Francese: la forma interrogativa

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La forma interrogativa è importante in quanto ci dà la possibilità di conversare, chiedere informazioni, pareri e indicazioni. In francese, la costruzione della forma interrogativa si articola in ben tre modi per l'intero completamento è indispensabile conoscerli tutti, poiché diverse sono le occasioni in cui vanno utilizzati. Inoltre, le tre costruzioni previste si applicano sia nel caso delle interrogazioni totali che in quelle che richiedono una risposta secca "oui" (sì) o "non" (no), ed in quelle parziali, cui si risponde in maniera più articolata. Seguiamo attentamente la procedura sotto descritta per sapere come comporre la forma interroogativa francese.

27

Costruire una frase in forma interrogativa

Per formulare una domanda in lingua francese, è sufficiente posizionare il verbo prima del soggetto e completare il resto della frase. Nello specifico occorre invertire l'ordine soggetto con il verbo. Per usare questa formula, la frase deve iniziare con i pronomi personali come JE, TU, IL, ELLE, NOUS, VOUS, ILS. Quando invece il soggetto non è un pronome personale, la frase va formulata nel seguente ordine: verbo, soggetto, pronome personale e residuo della frase. Ad esempio, la frase "Tu parli bene il francese" è in forma affermativa; per trasformarla in forma interrogativa, basterà semplicemente invertire l'ordine del soggetto con il verbo. Quindi, la forma interrogativa sarà: "Vous parlez bien le français?".

37

Mettere la locuzione "est - ce - que"

Mentre l'intonazione della voce viene usata per porre domande nella lingua parlata ed informale, la seconda tipologia di forma interrogativa è propria del linguaggio standard. Questa richiede di mettere la locuzione "est-ce que" all'inizio della domanda, seguita dalla forma affermativa della frase. Nel caso in cui la frase cominci con una vocale, la struttura "est-ce que" deve essere apostrofata. Per esempio: "Est-ce qu'il a travaillé?" (Egli ha lavorato?).

Continua la lettura
47

Anteporre il verbo al pronome soggetto

Nelle conversazioni più formali invece è necessaria la terza modalità di realizzazione delle frasi interrogative che prevede di anteporre il verbo al pronome soggetto. Ad esempio: "Paul est-il étudiant?", "Es tu content?". In questa formula, che vuole l'inversione di soggetto e verbo, si deve inoltre mettere una t eufonica tra due trattini (-t-) per separare due vocali, come in questo caso: "Parle-t-elle français?" (Parla francese?).

57

Utilizzare le tre modalità di forma interrogativa

Tuttavia, le tre modalità di forma interrogativa appena visti devono essere utilizzati anche nei casi di interrogazioni parziali, ossia quando la domanda è introdotta da un avverbio, un aggettivo o un pronome interrogativo e necessita di una risposta più complessa invece del semplice sì o no. Ecco gli esempi per i 3 casi: "Il arrive quand?", "Quand est-ce qu'il arrive?", "Quand arrive-t-il?", che si traducono con: "Quando arriva?". Questa formula è quella che deve essere utilizzata anche per le espressioni di uso comune, come "Quelle heure est-il?" (Che ore sono?).

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

La forma interrogativa in tedesco

Il tedesco, si sa è una lingua alquanto complicata per chi si cimenta per la prima volta ad impararne le diverse forme. In questa guida, vi saranno descritti dei passi per cercare di semplificare nel migliore dei modi, la forma interrogativa, per renderla...
Lingue

La forma interrogativa in spagnolo

Nella lingua italiana quando si utilizza la forma interrogativa è necessaria un'intonazione particolare della voce per far capire che si sta facendo una domanda. Nella lingua spagnola esistono delle caratteristiche diverse: l'impostazione della domanda,...
Lingue

La forma interrogativa in svedese

Lo svedese è una lingua non diffusa nel mondo e che si parla solo in Scandinavia, tuttavia potrebbe essere necessario impararla, poiché specie per i giovani, ci sono tantissime opportunità di lavoro, visto che si tratta di un paese che vanta un'economia...
Lingue

La forma interrogativa in arabo

La scelta di studiare in modo approfondito una lingua straniera, oggi è più che mai un'esigenza. Le lingue orientali affascinano sempre di più, ed impazzano sul web numerosi tutorial e suggerimenti su come formulare frasi specifiche. Se state iniziando...
Lingue

La forma interrogativa in russo

La lingua è l'insieme di suoni, parole, locuzioni e costrutti logicamente collegati ed ordinati tra loro. Di questi ci serviamo per esprimerci e comunicare con gli altri. La lingua ha una doppia funzione. Risulta fondamentale nella vita di tutti i giorni....
Lingue

La forma interrogativa in inglese

Negli ultimi anni, conoscere e parlare bene lingue straniere è davvero molto importante. Soltanto in questo modo è possibile viaggiare tranquillamente all'estero e cercare lavoro quasi dovunque. Tra le numerose lingue esistenti, quella da conoscere...
Lingue

La forma interrogativa in greco

Come l'italiano, anche il greco, vanta di una grammatica che va studiata attentamente. In greco, infatti, sono tante le forme da conoscere per far sì che, tra le tante cose, possiate essere in grado di tradurre versioni greche. A scuola, soprattutto...
Lingue

inglese: forma affermativa, interrogativa e negativa del verbo to be

L'inglese costituisce sicuramente la lingua più diffusa e conosciuta in tutto il mondo e al giorno d'oggi essa è davvero molto importante soprattutto se si ha intenzione di intraprendere una certa carriera lavorativa. Con l'inglese infatti è possibile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.