Galileo Galilei e la nuova astronomia

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nell'antichità si credeva che il cielo fosse semplicemente la dimora degli dei; nonostante questo molti studiosi greci adottarono un metodo di approccio scientifico nei confronti dei misteri celesti. Poiché il Sole, la Luna e tutti gli altri pianeti visibili parevano ruotare attorno alla Terra, si dedusse che questa fosse il centro dell'universo. Nei secoli successivi questo tipo di modello acquisì sempre più il valore di dogma di fede. La Chiesa, infatti, aveva adottato il modello geocentrico in quanto esso si adattava bene al racconto della creazione; chi non abbracciava tale idea era considerato eretico e, come tale, veniva perseguitato. All'inizio del XVI secolo, tuttavia, l'astronomo polacco Mikolaj Kopernik (italianizzato in Niccolò Copernico), all'interno del suo "De revolutionibus orbium caelestium", propose la tesi di un universo con al centro il Sole, sostituendo il sistema geocentrico con quello eliocentrico, come già ipotizzato da Aristarco di Samo. Il libro di Copernico era rivoluzionario per più di un motivo. Esso, infatti, oltre a propugnare nuove idee, contraddiceva del tutto la visione del creato della Chiesa. Lo scienziato, però, morì prima che il suo saggio venisse pubblicato, rimanendo appannaggio solo di pochi. Bisognerà attendere l'inizio del Seicento prima di poter avvalorare queste tesi: sarà, infatti, con Galileo Galilei che nascerà la nuova astronomia moderna.

26

Il modello semi-eliocentrico di Tycho

Durante quel secolo, difatti, si erano verificati molti avvenimenti e si stavano diffondendo nuove teorie, sostenute da un numero crescente di astronomi, nonché avvalorate da scoperte scientifiche e dall'evoluzione di una metodologia di studio più scientifica. Il danese Tyge Brahe (conosciuto anche come Tycho), nel frattempo, aveva fornito una più accurata descrizione delle stelle e dei pianeti, proponendo un modello semi-eliocentrico, un sistema spurio nel quale tutti i corpi celesti ruotavano attorno al Sole, che tuttavia ruotava attorno alla Terra, la quale continuava a essere il centro dell'universo.

36

Il sostegno di Keplero alle teorie copernicane

Tra i discepoli di Brahe c'era il miglior matematico dell'epoca, il tedesco Johannes Kepler (detto Keplero), che abbracciò le teorie copernicane, ponendosi in disaccordo con le teorie del maestro. Egli dimostrò che le orbite percorse dai pianeti non erano circolari, ma ellittiche, andando contro le teorie astronomiche della Chiesa di Roma. Fin dall'antichità, infatti, si era ritenuto che i corpi celesti, ritenuti divini e quindi perfetti, dovessero muoversi lungo cammini perfetti, dunque lungo circonferenze perfette.

Continua la lettura
46

Le osservazioni astronomiche di Galileo Galilei

Proprio in questo periodo Galileo Galilei rivolse il proprio telescopio verso il cielo. Egli osservò Giove, con i suoi quattro satelliti, e le fasi di Venere. Capì, inoltre, che le stelle erano enormemente più lontane dei pianeti e si convinse del fatto che la teoria di Copernico fosse corretta. La Chiesa considerò il pensiero di Galileo eretico, bandendone tutti gli scritti e le teorie. Dopo essere stato costretto ad abiurare, il grande scienziato concluse la propria vita nell'eremitaggio della sua casa-osservatorio di Firenze.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come affrontare il primo giorno in una nuova scuola

Il primo giorno in una scuola nuova, è sempre carico di tensioni positive o negative, a seconda della persona e della situazione. Che sia sancito da un avanzamento del percorso scolastico o da un trasferimento abitativo, le emozioni vissute sono varie...
Elementari e Medie

Appunti di storia: la rivoluzione copernicana

La storia, tra le tante materie che esistono, rappresenta una di quelle discipline maggiormente vaste. Proprio per questa ragione, infatti, quando è necessario effettuare dei ripassi o dei riassunti, risulta essere estremamente utile poter consultare...
Elementari e Medie

Scienze: gli strumenti dello scienziato

La scienza è lo studio di ogni cosa presente nell'universo, animata o inanimata, e gli scienziati sono gli uomini e le donne che, seguendo il metodo sperimentale, rispondono alle domande che ci siamo sempre posti su ciò che ci circonda. A seconda del...
Elementari e Medie

Come condurre un esperimento scientifico

L'esperimento scientifico è finalizzato a confutare o confermare una tesi. Si tratta di riprodurre un particolare evento naturale in laboratorio, tenendo così sotto controllo le variabili. Con Galileo Galilei l'esperimento divenne centrale: egli si...
Elementari e Medie

Come riconoscere la luna calante e la luna crescente

In questa guida spiegheremo in modo semplice e veloce come poter riconoscere facilmente quando la Luna in cielo si trova in fase calante, oppure in fase crescente.Tutto questo oltre ad essere per curiosità personale è molto utile in agricoltura e specialmente...
Elementari e Medie

Tutto sulla Luna

Tutti sappiamo che la Luna è l'unico satellite naturale che ruota attorno alla Terra, insieme a tanti altri satelliti artificiali che sono stati spediti dall'uomo nello spazio. La Luna è posizionata a una distanza tale da poter essere visibile a occhio...
Elementari e Medie

Come verificare la divisione con la prova del nove

La prova del nove viene utilizzata in matematica per controllare l'esattezza del risultato della moltiplicazione e della divisione. Nel caso di divisione con il resto, il procedimento presenta qualche piccola variante. Questa semplicissima e pratica guida...
Elementari e Medie

Italiano: come dividere le parole in sillabe

Sembra facile dividere le parole in sillabe, però esiste qualche parola abbastanza complicata. Non sempre risultano chiari i principi tramite cui suddividere le parole in sillabe. Fin dalle scuole elementari si insegna questa divisione, ma fino a che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.