è una congiunzione e ha il significato di "oppure", come si può vedere nell'esempio: "vuoi una mela o un'arancia"?

312

Qual è o qual'è?

Molte persone cadono spesso in questo tranello! La forma corretta è "Qual è", senza l'apostrofo! La spiegazione è molto semplice: nel caso di qual è non ci troviamo davanti a un'elisione, ma assistiamo a quella che viene definita un'apocope vocalica. Questo fenomeno si può avere infatti anche davanti alle consonanti.

Continua la lettura
412

La D eufonica

Quando parliamo di "d eufonica", ci riferiamo a quella d che accompagna congiunzioni, particelle e preposizioni composte da una sola vocale (a, e, o -> ad, ed, od). Ma quando si usa? La d eufonica viene spesso utilizzata erroneamente davanti a qualsiasi parola che inizia per vocale, es. "ed oggi" (la forma corretta sarebbe "e oggi"). Il suo uso, invece, dovrebbe essere limitato all'incontro di due vocali uguali, come in "ed ecco che", o "ad Ancona".

512

Un o un'? Quando usare l'apostrofo?

Come ben sappiamo, davanti alle parole che iniziano per vocali, l'articolo determinativo si apostrofa sempre. Ma cosa succede quando stiamo usando gli articoli indeterminativi? Bisogna fare un po' di attenzione, perché l'errore è dietro l'angolo! Per non sbagliare, basta ricordare che l'apostrofo va utilizzato solo davanti a nomi femminili che iniziano per vocale. Un'anatra -> corretto; un'asino -> sbagliato.

612

Po, po' oppure pò?

Altro errore molto diffuso tra i parlanti della lingua italiana. Allora, come si scrive? Partiamo col dire che la forma po' non esiste! La forma corretta è "un po'". Si tratta infatti dell'elisione della parola poco, per questo utilizziamo l'apostrofo. Il Po, invece, è il nome di un fiume dell'Italia settentrionale, e non una forma grammaticale.

712

se o sé?

Quando il se è utilizzato in forma ipotetica, va sempre usato senza accento. Es.: se fa caldo, vado a mare.
Quando invece troviamo il se in forma non ipotetica, ci possiamo trovare davanti a due casi: 1. Il "se" è da solo. In questo caso mettiamo l'accento: "va da sé". 2. Il "se" è seguito dalla parola "stesso". In questo caso non mettiamo alcun accento: "se stesso".

812

Da o dà?

Anche questo è un errore che si legge spesso. La differenza tra da e dà sta nel fatto che la prima è una preposizione semplice, che nella maggior parte dei casi indica una provenienza: "vengo da Roma". La seconda forma, invece, indica la terza persona presente del verbo dare: "Mi dà tre etti di prosciutto, per favore?".

912

Si o sì?

Se intendiamo dare una risposta affermativa a una domanda, dobbiamo accentare il sì:"hai fame? Sì, molta". In tutti gli altri casi, invece, il si non va accentato: "si sono messi a ridere immediatamente". "Si possono fare molte cose con la forza di volontà".

1012

Fa o fa'?

Come in altri casi visti in precedenza, la differenza nell'uso di fa piuttosto che fa' dipende dal significato. Nel primo caso, infatti, ci troviamo davanti alla terza persona del verbo fare: "Lui fa sempre come vuole". Se mettiamo l'apostrofo dopo la a, invece, abbiamo la seconda persona dell'imperativo: "fa' quel che devi!".

1112

Accento grave o acuto?

Chiudiamo questa lista con uno degli errori più frequentemente incontrati: l'accento. Il problema si pone soprattutto con la vocale e, che alla fine di alcune parole può essere accentata in entrambi modi. La differenza sta nelle parole che si vogliono accentare. Nel caso della terza persona del presente indicativo del verbo essere, l'accento deve essere grave: "Giovanni è molto alto". Nelle parole come perché, poiché, affinché, invece, l'accento è sempre acuto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Grammatica: proposizioni soggettive e oggettive

Quando si impara una lingua una delle cose fondamentali da imparare al più presto è la gramamatica, argomento piuttosto complesso per chiunque, sia italiani che stranieri. Per poter studiare la grammatica italiana è necessario conoscere alcune nozioni...
Superiori

Come Affrontare Lo Studio Della Grammatica Latina

Il Latino rappresenta l'origine della maggior parte delle lingue europee. Fin dall'antichità era la lingua più usata per comunicare e ancora oggi viene studiata nei licei, per insegnare ai giovani a parlare correttamente la lingua italiana. Ma per apprenderla...
Superiori

Grammatica latina: il doppio accusativo

La lingua italiana ha molto a che fare, seppur etimoligicamente, con la lingua degli antichi latini. La grammatica latina è davvero molto interessante. Molte delle nostre parole e delle nostre frasi, derivano dal latino. Come sappiamo però, non è una...
Superiori

Grammatica: guida ai verbi servili e fraseologici

Quante volte succede che un piccolo dubbio sulla giusta costruzione sintattica della frase si insinui nella vostra mente? Capita a tutti! Non scoraggiatevi e pensate al fatto che la grammatica italiana è di certo una delle più ricche e complesse, con...
Superiori

Grammatica latina: il complemento di causa

Anche trattandosi di una lingua ormai estinta, la grammatica latina rappresenta una materia di studio in tanti Paesi del mondo (compresa l'Italia). Come la lingua italiana, anche il latino ha una notevole quantità di complementi, ognuno dei quali svolge...
Superiori

Come scrivere senza errori

Secondo numerose ricerche, l'ortografia, la sintassi e la grammatica italiana sono considerate tra le più difficili del mondo. Scrivere dunque senza compiere errori può apparire estremamente complicato. In realtà, come ogni disciplina, anche per l'ortografia...
Superiori

Grammatica: L'uso del condizionale

L'uso corretto dei tempi verbali, se pur sembri ormai essere passato di moda, è fondamentale per una comunicazione efficace e per la comprensione di ciò che l'interlocutore desidera esprimere. In ogni contesto, lavorativo e non, sarebbe fondamentale...
Superiori

Grammatica latina: la proposizione finale

Nello studio della grammatica latina, come in quella italiana, che da essa deriva, si debbono affrontare particolari aspetti della frase come le proposizioni. Esse possono essere di vario genere, ma qui ci concentreremo principalmente sulla proposizione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.