Giapponese: grammatica di base

Di: N. T.
Tramite: O2O 16/06/2017
Difficoltà: media
17
Introduzione

Se siamo amanti delle lingue e ci piacerebbe riuscire ad imparare a parlarne diverse, sicuramente uno dei metodi più utilizzati è quello di rivolgersi ad apposite associazioni che organizzano dei corsi per l'apprendimento della lingua desiderata. Tuttavia in questo modo, dovremo sborsare parecchi soldi, poiché la maggior parte di questi corsi risultano essere molto costi. In alternativa, utilizzando le moltissime guide presenti su internet, potremo provare ad imparare tutte le lingue che desideriamo da soli. All'interno di queste guide, infatti, potremo trovare tutte le informazioni che ci servono per apprendere la lingua scelta come ad esempio le varie regole grammaticali, la fonetica, alcuni esercizi e molto altro ancora. Nei passi successivi, in particolare, vedremo un po' di grammatica di base in lingua Giapponese.

27
Occorrente
  • Leggere con attenzione la guida.
37

Composizione della frase

Iniziamo col dire che, nella frase semplice, troveremo il verbo alla fine:
watashi wa gakusei da = io sono uno studente.
La particella "da", che si trova alla fine della frase, corrisponde al nostro verbo essere, ed è la forma piana del verbo desu.
In questo caso la particella si trova accanto ad un nome: gakusei, che significa studente.
Oltre che accanto ai nomi, la particella da la possiamo trovare anche accanto agli aggettivi:
watashi wa genki da = sto bene.

47

Particelle "wa" e "mo".

Nella frase che abbiamo usato come esempio, potremo notare che è presente un'altra particella "wa": questa particella introduce l'argomento della frase.
In questo caso specifico la troviamo dopo watashi, ossia "io", argomento della frase nonché soggetto. Non sempre l'argomento ed il soggetto della frase, in giapponese, coincidono.
Assieme alla particella "wa", troviamo anche la particella "mo" che indica l'inclusione:
A: watashi wa gakusei da = io sono uno studente
B: watashi mo gakusei da. = anche io sono uno studente.

Continua la lettura
57

Particella "ga"

Se per esempio, in un gruppo di persone vogliamo individuare chi è lo studente, non possiamo associare la particella tematica "wa", perché per l'appunto, non sappiamo chi è il tema della nostra frase.
In questo caso quindi, avremo una frase del genere:
dare ga gakusei?
Che può essere tradotto all'incirca come "Chi è (colui che è) lo studente?".
È molto facile confondere le particelle wa e ga. Un esempio utile è questo:
1) watashi wa gakusei da
2) watashi ga gakusei da.

67

Altre particelle

Le altre particelle che possiamo incontrare sono:
"no" che indica il possesso: watashi no hon da = è il mio libro;
"he" che indica il moto a luogo: watashi wa daigaku he iku = io vado all'università; e poi avremo il "ni" per lo stato in luogo o per l'equivalente del dativo, la particella "wo" che introduce il complemento oggetto e la particella "de" che può introdurre diversi complementi.

77
Consigli
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come leggere in giapponese

La lingua giapponese è la lingua ufficiale del Giappone e, così come il cinese, il suo apprendimento appare molto difficoltoso sia nello scritto che nell'orale. La lingua giapponese è scritta con dei segni specifici. Conoscerli è fondamentale al fine...
Lingue

5 buoni motivi per imparare il giapponese

Il giapponese è una lingua dall'origine antica e...piuttosto misteriosa. Fortemente influenzato dal cinese, con l'introduzione (con tanto di importazione della pronuncia) dei celebri caratteri cinesi come metodo di scrittura principale, le origini della...
Lingue

Storia della lingua giapponese

こんにちは! Sapete cosa significa? È il “ciao” generico in giapponese. Questa lingua è tra le più affascinanti del mondo. Come quella cinese, la sua scrittura è fondata sugli ideogrammi (i Kanji), quindi è molto diversa dalle lingue del...
Lingue

Come distinguere il cinese dal giapponese

La lingua cinese e quella giapponese possono sembrare, a noi occidentali, due lingue molto simili tra loro, se non praticamente identiche. La ragione principale di questa falsa convinzione sta nel fatto che, sia nell'una che nell'altra lingua, vengono...
Lingue

Lingua russa: grammatica di base

Nell'attuale panorama globale conoscere più di una lingua apre molte porte, sia a livello professionale sia a livello formativo. Attualmente fra le lingue più importanti a livello internazionale il Russo si trova al sesto posto. È infatti parlato non...
Lingue

Grammatica francese: il superlativo

Al pari dello spagnolo e del portoghese, il francese appartiene al vasto gruppo delle lingue neolatine e presenta varie affinità con la grammatica italiana, che proprio dal latino trae la propria origine. Nelle regioni a statuto speciali e in determinate...
Lingue

Lingua giapponese: espressioni da usare in dogana

Il Giappone è uno tra i paesi più belli e misteriosi di sempre, soprattutto in ambito linguistico! Infatti, la loro lingua, totalmente differente dalla nostra sia per la scrittura che per la pronuncia, può causare ad un visitatore problemi di comunicazione....
Lingue

Lingua ungherese: appunti di grammatica

La lingua ungherese appartiene al ceppo ugro-finnico e viene parlata in Ungheria, ma anche nelle zone circostanti come Slovacchia, Romania, Croazia, Serbia, Slovenia, Ucraina ed Austria per un totale di circa 13.6 milioni di parlanti come lingua madre...