Francese: il futuro

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il Francese è una lingua "romanza" indoeuropea e viene parlato come lingua madre da 150 milioni di persone a cui se ne aggiungono altrettanti (e anche di più) che la utilizzano come lingua ufficiale al pari di un'altra. A parte ovviamente la Francia, il francese è una delle lingue ufficiali in Belgio, Lussemburgo, Svizzera e alcuni territori semi indipendenti (come Jersey, nel canale della Manica) in Europa. Viene parlato come lingua madre o ufficiale in moltissimi paesi africani ed è comunemente conosciuto in tutti i territori e regioni canadesi, incluso il Quebec dove, con una percentuale di diffusione superiore al 75 %, costituisce di fatto la lingua principale al pari dell'Inglese. Esistono fondamentalmente tre (più una) tipologie di coniugazione per il futuro dei verbi in lingua francese: Simple, Proche e Antérieur. Oltre a queste si aggiunge il "le futur dans le passé", una coniugazione più complicata in cui si utilizza il condizionale presente o passato in riferimento ad accadimenti avvenuti posteriormente rispetto all'azione avvenuta in passato. Per esempio: "sapevo che avrei bevuto un bicchiere d'acqua dopo il caffè".

27

Occorrente

  • Dizionario di lingua francese
37

Simple

Il futuro Simple, quindi semplice, lo si usa per esprimere azioni che verranno eseguite in futuro con cadenza consequenziale. Una forma verbale per la verità sempre meno utilizzata, soprattutto nella lingua parlata. Lo si forma aggiungendo una desinenza all'infinito del verbo in questione per i verbi regolari, mentre la formula per costruire il futuro varia di caso in caso per i verbi irregolari. Le desinenze del futuro semplice sono divise per gruppi e persone verbali. Per io, tu, egli/ella/esso si utilizzano rispettivamente -ai, -as e -a; mentre per noi, voi, essi si utilizzano -ons, -ez, -ont.

47

Proche

Il futuro Proche è il più utilizzato nella comunicazione informale ed esprime un'azione eseguita nel futuro immediato e collegabile al presente. Un po' come il "going to + verbo" utilizzato in lingua inglese. Per costruire il futuro Proche si utilizza l'ausiliare "aller" e si formula con il presente o imperfetto indicativo di aller + infinito. Ad esempio se volessi dire "tu parlerai" (che letteralmente diventa "tu andrai a parlare), dirò TU (soggetto) + VAS (coniugazione dell'ausiliare Aller) + PARLER che in questo caso è il verbo che esprime l'azione.

Continua la lettura
57

Antérieur

Il futuro anteriore viene utilizzato principalmente per esprimere un'azione che precede un'azione futura. Si tratta di un tempo verbale composto che ha quindi necessità dell'ausiliare essere o avere. Si costruisce con il futuro semplice (coniugato) del verbo ausiliare essere o avere seguito dall'infinito del verbo che esprime l'azione.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Utilizzare il futuro Proche quando si è in dubbio
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Tedesco: il futuro

Amici, ora ci occuperemo di un argomento che i più potrebbero giudicare barboso: mi sto riferendo al tempo futuro della lingua tedesca. Chiaramente si dovrà sempre tenere alla mente qual è lo scopo, l'obiettivo delle vostre fatiche, che è apprendere...
Lingue

Come formare il futuro in inglese

Nella lingua inglese, il tempo futuro si può formare in tre modi differenti e, più precisamente, si ha: un present continuous (da utilizzare se si vuole parlare di un evento specifico ancora non accaduto, ma programmato con precisione), un futuro con...
Lingue

Inglese: futuro con will

La lingua inglese è una delle lingue più studiate e parlate in tutto il mondo. È la lingua ufficiale in molti paesi quali Stati Uniti, Regno Unito, Singapore e Hong Kong per citare i principali pertanto non stupisce che sia considerata come "universale"...
Lingue

Come formare il futuro intenzionale in inglese

L'inglese è senza nessun dubbio una delle lingue maggiormente diffuse ed usate specialmente in questo momento, dove sopra ai social network, primo fra tutti Facebook, si comunica usando spesso uno slang e dei diminutivi anglofoni. La costruzione dei...
Lingue

Come utilizzare il futuro in inglese

Nella lingua inglese esistono diverse forme che si possono impiegare per esprimere un'azione futura. Ogni singola modalità si utilizza per esprimere uno specifico significato che si distingue dagli altri. Tuttavia è opportuno precisare che, qualora...
Lingue

Come formare il futuro di probabilità in inglese

L'inglese è la lingua del futuro, anzi lo è già. Ed è proprio indispensabile conoscere almeno le basi grammaticali per poter dialogare o quanto meno cercare di farlo, sopratutto nel mondo del lavoro, che è sempre più all'insegna della globalizzazione....
Lingue

Inglese: il futuro con to be going to

Conoscere l'inglese è ormai fondamentale, perciò è necessario studiarlo e imparare almeno le basi della grammatica inglese. Non bisogna agitarsi, perché l'inglese possiede delle norme sintattiche e morfologiche molto semplici rispetto alle altre lingue...
Lingue

Come formare il futuro semplice in inglese

Un vecchio libro di grammatica britannica citava testualmente la frase inglese corretto, inglese efficace ed è proprio questo che ho intenzione di fare per voi, ovvero spiegarvi, nel modo più semplice possibile, le principali regole che bisogna seguire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.