Francese: aggettivi interrogativi

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Un po' come avviene nel caso della grammatica italiana, anche in quella francese si trova una vasta gamma di parti variabili e invariabili del discorso. Il gran numero di aggettivi, pronomi, verbi, avverbi e congiunzioni porta a studiare una lingua straniera in modo piuttosto approfondito. Tra le parti variabile del discorso, che hanno quindi una desinenza o per meglio dire un morfema grammaticale che indica il genere e il numero, spiccano gli aggettivi, che nella lingua francese, come in italiano tra le altre cose, devono essere studiati molto attentamente nei loro gradi e nelle loro uscite, in modo da non fare stupidi errori morfologici. Gli aggettivi concordano con numero e genere del sostantivo o del pronome a cui si riferiscono, come accade in tutte le lingue che derivano dal latino e anche in italiano. Essi possono essere di diverso tipo. Ogni categoria svolge una specifica funzione. In questo breve guida esamineremo gli aggettivi interrogativi in francese, in modo da poter aiutare il lettore nella morfologia di questa splendida lingua.

27

Occorrente

  • Libro di grammatica francese
  • Conoscenze di base sulla lingua francese
  • Tanto esercizio
  • Buona memoria
  • audio lezioni
37

Riconoscere gli aggettivi interrogati in italiano

Gli aggettivi interrogativi si usano solitamente come i pronomi e gli avverbi interrogativi. Quando si formula una domanda circa l'identità di una persona o la qualità di un oggetto, occorre necessariamente usare una frase interrogativa e di conseguenza di un aggettivo interrogativo. Le frasi interrogative possono a loro volta essere divise in dirette e indirette. Per riconoscere gli aggettivi interrogativi in maniera semplice e immediata basta vedere che accompagnano il nome, al contrario dei pronomi che come viene ben detto nel nome sostituiscono il nome per non fare delle ripetizioni che non sono di grande aiuto nel discorso. Nella lingua italiana gli aggettivi interrogativi sono "che", "quale" e "quanto". "Che" come si può ben capire, rimane sempre invariato, essendo usa per il maschile e per il femminile, per il singolare e per il plurale. "Quale", al contrario, può avere sia il genere che il numero, e quindi cambia a seconda del nome a cui si riferisce. "Quanto" può essere anch'esso maschile o femminile, singolare o plurale, e quindi muta come muta "quale". Una volta che si conoscono per bene gli aggettivi interrogativi italiani si può procede a riconoscere quelli francesi.

47

Riconoscere gli aggettivi interrogativi in francese

Una volta che si hanno ben chiari gli aggettivi interrogativi italiani e i loro mutamenti si può procedere verso quelli francesi con più solide basi morfologiche. Essi sono più o meno uguali ai nostri. Avremo quindi "quel" e "quelle", che stanno per "che" e "quale" rispettivamente al maschile e al femminile. Ci sono poi "quels" e "quelles", che si traducono in "che" e "quali" in entrambi i generi ma con numero differente, in pratica servono per il plurale. Come si può ben capire sono leggermente più complessi rispetto all'italiano, ma non per questa ragione ci si deve scoraggiare. Questi aggettivi nella lingua francese possono anche assumere valore esclamativo, capita quando indicano sorpresa, ammirazione, stupore o disapprovazione rispetto alla persona o all'oggetto ai quali si fa riferimento nelle frasi.

Continua la lettura
57

Fare esercizi sulla concordanza

L'espressione "Quel est ton nom?" significa "Qual è il tuo nome?". Qui troviamo un aggettivo interrogativo in forma maschile singolare. Nella proposizione "Quels sont vos auteurs préférés?", che vuol dire "Quali sono i vostri autori preferiti?", si trova un aggettivo in forma maschile plurale. Come si può ben capire, come accade anche in italiano, in francese è essenziale prestare la massima attenzione alla concordanza tra nome e aggettivo nel genere e nel numero, sarebbe un errore gravissimo sbagliare gli accordi morfologici, come falserebbe l'intera frase anche dal punto di vista sintattico e semantico. Per non correre rischi è bene fare molti esercizi sulla concordanza, l'utilizzo aiuterò a memorizzare gli aggettivi e come concordarli. Anche l'ascolto è importante, è bene infatti avvalersi di audio lezioni da sentire nello smartphone, quando si passeggia o si fa jogging, o anche quando si attende un mezzo pubblico. Nelle lingue l?ascolto non è infatti solo essenziale per la pronuncia, ma anche per aumentare il proprio repertorio lessicale e avere dimestichezza con le frasi. Come accade in italiano, che è la nostra lingua madre, anche in francese l?ascolto renderà diverse cose del linguaggio come se fossero native e quindi spontanee.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esercitarsi molto per acquisire sicurezza con la formulazione dei periodi.
  • Fare un piccolo schema su un foglio per memorizzare meglio le regole riguardanti gli aggettivi interrogativi francesi.
  • Ascoltare le audio lezioni
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Francese: aggettivi possessivi

Al giorno d'oggi è fondamentale riuscire ad imparare una nuova lingua oltre a quella italiana, in questo modo potremo sia visitare con maggiore facilità i vari paesi esteri e si cercare lavoro in altre nazioni. Per apprendere una nuova lingua potremo...
Lingue

Inglese: i pronomi interrogativi

Alcune persone studiano le lingue per passione, altre per convenienza, soprattutto se si viaggia molto e si è a stretto contatto con altre culture. Conoscere le lingue, e soprattutto l'inglese è ormai diventata un'esigenza alla quale non possiamo sottrarci....
Lingue

Lingua giapponese: gli aggettivi

Generalmente l'aggettivo in giapponese va a qualificare il nome a cui è preposto, ha un uso ben diverso dalla lingua italiana e può costruire un predicato, senza l'aiuto di un verbo. Vi sono ben sei forme di coniugazione che vengono utilizzate, ciascuna...
Lingue

Come Utilizzare I Possessivi E Concordare Gli Aggettivi In Spagnolo

Alla base di ogni linguaggio ci sono i pronomi e gli aggettivi, e tra questi di notevole importanza sono i possessivi, perché sono utilizzati spessissimo nelle frasi che si usano più frequentemente. Naturalmente impararli è doveroso e seppur all'inizio...
Lingue

Francese: la formazione del plurale

Il francese è una lingua molto dolce e caratteristica, ma spesso si sottovaluta un po' la difficoltà nell'assimilarla. Infatti si avverte questa sensazione per la facilità di pronuncia e per le innumerevoli parole che sono simili all'italiano. Tuttavia,...
Lingue

Come declinare gli aggettivi in tedesco

Ogni lingua che si decide di approfondire ha delle difficoltà e delle regole grammaticali, che possono essere davvero noiose e difficili da apprendere; sicuramente uno degli argomenti meno piacevoli della lingua tedesca risultano essere proprio le declinazioni...
Lingue

Tedesco: la declinazione degli aggettivi

Al giorno d'oggi è sempre più importante conoscere molte lingue perché questo ci permetterà sia di viaggiare nel mondo senza problemi, ma anche di poter lavorare in Nazioni diverse dalla nostra. La lingua più diffusa al mondo è sicuramente l'inglese...
Lingue

Lingua russa: gli aggettivi

Se si vuole imparare una lingua di una nazione che sta diventando il fulcro dell'economia mondiale, è bene, senza fossilizzarsi sui classici cinese e araba, imparare il russo, che oltre a essere la lingua ufficiale della Federazione Russa, lo stato retto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.