Gli errori più comuni d'italiano

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'italiano è una lingua abbastanza complessa; essa infatti presenta diverse specificità. Queste ultime sono legate a parole, verbi, punteggiatura e sintassi. Per evitare di commettere imprecisioni è fondamentale acquisire una corretta conoscenza linguistica. Studiare le regole grammaticali è indispensabile per il corretto utilizzo dell’italiano. Anche una lettura periodica aiuta ad evitare gli errori più comuni. Leggendo questa guida si possono avere alcuni utili consigli su come è possibile evitare gli errori più comuni d'italiano.

26

Occorrente

  • Un buon libro di grammatica
36

Punteggiatura

Uno degli errori più comuni è l’uso scorretto della punteggiatura. L'apostrofo è quello che crea maggiori difficoltà; bisogna ricordarsi che si deve utilizzare soltanto in caso di cacofonia. Cioè va usato quando cade la vocale alla fine di una parola; ad esempio “lo asciugamano” diventa “l’asciugamano”. L'articolo indeterminativo maschile "un" non va apostrofato, mentre "una" si deve apostrofare, ad esempio: "un albero", "un'anatra". Un errore che si fa spesso nello scritto è quello dell'uso degli accenti. Per non sbagliare basta ricordare che l'accento va utilizzato solo per le parole che si devono distinguere da altre, ad esempio: "sì" affermazione, "si" riflessivo.

46

Sintassi

In italiano la sintassi ha delle regole precise. Se non si conoscono queste norme grammaticali si corre il rischio di commettere degli errori. Tra i più frequenti c’è quello della virgola interposta; essa non va mai posizionata tra soggetto e verbo. Non bisogna scrivere “io, mangerei la mela”, ma “io mangerei la mela”. Gli errori verbali più comuni sono l’uso del condizionale in sostituzione del congiuntivo. La corretta forma verbale è la seguente: se + congiuntivo + condizionale, ad esempio: se avessi voglia, studierei.

Continua la lettura
56

Grammatica

Un errore grammaticale abbastanza comune è la mancanza della consonante "h" nel verbo avere. Scrivere “Maria a studiato” è una gravissimo errore; “a” è una preposizione semplice e non l’ausiliare del verbo avere. È corretto scrivere “Maria ha studiato”. Un'inesattezza grammaticale può essere anche l'uso di "me" e "mi"; a volte si dice: “a me mi piace”. Questa struttura grammaticale è scorretta in quanto "me" e "mi' hanno lo stesso significato e si riferiscono alla stessa entità. La giusta forma è “a me piace” oppure “mi piace”. Generalmente si tende a raddoppiare alcuni suoni duri a fine parola, ad esempio "mercoledì"; nel parlato si raddoppia l'ultima sillaba. Questo errore viene fatto soprattutto nelle zone del sud.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Lo studio accurato delle regole grammaticali ed una lettura costante vi aiuteranno a correggere facilmente eventuali errori d’italiano.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Maturità

5 errori da non fare nella stesura della tesina

La tesina scolastica è un lavoro molto importante, per dimostrare agli insegnanti la propria competenza e la propria capacità nel collegare tutti gli argomenti e le materie scolastiche tra loro. Per eseguire una buona tesina, bisogna impegnarsi molto...
Maturità

Errori da evitare durante la terza prova di Maturità

La maturità rappresenta l'ultimo ostacolo nella vita di uno studente delle scuole superiori prima di poter stringere in mano il tanto desiderato diploma. È risaputo che l'esame di maturità consiste in tre prove scritte e l'orale, ma è dal punto di...
Maturità

Errori da evitare durante la prima prova di Maturità

L’esame di maturità è un traguardo importante che segna il passaggio all’età adulta per entrare nel mondo del lavoro o dell’università. In questa guida entreremo nel merito della prima prova scritta, l’unica uguale per tutte le scuole. Attualmente...
Maturità

5 errori da evitare con i commissari esterni alla Maturità

Gli esami di maturità aleggiano nell'aria, come ogni anno, e incutono timori e preoccupazioni negli studenti del quinto anno, che ne sono coinvolti. Che si tratti di liceo, di scuola professionale o di qualsiasi altro tipo di istituto, vediamo insieme...
Maturità

Come svolgere un tema di attualità

Scrivere un tema non è un compito facile come potrebbe sembrare. Non basta infatti mettere insieme qualche concetto, perché per ottenere un buon risultato bisogna essere in grado di mettere sulla carta le proprie conoscenze, le proprie idee, il proprio...
Maturità

Maturità: consigli per scrivere la tesina

L'esame di maturità rappresenta uno dei primi esami veramente importanti, la prima volta in cui si ha una commissione, composta anche da persone estranee a giudicare. Per questo è motivo di non poca ansia e si vuole arrivare al meglio, con le idee più...
Maturità

Mappe concettuali per la maturità: idee

Gli esami della maturità sono vicini e ci si appresta a preparare tutto il materiale per l'ultimo step dell'esame: la prova orale. Per arrivare pronti alla prova orale bisogna avere bene in mente tutti i concetti e gli argomenti studiati durante l'anno...
Maturità

Consigli per scrivere la tesina di maturità

Come afferma un detto popolare, gli esami non finiscono mai e questo enunciato dice la verità. In effetti, bisognerà sempre affrontare prove scolastiche teoriche o approfondire temi riguardanti l'attività lavorativa. In ogni caso, è sufficiente prepararsi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.