Francese: la formazione del plurale

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il francese è una lingua molto dolce e caratteristica, ma spesso si sottovaluta un po' la difficoltà nell'assimilarla. Infatti si avverte questa sensazione per la facilità di pronuncia e per le innumerevoli parole che sono simili all'italiano. Tuttavia, soffermandoci a pensare e ad esaminare la grammatica si scopre che non è così. Basti pensare alla formazione del plurale che può sembrare un aspetto facile da imparare, invece vi sono delle regole e delle eccezioni da rispettare. Anche nella pronuncia c'è da fare attenzione, infatti il singolare si distingue poco dal plurale, ma grazie all'articolo che precede i nomi e gli aggettivi sarà più semplice capire se ci si trova di fronte al plurale. Allora vediamo insieme qualche esempio e più nello specifico, in francese: la formazione del plurale.

26

Occorrente

  • Buona voglia di imparare il francese, un libro di grammatica francese
36

Le prime regole del plurale in francese

Per quanto riguarda la formazione del plurale in francese vale la regola generale che si forma aggiungendo una s finale. Infatti anche al femminile non vi è nessun problema, basta semplicemente aggiungere una s, come per esempio la trousse diventa les trousses. Inoltre c'è da ricordare che alcune parole non hanno il plurale come: les confins - i confini, les gens - la gente, les mathématiques - la matematica. Quindi la formazione del plurale in francese richiede l’aggiunta della s a quelle parti variabili del discorso come nomi, aggettivi, sostantivi; infatti le chat diventa les chats. Ad eccezione delle parole che finiscono per x, s o z che restano invariati. Ad esempio: souris - souris, choix - choix. Le parole che finiscono per AL invece al plurale cambiano in AUX. Esempio: animal - animaux. Tranne le parole: fatal, festival, final ed altre che prendono solo la s.

46

Parole composte al plurale

Esistono altre regole per il plurale nella lingua francese che non devono essere dimenticate, come per esempio quando si parla di parole composte. Il loro plurale dipende dalla natura delle parole stesse. Infatti possono essere composte dal nome + nome, verbo + nome, oppure aggettivo + nome. In effetti si nota che dove è presente nome e aggettivo entrambi mutano prendendo la s o le altre desinenze a seconda della fine della parola. Esempio: un coffre- fort diventa des coffres - forts (nome + aggettivo).

Continua la lettura
56

Altre regole ed eccezioni

Il plurale degli aggettivi deve tenere in considerazione il genere e il sostantivo a cui si riferisce. Mentre i vocaboli che terminano in eu, au, eau formano il loro plurale con l'aggiunta di una x finale. Per quanto riguarda le parole che terminano in ou o in ail prendono l'aggiunta di una s, ma anche in questo caso ecco delle eccezioni e cioè: travail, bail e corail diventeranno al plurale travaux, baux e coraux. E ancora, la parola bijou si trasforma al plurale in bijoux.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attenzione ad alcuni termini che non hanno il plurale, come l'argent

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

La forma plurale in inglese

L'inglese è la lingua più parlata al mondo. Ma siamo davvero capaci di parlarla?La scuola dovrebbe preoccuparsi di consegnare a tutti gli strumenti basilari della lingua, ma non sempre si riesce a trasmettere tutto ciò che c'è da sapere.Se volete...
Lingue

Come Utilizzare I Possessivi E Concordare Gli Aggettivi In Spagnolo

Grazie a questa guida, oggi imparerai le forme degli aggettivi possessivi e a concordare con il nome gli aggettivi che usiamo per descrivere le persone. Seguiranno dei brevi esempi per far capire meglio come utilizzare le regole. In spagnolo, ci sono...
Superiori

Come declinare gli aggettivi in Latino

Nel latino, come in italiano, bisogna declinare l'aggettivo in base al genere, numero e caso e possono essere suddivisi in prima e seconda classe: sono appartenenti alla prima classe quelli che escono dal nominativo singolare in: us - a - um; er - era...
Elementari e Medie

Come Formare Il Plurale In Italiano: Nomi Che Finiscono In -a

Nella lingua italiana, gran parte dei nomi presenta una forma per il singolare e una per il plurale. L' elemento che distingue il singolare dal plurale è la desinenza. La desinenza è la lettera finale del nome di persona, di animale o di cosa.Esercitandovi,...
Superiori

Grammatica latina: aggettivi sostantivati

La lingua italiana è diretta discendente della lingua latina, oggi ormai quasi completamente estinta. Semplicemente perché, nonostante il latino sia rimasta la lingua ufficiale del Vaticano, essa non viene più parlata dagli italiani anche se, comunque,...
Lingue

Tedesco: la declinazione dei sostantivi

Di seguito un po' di grammatica tedesca, veloce e di ripasso. Spero soprattutto che vi sia utile, e spero di essere stata il più chiara possibile. Ci tengo molto a dire che la grammatica tedesca è molto meno complicata di quello che si dice in giro....
Lingue

L'aggettivo in francese

Il francese è una delle lingue più affascinati e melodiche: una lingua neo-latina che, insieme all'italiano, allo spagnolo ed al portoghese condivide diverse "norme" grammaticali. L'aggettivo la fa sicuramente da padrone. Fondamentali nella costruzione...
Superiori

Come concordare soggetto e predicato in Latino

Il latino è una materia molto avversa a molti studenti e purtroppo studiata da pochissimi, che ne riescono ad apprezzare la bellezza e l'importanza, per comprendere soprattutto la lingua italiana e imparare come utilizzarla al meglio. Sicuramente la...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.