Fisica: la legge di gravitazione universale

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La legge di gravitazione universale è quella che ha "reso famoso" Newton. Per chi non lo sapesse, Newton era uno scienziato inglese di cui si narra che nel 1600 fu colpito in testa da una mela. Da quest'episodi trasse la conclusione dell'esistenza della forza di gravità, ossia una forza che attira gli oggetti verso "il basso". Se un corpo attira un altro a sè, è logico pensare che anche il secondo corpo applichi una forza attraente. In fisica, le due forze sono due vettori che vanno l'uno verso l'altro, annullandosi a un certo punto (altrimenti i pianeti finirebbero uno addosso all'altro). Osserviamo nello specifico il funzionamento di questa legge [fonte: wikipedia].

26

Occorrente

  • foglio di carta, matita
36

La formula

F = G x (m1xm2) / R^2
(x = moltiplica, / = dividi, ^2 =elevato al quadrato)

con
- F = forza con cui interagiscono due corpi dotati di massa e si calcola espressa in N (Newton);
- G = costante di gravitazione universale;
_ G = 6,67029 x 10^-11 (N x m^2) / kg^2,
_ semplificato a G=6,67 x 10^-11 (N x m^2) / kg^2. (Newton per metri al quadrato, tutto fratto chilogrammi al quadrato)
- m1 = massa del corpo 1, si calcola espressa in chilogrammi (Kg).
- m2 = massa del corpo 2, si calcola espressa in chilogrammi (Kg).
- R = distanza fra i corpi. Siccome è R elevato al quadrato, si calcola in metro quadrato (m^2).

46

Spiegazione della formula

Il modulo della forza con cui interagiscono due corpi di massa m1 e m2 (o m e M) è:
_ direttamente proporzionale al prodotto delle masse_ indirettamente proporzionale al quadrato della distanza tra le due masse
- G è detta costante di gravitazione universale, il suo valore è sempre 6,67 x 10^-11 (N x m^2)/kg^2 [valore semplificato]. G serve a esprimere la proporzionalità tra le grandezze ed è sempre uguale per qualsiasi coppia di corpi dotati di massa.

Continua la lettura
56

Osservazioni

- La forza F è sempre positiva perché la costante G è sempre positiva, e anche dimostrando matematicamente non esistono masse negative, quindi il risultato del prodotto delle masse e del rapporto con la distanza sarà sempre positivo.
- La forza F è un vettore che ha come modulo la forza risultante dalla formula, come direzione la retta della distanza, come verso l'altro pianeta.
- Le masse dei due corpi possono essere indicate anche con "m" e "M", e in genere indicano la massa più piccola e quella più grande. Nel caso in cui ci siano più di due masse, allora si indica con m1, m2, m3... Mn.
- Una massa m1 nello stesso momento può essere soggetta all'azione di attrazione gravitazionale di più masse (quindi non si considera solo la coppia formata con m2, ma anche m3, m4... Mn). In questo caso la forza risultante sarà la somma di tutte le forze (F = F1 + F2 + F3 +...+ Fn).- Quando la distanza dei corpi è molto maggiore rispetto al raggio, i corpi si considerano puntiformi (in genere è così). Se così non fosse, la distanza si calcola tra i centri dei corpi).

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esercitarsi con problemi semplici da testi di fisica o da internet
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

come calcolare la velocità di una navetta spaziale

In questa breve guida impareremo come calcolare la velocità di una navetta spaziale, o equivalentemente di un qualsiasi corpo, che è in orbita attorno alla terra secondo una traiettoria circolare. Per fare ciò applicheremo le leggi classiche della...
Superiori

Fisica: il moto dei pianeti

In ordine di distanza dal Sole, i pianeti del Sistema solare sono: Mercurio, Venere, Terra, Marte (chiamati pianeti interni, o terrestri, perché presentano caratteristiche che sono simili a quelle del nostro pianeta), Giove, Saturno, Urano, Nettuno (detti...
Università e Master

I numeri più strani della teoria delle stringhe

In fisica, la teoria delle stringhe ha completamente rivoluzionato il mondo scientifico grazie alle sue intuizioni innovative che sono ancora oggi oggetto di molteplici studi da parte di ricercatori in tutto il mondo. Il termine deriva dall'inglese "string"...
Superiori

Appunti di fisica: gli urti

Appunti di fisica. L'urto è definito come un evento circoscritto, poiché non agisce sul sistema alcuna forza esterna, nel quale più corpi, ma in linea di massima due, si urtano, interagendo fra di loro toccandosi ed esercitando per un tempo rapidissimo...
Superiori

Come calcolare l'accelerazione del centro di massa

Sia in fisica che in meccanica il centro di massa viene anche detto baricentro, cioè quel punto di un sistema che corrisponde al valore rappresentativo della massa nello spazio e della sua distribuzione. Questo centro di massa però potrebbe non corrispondere...
Università e Master

Come Determinare Il Momento Di Inerzia

Il momento di inerzia è una grandezza fisica utile per descrivere il comportamento dinamico dei corpi in rotazione attorno ad un asse specifico. Tale grandezza è definita come il secondo momento della massa rispetto alla posizione. Il momento d'inerzia...
Superiori

Come calcolare la massa di un corpo

Quando si studia a volte si potrà, in un certo senso, imbatterci in argomenti o materie particolari che potranno causare più di un problema, e perciò siamo costretti a vedere nuovamente, rallentando il nostro studio. In tale articolo, vogliamo fermarvi...
Università e Master

Come calcolare la quota di un satellite geostazionario

In questo tutorial di oggi vi spiegheremo come calcolare la quota di un satellite geostazionario. Esso è un calcolo veramente interessante. Per essere più precisi vi andremo ad indicare quale è la quota alla quale orbita un satellite in orbita geostazionaria....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.