Grammatica italiana: gli articoli

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In questa guida tratteremo un argomento molto basilare e semplice, presente nella grammatica italiana. Questo è un argomento che viene studiato alle elementari poiché è alla base di tutta la lingua italiana. Stiamo infatti parlando degli articoli. Queste sono delle piccole parole anteposte a nomi e sono una parte variabile del discorso. Vengono cosi definiti perché devono "combaciare" con i nomi seguiti.

25

Indeterminativi

Ricordate sempre che al plurale non si usa mai l'apostrofo. Passiamo ora agli articoli indeterminativi. Questi non hanno plurale, dunque vi è solo il singolare maschile e femminile. UN-UNO sono quelli maschili mentre UNA-UN' sono quelli femminili. UN' si apostrofa sempre per le parole che iniziano con la vocale, mentre UN maschile non si apostrofa MAI!!

35

Gli apostrofi

Proviamo con delle frasi. Attenzione sempre agli apostrofi e alle parole femminili. LA radio. Lo xilofono. UN imbuto. UNO straccio. LA carne. IL cane. GLI stivali. GLI alberi. L'albero. Questi sono alcuni esempi. Vi sono comunque sempre delle regole fisse che riguardano alcune consonanti. Ad esempio, davanti alle parole che iniziano con le lettere Z-GN-PS e S seguita da consonante si usa sempre l'articolo maschile che può poi variare dal femminile o maschile. Esempio: LO zaino. GLI struzzi. LO sconto. GLI gnomi. Prestate dunque molta attenzione. Non sbagliatevi mai.

Continua la lettura
45

L'attenzione

Per quanto riguarda invece gli articoli indeterminativi, UN' si apostrofa sempre quando il nome che lo segue inizia con una vocale. Ad esempio: UN' amica. UN' automobile. Come nel caso precedente però, le parole che iniziano per GN-PS-Z e S, seguita da un'altra consonante possono tranquillamente essere precedute dall'articolo indeterminativo UNO. Ad esempio: UNO studente. UNO sbaglio.

55

Determinativi

Infine vi sono comunque due tipi di articoli: determinativi e indeterminativi. Si distinguono inoltre da femminile e maschile, da plurale e singolare. L'articolo determinativo, come poi noterete, tratta un'elemento in modo specifico, dunque determinato. L'articolo indeterminativo invece, lo tratta in maniera generica. Passiamo comunque a degli esempi di frasi ed elenchiamo i vari articoli. Partiamo dagli articoli determinativi. Iniziamo con quelli maschili singolare. Sono solo tre: IL-LO-L'. L'articolo si apostrofa solo quando la parola inizia con una vocale come ed esempio "l'aiuola". Gli articoli maschili plurali sono invece due: I-GLI. Continuiamo con quelli femminili singolare che sono: LA-L'. Terminiamo con quello femminile plurale che non si articola mai. È l'articolo LE.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come insegnare la grammatica italiana ai bambini

Una delle materie più difficili e noiose per ogni bambino è certamente la grammatica. Impararla richiede molto tempo e molta pazienza, e bisogna essere particolarmente bravi ad insegnarla, altrimenti i bambini crescendo potrebbero avere difficoltà...
Elementari e Medie

Grammatica italiana: le preposizioni

Possiamo definire proposizione quella parola invariabile che poniamo davanti a diverse 3 cose. Un nome, un pronome o ad un verbo per definire una relazione che intercorre tra questo nome e la parola che precede. Possiamo trovare anche le preposizioni...
Elementari e Medie

Grammatica italiana: la punteggiatura

Nella grammatica italiana la punteggiatura, quando si scrive, è indispensabile per comprendere subito il pensiero di chi scrive ed anche i vari accenni che lo caratterizzano. Per spiegarci meglio, la punteggiatura serve a farci fare nel discorso scritto...
Elementari e Medie

Grammatica: le proposizioni comparative

La lingua italiana è senza dubbio una delle più complesse ed articolate ed è per questo motivo che, se la si vuol padroneggiare egregiamente, bisogna conoscere adeguatamente la sua grammatica. La grammatica italiana è davvero vasta e per studiarla...
Elementari e Medie

Grammatica: le proposizioni strumentali

La guida che andremo a scrivere a breve si occuperà di grammatica. All'interno di questa materia specifica, ci concentreremo sulle proposizioni strumentali. Cominciamo insieme a ragionare su questo argomento.All'interno della lingua italiana, ci sono...
Elementari e Medie

Grammatica: le proposizioni temporali

Nella costruzione di un periodo, fondamentale importanza rivestono le proposizioni subordinate. In questa guida ci occuperemo in particolare di analizzare la funzione delle proposizioni temporali nella grammatica italiana, cercando di fornire un aiuto...
Elementari e Medie

Grammatica: la costruzione di un periodo

Il periodo serve per comporre un discorso di senso compiuto: si articola con delle frasi, al termine del quale troviamo un segno di punteggiatura. Il periodo ha le seguenti caratteristiche: è formato da tante frasi quanti sono i predicati verbali o nominali...
Elementari e Medie

Come insegnare ai bambini la grammatica

Sappiamo tutti quanto sia importante avere delle buone basi per poterci esprimere e sapere scrivere in modo corretto la lingua italiana. È opportuno che si impari sin da piccoli l'uso corretto dei verbi, delle costruzioni delle frasi, della scrittura...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.