Grammatica: come distinguere il pronome dall'aggettivo dimostrativo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'italiano è una delle lingue europee derivante dal latino. Presenta una grammatica complessa, ricca di regole ed eccezioni. Ecco perché in questa guida vogliamo darvi dei chiarimenti su un aspetto in particolare: come distingue il pronome dall'aggettivo dimostrativo. Pronomi e aggettivi sono due elementi della frase che spesso e volentieri possono essere confusi. Vediamo di fare chiarezza.

26

Occorrente

  • Esercitazioni di analisi grammaticale
36

La funzione dei pronomi

Molto spesso quando si parla non si presta molta attenzione alle regole che si mettono in atto. Per spiegare in maniera semplice questa differenza, facciamo un esempio: a) Quello è il mio zaino - b) Quello zaino non è il mio. Nella prima frase, "mio" ha la funzione di aggettivo in quanto è palesemente riferito ad un nome ovvero zaino. Inoltre esprime possesso in quanto indica che lo zaino in questione è di mia proprietà. Nella seconda frase invece, viene comunque sempre espressa una condizione di possesso ma non si può dire che si tratti di un aggettivo in quanto non ci sono nomi nella frase. La parola zaino, non viene qualificata da mio, ma bensì da "quel". Tutto questo per precisare che la funzione dei pronomi è quella di evitare ripetizioni inutili di parole.

46

Le regole della grammatica

Conoscere le regole della grammatica, oltre ad aiutarci a scrivere in modo corretto, è di vitale importanza anche per nella lingua parlata. Il metodo utilizzato per fare una corretta distinzione, è sicuramente l'analisi grammaticale, la quale si occupa di analizzare le parti del discorso nella sua individualità. Vediamo come fare le giuste distinzioni. Partiamo dal presupposto che un aggettivo fa riferimento ad un nome. Esistono aggettivi qualificativi come ad esempio bello, grande, piccolo, brutto, magro, grasso ecc, aggettivi determinativi i quali a loro volta sono divisi in aggettivi possessivi, dimostrativi ecc. Mentre invece il pronome sostituisce direttamente il nome senza farne alcun riferimento.

Continua la lettura
56

In conclusione

Concludendo possiamo affermare che: i pronomi dimostrativi indicano una persona oppure un oggetto in riferimento sia al tempo che allo spazio. Gli aggettivi dimostrativi invece, indicano la posizione di una persona o di una cosa sia nello spazio che nel tempo rispetto a chi sta parlando o a chi sta invece ascoltando. Gli aggettivi dimostrativi principali sono: questo, quello o codesto. Nel caso venissero dei dubbi mentre si svolge l'analisi grammaticale, sarà sufficiente leggere la frase intera e ricercare se vi sia presente un nome determinato da una parola in questo caso siamo difronte ad un aggettivo, se invece al contrario non vi è la presenza di un nome, in questo caso si tratta di un pronome.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per poter parlare e scrivere in modo corretto è necessario conoscere alla perfezione le regole della grammatica italiana

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come Riconoscere I Pronomi Della Lingua Italiana

Il pronome è la parte variabile del discorso che puo' sostituire un nome, un verbo, un altro pronome, un aggettivo o un'intera frase. Possiamo distinguere 7 tipi di pronomi: pronome personale, pronome possessivo, pronome dimostrativo, pronome indefinito,...
Elementari e Medie

Come usare il pronome personale soggetto in inglese

È ormai risaputo che la lingua inglese non consente di omettere il pronome personale soggetto nelle frasi. Tutto questo è causato dal fatto che a differenza della coniugazione italiana nei verbi, omettendo il pronome personale in inglese, non si capisce...
Elementari e Medie

Come riconoscere le diverse funzioni del CHE in italiano

Nella lingua italiana, la particella "che" può svolgere tre diverse funzioni principali: aggettivo, congiunzione o pronome. Imparare a riconoscere queste tre funzioni è importante per poterne fare un uso corretto, sia nell'italiano parlato che scritto....
Elementari e Medie

Come distinguere il predicato verbale dal predicato nominale

Il predicato, ovvero il verbo, è l'elemento più importante di una frase. Negli esercizi di analisi logica, infatti, si individua prima il predicato verbale o nominale. Successivamente il soggetto e infine le espansioni.Per distinguere il predicato verbale...
Elementari e Medie

Come distinguere attributo e apposizione

Ecco una bella ed anche molto importante ed interessante guida, attraverso il cui aiuto poter essere capaci d'imparare come e cosa fare per distinguere nel modo migliore l'attributo e l'apposizione, nella nostra bellissima lingua italiana. Saper tutto...
Elementari e Medie

Grammatica: tipologia e usi dell'avverbio

L'avverbio è una parte invariabile del discorso, che viene utilizzata per modificare il significato di altre parole, generalmente verbi o aggettivi. Nell'analisi grammaticale, è importante riuscire a distinguere gli avverbi da aggettivi, congiunzioni...
Elementari e Medie

Grammatica: gli aggettivi qualificativi

In questo articolo vogliamo dare una mano a tutti coloro i quali amano imparare la grammatica, a capire quali sono gli aggettivi qualificativi, in modo da poterli utilizzare nel modo migliore possibile ed anche in maniera esatta e senza incorrere in degli...
Elementari e Medie

Come distinguere il genere e il numero del nome

Nella grammatica italiana ogni parola viene suddivisa in genere (maschile o femminile) e numero (singolare o plurale). Il nome è una variabile del discorso e può indicare una persona, un animale, una cosa. La maggior parte di essi ha una forma per il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.