Geometria razionale: l'equivalenza fra figure piane

Tramite: O2O 11/10/2018
Difficoltà: facile
17

Introduzione

L?equivalenza tra figure piane viene stabilita attraverso determinati principi della geometria razionale. Le figure geometriche sono costituite da un insieme di punti, e vengono distinte in figure piane e figure solide. Mentre in quelle piane i punti sono collocati su uno stesso piano, in quelle solide i punti sono appartenenti a diversi piani nello spazio. La teoria della somiglianza si sviluppa allo stesso modo della congruenza. Innanzitutto, la maggior parte delle situazioni che coinvolgono la somiglianza possono essere ridotte a triangoli simili e stabiliremo quattro test di similarità per triangoli, corrispondenti ai quattro test di congruenza per triangoli. In secondo luogo, proprio come la congruenza era usata per dimostrare molti teoremi di base su triangoli e quadrilateri speciali, così la similarità ci permetterà di stabilire ulteriori importanti teoremi nella geometria. In questa guida, si spiegherà una parte importante della geometria razionale, ovvero l'equivalenza fra figure piane. Si tratta di un concetto non troppo complicato, ma per comprenderlo al meglio sarà necessario seguire attentamente tutto il procedimento.

27

Occorrente

  • Un buon libro di geometria razionale
37

L'aumento proporzionale

L'aumento proporzionale o la diminuzione delle lunghezze è chiamata la scala del disegno. Di solito è espresso in termini di rapporto, quindi l'argomento dei disegni in scala è strettamente correlato ai rapporti e alle frazioni. La trasformazione che produce un disegno in scala è un ingrandimento. Una trasformazione dell'ingrandimento preserva la forma della figura, ma aumenta o diminuisce tutte le distanze di un rapporto costante. Questo è diverso dalle tre trasformazioni che abbiamo già introdotto: traduzioni, rotazioni e riflessi producono tutti un'immagine che ha le stesse dimensioni e la stessa forma della figura originale. Il modulo, Congruence ha studiato le figure congruenti, che sono figure che possono essere mappate l'una all'altra da una sequenza di traduzioni, rotazioni e riflessioni. Le figure che possono essere mappate l'una all'altra da queste trasformazioni e ingrandimenti sono chiamate simili. Quindi due figure sono simili se un ingrandimento di uno è congruente all'altro. Due figure piane vengono chiamate equivalenti, quando hanno la stessa area ed occupano la medesima superficie del piano. Il principio di equivalenza è basato su tre specifiche proprietà ovvero: la proprietà riflessiva secondo cui qualsiasi figura geometrica è equivalente a se stessa.

47

La proprietà simmetrica

La proprietà simmetrica, per la quale se si hanno due figure A e B, se A è equivalente a B, anche B sarà equivalente ad A. Proprietà transitiva, secondo la quale avendo tre figure A, B, C, se A è uguale a B e B è uguale a C, per la proprietà transitiva A sarà uguale a C.Per poter risolvere bene i problemi con il concetto di equivalenza, bisogna ricordare alcune regole. La prima è che se due triangoli hanno base e altezza uguali, sono equivalenti. La seconda è che se un parallelogramma ha la stessa altezza di un triangolo e la base pari a ½ della base del triangolo, le due figure sono equivalenti. La terza regola afferma che se un triangolo ha base uguale alla somma delle due basi di un trapezio isoscele e la stessa altezza, ha la sua medesima area. La quarta che considerando un poligono inscritto in una circonferenza, un triangolo che ha altezza uguale al raggio della circonferenza e base uguale al perimetro del poligono, occupa la sua medesima superficie. Una volta memorizzati i principi di equivalenza, la risoluzione dei problemi sarà estremamente semplificata.

Continua la lettura
57

Il concetto di equivalenza

Di seguito è riportato un esempio per chiarire il concetto di equivalenza. Ci sono due triangoli ABC e DEF. Il lato BC misura 6 cm ed è congruente a EF, ovvero ha la medesima dimensione. Anche la loro altezza è la stessa e misura 4 cm. Per dimostrare l?equivalenza tra le due figure bisogna calcolarne le aree. L?area di un triangolo si calcola con la formula:
base per altezza / 2. Pertanto si avrà:
BC ? AH/2 = 6?4/2 = 24/2 = 12cm²
EF ? DG/2 = 6?4/2 = 24/2 = 12cm²
Essendo uguali le aree si vede che le figure sono equivalenti, anche se non sovrapponibili.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il principio di equivalenza è dettato da regole ben definite. Dovete solo acquisirle ed esercitarvi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come risolvere le equazioni con il secondo principio di equivalenza

Nelle scuole non sempre viene preso in considerazione il fatto che i ragazzi di oggi sono sempre più difficili da gestire. Ci sono alcuni alunni che non sono in grado di studiare e capire tutti gli argomenti matematici che un programma scolastico ha...
Superiori

Come calcolare il perimetro di figure irregolari

Durante gli studi, scolastici ma anche universitari, spesso ci si trova imbattuti in materie abbastanza difficili ed ostiche. Tra le molte materie vaste, senza dubbio c'è la geometria. I problemi della geometria hanno procurato parecchio grattacapi più...
Superiori

Come risolvere le potenze a esponente razionale

Attraverso pochi e semplici passaggi, vediamo come risolvere esercizi matematici con le potenze a esponente razionale. La definizione di potenza deve essere ben chiara prima di proseguire. La potenza è una operazione matematica che permette di moltiplicare...
Superiori

Come disegnare una funzione razionale

Una funzione razionale è una funzione composta dal rapporto tra due polinomi, del tipo f(x)=N(x)/D(x) dove N(x) rappresenta il numeratore della frazione, mentre D(x) è il denominatore. Generalmente sono entrambi polinomi di grado maggiore o uguale a...
Superiori

Come impostare un problema di geometria euclidea

La geometria, è una materia complessa, vasta e per studiarla in maniera efficace e completa è necessario approfondire svariati argomenti e diversi settori della geometria stessa. Se non avete idea di come impostare in linea generale un problema di geometria...
Superiori

Come risolvere un problema di geometria o aritmetica

La geometria e l'aritmetica vengono impartite fin dalle scuole elementari. Mediante semplici problemi, gli insegnanti abituano le menti giovani dei bambini ai meccanismi della matematica. Alcuni studenti potrebbero addirittura appassionarsi alle due materie....
Superiori

Geometria: il Teorema di Erone

Se hai bisogno di una guida per studiare, comprendere ed applicare il Teorema di Erone, o formula di Erone, in vista di un compito o di un esame di geometria, ecco delle valide ed utili indicazioni per riuscire a capire questa formula che, fortunatamente,...
Superiori

Geometria analitica: l'iperbole

La geometria analitica studia le figure geometriche attraverso il piano cartesiano, in cui ogni punto è definito da due coordinate; con il termine ascisse indichiamo l'asse delle x e con ordinate l'asse delle y. Nella guida che segue ci occuperemo di...