Geografia: i deserti dell'Asia

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Chi ama la geografia sa perfettamente che più di un quinto della terra è costituita dai deserti. Questi sono localizzati prevalentemente lungo la zona nord e sud dell'acquatore, dove chiaramente la piovosità annua è ridottissimo e che quindi è caratterizzata da climi aridi con molta siccità. Vediamo nella guida quali sono nella fattispecie i deserti dell'Asia.

24

Gobi

Troviamo deserti, ovviamente con diverse caratteristiche e temperature, dislocati nel continente americano, africano e asiatico: presentano climi dalle alte temperature, che scendono a dirotto nella notte. Il deserto più grande e famoso dell'Asia è quello del Gobi che si trova a nord della Cina, al di là della Catena Dell'Himalaya. La quantità d'acqua è ridottissima a causa della grande altezza della catena montuosa che non permette il passaggio delle nubi. Si tratta di un deserto freddo e roccioso dove si trovano importanti scoperte di fossili marini poiché la catena dell'Himalaya ha avuto una formazione successiva a quella originaria della Pangea. In questo deserto si sono ritrovate molte scoperte di resti di dinosauri.

34

Deserto del Thar

Poi c'è il deserto del Thar che copre settantasettemila miglia quadrate, è un deserto subtropicale dell'Asia coperto di dune di sabbia rossastra. Principalmente è occupato dallo stato indiano, la Thar ha un'alta densità di popolazione per deserto. La parte occidentale del deserto riceve fino a venti pollici di pioggia all'anno, principalmente nel periodo da luglio a settembre, e la maggior parte delle colture vengono coltivate in questa stagione delle piogge. Nonostante le condizioni difficili, i deserti asiatici e le regioni circostanti sostengono molti animali, tra cui gazzelle dalla coda nera, cammelli, puzzole marmo e mongola d'asino selvatico.

Continua la lettura
44

Karakum

Altro deserto dell' Asia è il Karakum, deserto che copre centotrentacinque chilometri quadrati, a causa della sua posizione lungo il Mar Caspio. Il tempo a Karakum è più mite rispetto a molti deserti asiatici, che in genere soffrono di inverni gelidi ed estate torride. Attraversando il Kazakistan, vi è il deserto Kyzylkum quale offre una varietà di flora e fauna, anche se l'area riceve solo quattro centimetri di pioggia all'anno, che si verifica nel periodo più freddo della regione e quindi l'acqua non dissipa rapidamente e supporta un'ampia selvaggina migratoria come cervi, lucertole e cinghiali. La fauna della regione risale alla preistoria, è stata documentata su una serie di scavi archeologici che hanno portato alla luce una ricchezza dei primi mammiferi e di dinosauri.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Le caratteristiche dei deserti

I deserti possono essere di vario tipo e a seconda della tipologia cambiano anche le sue caratteristiche fisiche. I deserti caldi sono principalmente composti da sabbia che con l'azione dei venti creano le classiche dune. I deserti freddi invece si...
Elementari e Medie

Geografia: l'Oceania in breve

Il globo terrestre è composto da un insieme di terre emerse che geograficamente chiamiamo continenti. Essi sono cinque: Europa, Americhe, Africa, Asia e infine Oceania. Il termine "Oceania" deriva dal termine greco che significa "oceano". Se si esclude...
Elementari e Medie

Geografia: i continenti della terra

All'interno della presente guida andremo a occuparci di geografia. Nello specifico, come avrete bene compreso tramite la lettura del titolo stesso della nostra guida, ora andremo a spiegarvi "Geografia: i continenti della terra".Ma cosa intendiamo con...
Elementari e Medie

Appunti di geografia: le dorsali oceaniche

Tra gli appunti di geografia: le dorsali oceaniche sono particolarmente interessanti. Sappiate che le dorsali oceaniche si trovano sul fondo degli oceani. Solitamente provocano fenomeni sismici e vulcanici. La loro lunghezza si aggira intorno ai sessantamila...
Elementari e Medie

Come fare un riassunto di geografia

La geografia è spesso una materia sottovalutata, dato che è vista solamente come la conoscenza e la rappresentazione dello "spazio" presente sulla terra, partendo dalle città e arrivando fino a nazioni e continenti. In realtà, questa materia non è...
Elementari e Medie

Fiumi e laghi più importanti d'Asia

Il continente Asiatico è situato interamente nell'emisfero boreale. Esso è delimitato a nord dal Mar Glaciale Artico, a est dallo stretto di Bering e dall'Oceano Pacifico, a sud dall'Oceano Indiano e a sud ovest da Mar Rosso e dal Mar Mediterraneo....
Elementari e Medie

Geografia: i più importanti laghi italiani

L'Italia conta più di 1.500 laghi, ma la maggior parte dei più importanti sono al nord, dove le Alpi formano un confine montuoso con i paesi più a nord. Tre dei laghi -Garda, Maggiore e Como- hanno un rango come il più grande in Italia, mentre gli...
Elementari e Medie

Come insegnare la geografia ai bambini

L'insegnamento è per molti una vocazione ma, quando gli allievi sono bambini, è necessario che i docenti posseggano le opportune competenze pedagogiche. Parecchie sono le strategie sfruttate dai maestri di tutto il mondo per aiutare i piccoli studenti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.