Grammatica: i gradi dell'aggettivo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'aggettivo qualificativo è una parte variabile del discorso. Nella grammatica italiana esistono diversi tipi di aggettivi: l'aggettivo qualificativo di grado positivo, l'aggettivo di grado comparativo e l'aggettivo di grado superlativo. Ogni aggettivo si concorda nel numero e nel genere con il nome al quale si riferisce. Ma vediamo insieme quali sono le caratteristiche e come individuare i diversi tipi di aggettivi.

26

Occorrente

  • Una conoscenza base della grammatica italiana
36

Aggettivo qualificativo di grado positivo

La forma più semplice dell'aggettivo qualificativo è quello di grado comparativo. In questo caso si tratta semplicemente di una parola che qualifica il nome, mettendo in risalto una sua qualità o caratteristica. In questo caso non viene fatto nessun tipo di confronto tra nomi, ma si riferisce ad un solo nome e risponde alla domanda: com'è? Esempio: la macchina rossa (rossa è l'aggettivo di grado positivo), oppure, un cavallo imbizzarrito (imbizzarrito è l'aggettivo). Come potete notare, per trovare l'aggettivo di grado positivo basta trovare la parola aggiunge una caratteristica a quel nome.

46

Aggettivo qualificativo di grado comparativo

Il grado comparativo dell'aggettivo indica un confronto tra due termini di paragone. Può essere di uguaglianza, di superiorità o di inferiorità. Si parla di comparativo di uguaglianza quando entrambi i termini di paragone possiedono la stessa qualità espressa dall'aggettivo. Si forma con le particelle "come, uguale a, quanto". Ad esempio "la mela a destra è grande come la mela a sinistra. Il comparativo di maggioranza si ha quando la qualità espressa dall'aggettivo è posseduta in grado maggiore dal primo termine di paragone. Si forma utilizzando le particelle "più di, più che". Un esempio semplice è rappresentato dalla frase "la mela è più buona della pera". Il comparativo di minoranza infine, si usa quando la qualità espressa dall'aggettivo è posseduta dal primo termine di paragone in grado minore. Si forma con le particelle "meno di, meno che". Per formare un esempio possiamo utilizzare la frase "la mela è meno grande del cocomero".

Continua la lettura
56

Aggettivo qualificativo di grado superlativo

L'ultimo dei gradi dell'aggettivo è il superlativo. Questo esprime il grado massimo di una qualità di un nome. Si distingue in due varianti. Il superlativo assoluto esprime il massimo grado dell'aggettivo. Esso si forma aggiungendo al tema dell'aggettivo il suffisso "issimo". Ad esempio, avremo la frase "la mela è buonissima". In alternativa possiamo anche utilizzare l'espressione "assai", per dire "la mela è assai buona". Infine il superlativo relativo, di maggioranza o di minoranza, esprime il caso in cui il massimo grado è espresso con un paragone. Per concludere, l'esempio più facile è "la mela è la più/meno buona tra i frutti".

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per capire meglio l'uso degli aggettivi, si consiglia di allenarsi facendo gli esercizi sui diversi gradi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come convertire i gradi Fahrenheit in gradi Celsius e viceversa

Nel mondo, per misurare le grandezze, vengono spesso utilizzate unità di misura diverse a seconda del paese in cui ci si trova. Non è raro infatti trovare misure espresse in modo non conforme a quanto specificato dal Sistema Internazionale, che ha cercato...
Elementari e Medie

Come Riconoscere Gli Aggettivi Qualificativi E I Suoi Gradi

La scuola dell'obbligo è particolarmente utile ed importante per la formazione di ciascun nuovo piccolo cittadino del mondo. Tutto questo è così perché la scuola, in un'età assai delicata, mette a disposizione tutte quante le conoscenze e gli strumenti...
Elementari e Medie

Grammatica: gli aggettivi qualificativi

In questo articolo vogliamo dare una mano a tutti coloro i quali amano imparare la grammatica, a capire quali sono gli aggettivi qualificativi, in modo da poterli utilizzare nel modo migliore possibile ed anche in maniera esatta e senza incorrere in degli...
Elementari e Medie

Come insegnare la grammatica italiana ai bambini

Una delle materie più difficili per ogni bambino è certamente la grammatica. Impararla richiede molto tempo e molta pazienza, e bisogna essere particolarmente bravi ad insegnarla, altrimenti i bambini crescendo potrebbero avere difficoltà a comunicare...
Elementari e Medie

Grammatica: tipologia e usi dell'avverbio

L'avverbio è una parte invariabile del discorso, che viene utilizzata per modificare il significato di altre parole, generalmente verbi o aggettivi. Nell'analisi grammaticale, è importante riuscire a distinguere gli avverbi da aggettivi, congiunzioni...
Elementari e Medie

Come calcolare i gradi di un angolo di un triangolo

Calcolare i gradi di un qualsiasi triangolo non è difficile, basta armarsi di goniometro e di un po' di pazienza ed il gioco è fatto. Va precisato che in realtà, come andremo a vedere successivamente nel migliore dei casi basterà misurare solo un...
Elementari e Medie

Grammatica: gli articoli determinativi e indeterminativi

La scuola elementare ha un ruolo fondamentale per la crescita didattica dell'alunno, soprattutto per quanto riguarda la grammatica italiana. Imparare le regole grammaticali in questa fase è importantissimo, poiché in seguito diventa tutto più difficile...
Elementari e Medie

Grammatica: le proposizioni comparative

La lingua italiana è senza dubbio una delle più complesse ed articolate ed è per questo motivo che, se la si vuol padroneggiare egregiamente, bisogna conoscere adeguatamente la sua grammatica. La grammatica italiana è davvero vasta e per studiarla...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.