Geometria razionale: l'equivalenza fra figure piane

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

L’equivalenza tra figure piane viene stabilita attraverso determinati principi della geometria razionale. Le figure geometriche sono costituite da un insieme di punti, e vengono distinte in figure piane e figure solide. Mentre in quelle piane i punti sono collocati su uno stesso piano, in quelle solide i punti sono appartenenti a diversi piani nello spazio. In questa guida, si spiegherà una parte importante della geometria razionale, ovvero l'equivalenza fra figure piane. Si tratta di un concetto non troppo complicato, ma per comprenderlo al meglio sarà necessario seguire attentamente tutto il procedimento.

26

Occorrente

  • Un buon libro di geometria razionale
36

Il principio di equivalenza

Due figure piane vengono chiamate equivalenti, quando hanno la stessa area ed occupano la medesima superficie del piano. Il principio di equivalenza è basato su tre specifiche proprietà ovvero:
- La proprietà riflessiva secondo cui qualsiasi figura geometrica è equivalente a se stessa; -La proprietà simmetrica, per la quale se si hanno due figure A e B, se A è equivalente a B, anche B sarà equivalente ad A;
- Proprietà transitiva, secondo la quale avendo tre figure A, B, C, se A è uguale a B e B è uguale a C, per la proprietà transitiva A sarà uguale a C.

46

Il concetto di equivalenza

Per poter risolvere bene i problemi con il concetto di equivalenza, bisogna ricordare alcune regole. La prima è che se due triangoli hanno base e altezza uguali, sono equivalenti. La seconda è che se un parallelogramma ha la stessa altezza di un triangolo e la base pari a ½ della base del triangolo, le due figure sono equivalenti. La terza regola afferma che se un triangolo ha base uguale alla somma delle due basi di un trapezio isoscele e la stessa altezza, ha la sua medesima area. La quarta che considerando un poligono inscritto in una circonferenza, un triangolo che ha altezza uguale al raggio della circonferenza e base uguale al perimetro del poligono, occupa la sua medesima superficie. Una volta memorizzati i principi di equivalenza, la risoluzione dei problemi sarà estremamente semplificata.

Continua la lettura
56

Un esempio

Di seguito è riportato un esempio per chiarire il concetto di equivalenza. Ci sono due triangoli ABC e DEF. Il lato BC misura 6 cm ed è congruente a EF, ovvero ha la medesima dimensione. Anche la loro altezza è la stessa e misura 4 cm. Per dimostrare l’equivalenza tra le due figure bisogna calcolarne le aree. L’area di un triangolo si calcola con la formula:
base per altezza / 2. Pertanto si avrà:
BC • AH/2 = 6•4/2 = 24/2 = 12cm²
EF • DG/2 = 6•4/2 = 24/2 = 12cm²
Essendo uguali le aree si vede che le figure sono equivalenti, anche se non sovrapponibili.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il principio di equivalenza è dettato da regole ben definite. Dovete solo acquisirle ed esercitarvi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il perimetro di figure irregolari

Durante gli studi, scolastici ma anche universitari, spesso ci si trova imbattuti in materie abbastanza difficili ed ostiche. Tra le molte materie vaste, senza dubbio c'è la geometria. I problemi della geometria hanno procurato parecchio grattacapi più...
Superiori

Come risolvere le equazioni con il secondo principio di equivalenza

Nelle scuole non sempre viene preso in considerazione il fatto che i ragazzi di oggi sono sempre più difficili da gestire. Ci sono alcuni alunni che non sono in grado di studiare e capire tutti gli argomenti matematici che un programma scolastico ha...
Superiori

Come risolvere l'integrale di una funzione razionale

Saper calcolare gli integrali di una funzione razionale rappresenta uno degli strumenti fondamentali non solo per un matematico, ma anche per ogni geometra, ingegnere o fisico. Acquisire pratica e dimestichezza con le tecniche di risoluzione richiede...
Superiori

Come impostare un problema di geometria euclidea

La geometria, è una materia complessa, vasta e per studiarla in maniera efficace e completa è necessario approfondire svariati argomenti e diversi settori della geometria stessa. Se non avete idea di come impostare in linea generale un problema di geometria...
Superiori

Come risolvere un problema di geometria o aritmetica

La geometria e l'aritmetica vengono impartite fin dalle scuole elementari. Mediante semplici problemi, gli insegnanti abituano le menti giovani dei bambini ai meccanismi della matematica. Alcuni studenti potrebbero addirittura appassionarsi alle due materie....
Superiori

Geometria: il Teorema di Erone

Se hai bisogno di una guida per studiare, comprendere ed applicare il Teorema di Erone, o formula di Erone, in vista di un compito o di un esame di geometria, ecco delle valide ed utili indicazioni per riuscire a capire questa formula che, fortunatamente,...
Superiori

Geometria analitica: l'iperbole

La geometria analitica studia le figure geometriche attraverso il piano cartesiano, in cui ogni punto è definito da due coordinate; con il termine ascisse indichiamo l'asse delle x e con ordinate l'asse delle y. Nella guida che segue ci occuperemo di...
Superiori

Appunti di geometria analitica

Questa guida fornisce le conoscenze base per affrontare i problemi di geometria analitica con un grado di approfondimento per le scuole superiori. Gli appunti descrivono per ognuno dei luoghi geometrici, caratteristiche e definizioni nonché alcune problematiche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.