Fisica: la pressione atmosferica

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In questa breve guida parleremo di fisica e in particolare della pressione atmosferica, ovvero la pressione esistente in qualunque punto dell'atmosfera terrestre. Il suo valore varia in base al punto dell'atmosfera terrestre in cui viene misurata, e corrisponde al peso della colonna d'aria (composta dai gas presenti nell'atmosfera) che agisce sul punto in questione. Se si considera uno stesso punto, la pressione sarà maggiore quanto più alta è la colonna d'aria che lo sovrasta. Il primo che scoprì che l'aria ha effettivamente un peso e che quindi esercita una pressione, fu Evangelista Torricelli, che per primo perfezionò il barometro, lo strumento attraverso il quale si può calcolare la pressione atmosferica, costituito da un tubo di una lunghezza superiore agli 80 cm con un'estremità aperta immersa in una vaschetta contenente mercurio. Torricelli fece inoltre esperimenti a livello del mare, a una temperatura di 0°C a una latitudine di 45°, e la pressione ottenuta risultò essere pari al peso di una colonna di mercurio alta 76 cm, con una superficie base di un centimetro quadrato, che lui definì pari ad 1 atmosfera.

25

La variabilità della pressione atmosferica

La pressione atmosferica è dunque un valore molto variabile in base all'altitudine, alla latitudine, alla temperature e all'umidità. Un importante ambito di applicazione dell'atmosfera è sicuramente la meteorologia. I meteorologi riportano su apposite carte geografiche i valori della pressione atmosferica e uniscono attraverso delle linee tutti i punti che hanno la stessa pressione atmosferica. Queste linee sono dette "isobare" e si presentano in genere come linee curve e concentriche accanto alle quali vengono riportati i valori della pressione, rendendo evidenziabili le zone di alta e bassa pressione.

35

Leggere le variazioni di pressione

Riuscire a leggere le variazioni di pressione non è troppo complicato: se i valori della pressione aumentano andando verso le isobare centrali significa che si tratta di una zona con pressione atmosferica più alta rispetto a quelle circostanti, quando succede il contrario, siamo invece davanti a una zona di bassa pressione. Un'area ad alta pressione è caratterizzata da aria fredda e asciutta e viene anche chiamata anticiclonica. Un'area a bassa pressione è invece caratterizzata da aria calda e umida.

Continua la lettura
45

Il gradiente barico orizzontale

Il rapporto tra la differenza di pressione in due punti presi su isobare diverse, e la distanza che li separa, prende il nome di "gradiente barico orizzontale". Quando le isobare sono ravvicinate fra loro, il gradiente barico è elevato, quando invece sono distanziate, il gradiente barico è basso. In base alle isobare che indicano i valori medi di pressione calcolati annualmente sulla Terra, il globo risulta diviso in fasce di alta o bassa pressione, costanti per tutto l'anno. La lettura e lo studio delle aree a bassa e alta pressione è fondamentale in molti campi e grazie ad esso sono possibili le previsioni del tempo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la pressione barometrica

Un barometro è uno strumento scientifico utilizzato in meteorologia per misurare la pressione atmosferica (la tendenza di pressione in grado di prevedere i cambiamenti a breve termine delle condizioni atmosferiche). Numerose misurazioni di pressione...
Superiori

Storia della fisica: crisi della fisica classica

Sul finire dell'Ottocento i problemi legati all'universo sembravano del tutto risolti. Negli ultimi decenni del secolo, però, a causa dell'avanzamento del sapere teorico e dello sviluppo delle tecniche di misura in laboratorio, esplosero nuovi problemi...
Superiori

Fisica: l'esperimento di Torricelli

Evangelista Torricelli fu un matematico e fisico italiano, nacque a Roma il 15 Ottobre 1608, e morì a Firenze il 25 Ottobre 1647. Studiò matematica a Roma nel Collegio della Sapienza. Uno dei suoi precettori fu padre Benedetto Castelli a sua volta...
Superiori

Fisica: torchio o pressa idraulica

Una delle proprietà dei liquidi è quella di trasmettere la pressione che agisce su un punto qualsiasi della sua superficie a tutte le sue particelle, in tutte le direzioni. A sua volta, tale pressione si sostanzia in una forza perpendicolare che agisce...
Superiori

Fisica: il diagramma di Andrews

Il comportamento di un sistema gas-liquido in fisica venne studiato approfonditamente nel 1863 da Thomas Andrews. Egli ideó un apparato (fig. 1) in grado di applicare ad un gas pressioni misurate pari fino a 200 volte la pressione atmosferica, che gli...
Superiori

Come calcolare la profondità dalla pressione

Leggi, equazioni, Pascal, Newton. Per qualcuno tutto ciò avrà poco significato, ma i più esperti già avranno capito in che campo ci troviamo. Siamo nel campo della statica dei fluidi, meglio nota come idrostatica. L'idrostatica è la scienza, branca...
Superiori

10 semplici esperimenti di fisica

La fisica è una scienza importante perché spiega il mondo in cui viviamo e fornisce altre basi per altre dottrine, come la chimica e la meteorologia. Essa studia i concetti fondamentali della materia e dell'energia, dello spazio e del tempo, e le interazioni...
Superiori

Come calcolare la pressione differenziale

Che cos'è la pressione del sangue? Iniziamo a spiegarlo tramite un concetto basilare. La pressione sanguigna è la forza esercitata dallo scorrimento del sangue nel sistema circolatorio. In altre parole è la spinta esercitata ed impressa dal sangue...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.