Fonti normative secondarie: i regolamenti governativi e ministeriali

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il diritto, è regolato da una serie di regolamenti e normative, che ne stabiliscono le linee di condotta.
Quando sentirete parlare di regolamenti governativi, vengono indicate le fonti normative secondarie che, se tenute in considerazione, da un punto di vista gerarchico, stanno al di sotto delle famose fonti costituzionali.
Per definizione, la parola regolamento, invece, indica delle regole e questo si avvale di normative ben precise, che verranno poi emanate da vari organi quali lo Stato, organizzazioni internazionali, enti pubblici e anche privati.
In questa guida, andremo a far luce sulle fonti riguardanti le cosiddette normative secondarie, in particolar modo, parleremo dei regolamenti governativi e ministeriali.

26

Occorrente

  • Regolamenti governativi e ministeriali
36

Vari tipi di regolamenti

Grazie alla Costituzione, in Italia, sia gli enti pubblici, che quelli privati, hanno il potere di emanare dei regolamenti. Questi, sono necessari, affinché la loro organizzazione interna sia rispettata e che procedino senza ulteriori problemi nella legge che lo rispetta.
Nel dettaglio, oggigiorno, ci sono regolamenti di tipo ministeriale, interministeriale ed altri che vengono definiti, invece, governativi. Quelli governativi, vengono emanati dal Consiglio dei Ministri, dopo che questo, si è consultato con il Consiglio di Stato. Solo in seguito, chiaramente, verranno poi, registrati presso la Corte dei Conti.

46

Legittimità regolamento

Sarà proprio la Corte dei Conti, che dovrà pensare a verificarne la veridicità e legittimità, in modo che poi, possano essere pubblicati, dopo l'approvazione, decorsi i quindici giorni, sulla Gazzetta Ufficiale.
Per farla breve, nessun regolamento, può essere approvato al Governo, se prima il Presidente della Repubblica non abbia prestato il suo consenso, sotto forma di autorizzazione scritta.
Ulteriori modifiche a scopo migliorativo possono essere date anche dal Consiglio di Stato.

Continua la lettura
56

Regolamenti degli organi costituzionali

I regolamenti, quelli definiti ministeriali, pertanto, riguardano, diversamente, la disciplina di diversi settori amministrativi dello Stato, infatti, adesso andremo a vedere proprio quelli che riguardano gli organi costituzionali. Parliamo dei regolamenti interni agli Organi Costituzionali; innanzitutto, è d'obbligo fare una distinzione. Questi possono essere, infatti, sia di "attuazione", sia di "integrazione", di "tipo esecutivo", "regolamenti Indipendenti", "regolamenti delegati", i "regolamenti organizzativi" (sono correlati all'organizzazione interna degli organi di natura pubblica) ed, infine, abbiamo quelli "di attuazione delle direttive europee".

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' fondamentale la delibera tramite D:P:R

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Diritto Costituzionale: le funzioni del Parlamento

Siete degli studenti alla ricerca di informazioni di Diritto Costituzionale? Magari volete sapere in poche righe qual è la struttura del Parlamento e quali sono le sue funzioni. Se la risposta è sì, siete nel posto giusto. Il Parlamento è il corpo...
Superiori

Appunti di legislazione sociale

Ogni stato, all'interno del suo sistema giuridico, dedica particolare attenzione all'assistenza, al supporto e all'ascolto delle esigenze dei più bisognosi. Si tratta della legislazione sociale, che si occupa dei provvedimenti pubblici con lo scopo di...
Elementari e Medie

Come iscrivere un figlio a una scuola paritaria

Tutti i genitori che devono far studiare i propri figli devono sapere come e cosa occorre per iscrivere un figlio ad una scuola paritaria. Nonostante la crisi economica sempre più famiglie decidono di iscrivere i propri figli alle cosiddette "scuole...
Superiori

Appunti di diritto privato: la famiglia

Il diritto pubblico si occupa di questioni che interessano la società nel suo complesso, oltretutto si suddivide in più rami: il diritto amministrativo, in cui governano le agenzie governative, come il Dipartimento della Pubblica Istruzione. Le leggi...
Superiori

Storia della guerra in Siria

Confinante con Iraq e Turchia, e con capitale Damasco la Siria è uno stato arabo che si affaccia sul mar Mediterraneo. Dal punto di vista costituzionale è una repubblica di tipo presidenziale, ma da sei anni è dilaniata da un conflitto civile che...
Università e Master

Appunti di procedura civile: il regolamento di competenza

La materia che andremo a trattare, per chi non ha sufficiente dimestichezza con l'argomento, potrà sembrare particolarmente ardua e di difficile comprensione. Tuttavia, se studiare giurisprudenza o se, comunque, avete necessità di conoscere l'argomento,...
Università e Master

Appunti di diritto pubblico

Per affrontare qualsiasi esame di giurisprudenza, non si può mancare un approfondito studio dei due temi principali della materia: il diritto pubblico ed il diritto privato.Con una buona conoscenza di queste due materie, risulterà notevolmente più...
Università e Master

Come scrivere le conclusioni di una tesi di Laurea

La tesi di laurea è uno dei lavori finali e conclusivi del ciclo di studi. Un lavoro a parte che a seconda del tipo di tesi e dell'argomento gli si dedica un bel po' di tempo. Al di là di quale sia l'argomento, il tipo di tesi e tutte le altre caratteristiche,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.