Grammatica greca: l'aoristo

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
18

Introduzione

Il greco è una delle lingue studiate nei licei scientifici, ma molto spesso, ci sono alcuni argomenti che risultano meramente molto complicati e di difficile comprensione, per cui potremmo aver bisogno di un aiuto. Su internet, potremo trovare moltissime guide ce ci spiegheranno, utilizzando termini molto semplici, tutti gli argomenti di questa particolarissima lingua. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire a comprendere cos'è l'aoristo nella grammatica greca e come questo si utilizza.

28

Occorrente

  • Buona base della grammatica greca
38

L'aoristo è una particolare forma verbale che vieni molto utilizzata nella narrazione e quindi viene tradotto con tempi al passato. L'aoristo presenta tre diatesi morfologicamente distinte: diatesi attiva, diatesi media, diatesi passiva. Mentre la diatesi media si forma a partire da quella attiva, sostituendo le desinenze personali medie alle desinenze attive, la diatesi passiva è caratterizzata da un tema e una formazione particolari. L'aoristo attivo e medio si distingue a seconda dei processi di formazione. Esiste l'aoristo primo o debole, che presenta una forma sigmatica e una asigmatica, l'aoristo secondo o forte o tematico e l'aoristo terzo o fortissimo o radicale.

48

L'aoristo primo (o debole) sigmatico è la forma più frequente e deve il suo nome al fatto che inserisce un suffisso -σα- tra il tema verbale e e desinenze personali. Esso è proprio dei verbi che hanno il tema in vocale, dittongo, o consonante muta (gutturale, labiale, dentale). Si forma: aumento + tema verbale + -σα- + desinenze secondarie.

Continua la lettura
58

L'aoristo secondo (o forte o tematico) è la forma di aoristo propria di alcuni verbi aventi tema monosillabico in consonante. La denominazione di tematico è dovuta al fatto che esso inserisce la vocale tematica ε/ο fra il tema verbale e le desinenze secondarie. Si forma aggiungendo l'aumento + tema verbale + ε/ο + desinenze secondarie.

68

L'aoristo terzo (o fortissimo) è proprio di alcuni, pochi, verbi con tema monosillabico, che termina in vocale in vocale. Esso si forma premettendo al tema verbale l'aumento, solo per l'indicativo, e aggiungendovi direttamente le desinenze personali secondarie o le appropriate terminazioni modali, generalmente senza l'inserimento né di vocale tematica né di suffisso temporale. La vocale finale del tema, se breve, si allunga davanti alle desinenze. Si forma: aumento + tema verbale con allungamento della vocale finale + desinenze secondarie.

78

Dopo aver letto tutte le indicazioni contenute nei passi precedenti saremo finalmente in grado di capire cos'è l'aoristo, questa particolare forma verbale utilizzata nella grammatica greca e che può essere facilmente tradotta con una delle forme verbali della grammatica italiana.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ci vuole pazienza per impararlo

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Grammatica greca: sintassi del verbo

La sintassi è quella branca della grammatica che studia i costrutti, cioè i diversi modi in cui le parole si uniscono tra di loro per formare una proposizione e i vari modi in cui le proposizioni si collegano per formare un periodo. Questo termine deriva...
Superiori

Grammatica greca: il participio congiunto

Il greco è una delle materie più difficili per gli studenti del liceo. La grammatica appare spesso incomprensibile, perché complessa e molto diversa da quella italiana. Inoltre spesso la traduzione non è così automatica, ma occorre spesso interpretare...
Superiori

Come tradurre il congiuntivo in greco antico

Se frequenti il liceo classico uno dei più grossi ostacoli iniziali che incontrerai sarà lo studio del greco antico, una lingua cosiddetta "morta" che però ha influenzato non solo le lingue attuali, ma che è ancora presenti in un gran numero di campi,...
Lingue

Come tradurre i participi in greco

Studiare una lingua diversa da quella d'origine non è mai una cosa semplice: ogni lingua ha le sue regole, le sue parole, vocalizzi, accenti, ecc. Secondo le statistiche, una delle lingue più difficili al mondo è l'italiano: si tratta di una lingua...
Lingue

Come memorizzare i verbi in greco

Gli studenti che si trovano a frequentare il Ginnasio possono incontrare serie difficoltà nel fissare bene in mente i verbi di lingua greca, considerato il rilevante sforzo mnemonico che la pratica di assimilazione del sistema verbale richiede, con il...
Lingue

Come formare i tempi verbali in greco

La lingua greca antica è una bellissima lingua studiata ancora tutt'ora in quanto costituisce la base per molte delle parole della lingua italiana e dei suoi costrutti. Si tratta di una lingua flessiva di origine indoeuropea da cui derivano tanti dialetti,...
Superiori

Appunti di greco

La lingua greca ha una storia millenaria alle sue spalle. In circa 3.500 anni, ha subito molteplici evoluzioni ed ha originato dei dialetti distinti, nel tempo e nello spazio. Precisamente, le fasi linguistiche vanno dal greco antico a quello moderno...
Superiori

Come studiare il greco

Studiare le lingue antiche, come il latino e il greco, può sembrare davvero superfluo per chi vive nel terzo millennio, ma come ogni cosa, la sua conoscenza ha una ragione. In genere lo studio di queste discipline si spiega con il fatto, che molte delle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.